Off topic: Articolo interessante su Vista
Thread poster: Giuseppina Gatta, MA (Hons)

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Feb 2, 2007

Vista è una cabina armadio
Tutto l'abbigliamento è preconfezionato.

[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2007]

Restano pochi mesi per acquistare un Pc dotato di un sistema operativo ancora utilizzabile da un utente normale. Se il buon giorno si vede dal mattino c'è da scommettere che tra poco troveremo in vendita solo macchine "a prova di scemo".

Ebbene sì, l'ultimo sistema operativo di Microsoft sembra proprio una cabina-armadio. Nulla da dire, per carità, sull'aspetto esteriore o sui contenuti: tutto bello, tutto nuovo, tutto colorato. Ma, ci serviva davvero un ambaradan di questo genere?


In Inghilterra, il ministero dell'educazione ne ha sconsigliato l'istallazione alle scuole sostanzialmente perché il gioco non varrebbe la candela; ma a parte la "dritta", i dubbi continuano a crescere per tutta una serie di motivi.

Innanzi tutto il contenitore: quasi tutte le nostre case hanno le stanze piccole e la cabina-armadio è troppo ingombrante e ci entra con difficoltà. E' troppo alta, troppo massiccia, gli sportelli si aprono troppo a ridosso della porta e in alto toccano il lampadario, bisogna accendere sempre la luce perché la finestra risulta coperta a metà e ci impieghiamo una vita a trovare il vestito della domenica.

E poi, la serratura: vuoi mettere, a prova di scassinatore. Ma se perdi la chiave, o solo provi a spostare il mobile in un'altra stanza, la cabina-armadio non si apre più e ci va l'intervento del venditore per ripristinarne le funzionalità. Sempre che il possessore venga riconosciuto tale a pieno titolo e il nuovo ambiente ricosciuto idoneo alla nuova istallazione.

Eravamo ai vestiti: eh già, i vestiti; cioè il contenuto. Pensa un po' che bello, ci hanno venduto il mobile con tutto un corredo completo e per tutta la famiglia. Vabbé che il mobiliare afferma di aver analizzato per anni i bisogni e le soluzioni sul mercato per una famiglia media, ragion per cui il prodotto è da considerarsi il meglio del meglio. Ma resta il fatto che ci ha appioppato di tutto, a partire dal vestito della prima comunione fino al pannolone per gli eventuali incontinenti.

E ci strizza l'occhio accennando al fatto che esite la possibilità di bloccare alcuni cassetti, in modo che il contenuto "per soli adulti" non possa turbare le giovani menti curiose. Ma, io che non uso abbigliamenti da trans né sadomaso, avrò la possibilità di comprare e adoperare un vestito firmato, potrò riporre il mio borsalino e la prada della mia signora?

Non si sa. C'è infatti un elenco di vestiti e accessori pre-testati e classificati quali idonei abitanti della cabina-armadio; antiallergici, ingualcibili, rifuggiti dalla tarme e aborriti dalle camole di ogni specie varietà e misura.

In genere, roba di gran marca, magari prodotta dal mobiliere medesimo o da certi suoi amici; per non correre il rischio di contaminazione a causa della robetta acquistata nel mercatino rionale, ci dicono. Ma ci pare di aver già sentito questa canzone: sarà mica lo slogan sulla marca dell'anticalcare per lavatrice?

E se volessi conservare gli scarponi da sci? Vietato, forse la neve avrà lasciato tracce di umido. Allora forse l'orologio d'argento del nonno? Neanche quello, non è digitale e non viene riconosciuto come idoneo.

Solo che se adopero l'anticalcare del discount, i panni li lavo lo stesso, mentre se qui per caso riesco a infilarci una maglietta sudata, corro il rischio di bloccare tutte le porte e non riuscire più ad aprirle.

E allora, che mai potrò metterci di bello in questo benedetto e carissimo mobile? Intanto vediamo cosa c'è già in dotazione, e a fatica tiriamo fuori la roba per esaminarla alla luce.

Beh, non ci entusiasma proprio: per lo più indumenti e accessori riciclati: qua hanno cambiato le fodere lise, là hanno sostituito la manica ormai troppo rammendata. Ma di vestiti veramente nuovi, pochi; e bisognerù vedere se e quando li indosseremo. Nel complesso, tutta produzione da grande magazzino, ma non si tratta certo di La Fayette.

E tutto rigorosamente standardizzato e unisex. Taglia XXL? non c'è. Sarebbe troppo il pretendere (Vista? il costo) di conservare almeno il completo che mi ci sono sposato? Gnornò, che non posso. A meno che non sia un completo a suo tempo prodotto o distribuito dal mobiliere, nel qual caso ho qualche speranza. Però senza andare proppo indietro negli anni, se sono convolato a giuste nozze intorno al 1998, probabilmente no.

Ah, dimenticavo la cosa più importante. Questo strapagato gioiello tecnologico non è neppure mio; ce l'ho solo in comodato d'uso, con le modalità vessatorie imposte dal mobiliere. Peccato che possa leggerle solo dopo aver sballato e montato la cabina-armadio con tutto il suo contenuto.

Che gli inglesi una volta tanto abbiano ragione?


Direct link Reply with quote
 

Gianni Pastore  Identity Verified
Italy
Local time: 13:37
Member (2007)
English to Italian
Feb 2, 2007

Giuseppina Gatta wrote:
Che gli inglesi una volta tanto abbiano ragione?


[Edited at 2007-02-02 08:59]


Direct link Reply with quote
 

Andrea Re  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 12:37
English to Italian
+ ...
E chi lo sa se è vero.... Feb 2, 2007

io personalmente non lo scoprirò se quello che dicono è vero, perché i soldoni a quelli della microsoft non glieli do di certo. Magari quando mi compro il computer nuovo, forse.... chissà. Però se mi trovo con un po' di soldi da buttare mi volevo fare un Mac, così posso provare il Vista vero:)

Andrea


Direct link Reply with quote
 

Leonardo Musumeci  Identity Verified
Italy
Local time: 13:37
English to Italian
+ ...
il giusto mezzo aristotelico Feb 6, 2007

Andrea Re wrote:

io personalmente non lo scoprirò se quello che dicono è vero, perché i soldoni a quelli della microsoft non glieli do di certo. Magari quando mi compro il computer nuovo, forse.... chissà. Però se mi trovo con un po' di soldi da buttare mi volevo fare un Mac, così posso provare il Vista vero:)

Andrea


Ci sono 3 tipologie di persone che si possono notare di fronte a novità tecnologiche:

1) il pecorone entusiasta che di fronte ad una novità tecnologica (software, hardware, telefonia o altro), incapace di connettere mente ed azione, si proietta a comprarla, incurante del prezzo, caratteristiche tecniche o altro. Ciò che importa è averla, subito ed a tutti i costi.

2) il dandy, informatissimo su tutte le caratteristiche tecnologiche delle ultime novità, si riconosce dall'uso spropositato di termini come "interfacciamento", "interfacciarsi","in automatico", "default" ed altri ma che in realtà non conosce realmente ciò di cui sta parlando. L'ultima novità tecnologica che possiede, altro non è che il meglio che la sua brillante mente abbia potuto consigliarli.

3) il pensatore invece è sempre molto informato, documentato, attento ad ogni dettaglio, sia dal punto di vista tecnico che per quanto riguarda il prezzo. Il suo scopo è individuare l'ultima novità tecnologica, sondarne e sviscerarne ogni caratteristica tecnica e non, analizzarla, valutarne vantaggi e svantaggi, cercare il pelo nell'uovo di Pasqua, valutare attentamente il rapporto qualità/prezzo e solo se pienamente soddisfatto, acquistarla.

Se guardate attentamente quando siete in un mediaworld, ipermercato o similia che abbia materiale informatico/tecnologico, noterete sicuramente una o più di queste tipologie

Io, ovviamente, appartengo all'ultima categoria e quindi assolutamente non comprerò sicuramente ora (e probabilmente mai) Wista (alias Windows Vista), perché?

Per vari motivi:

- sistema troppo ed inutilmente blindato, ad esempio la protezione UAC (user access control, in pratica per qualsiasi cosa viene chiesta una o più password per n volte, con l'unico risultato di inviperire l'utente...), assolutamente inutile e fastidiosa, in linux/unix è presente un sistema di elevazione dei privilegi simile ma molto più efficace, da sempre

- trusted computing (protezioni hardware e software: chiavi crittografiche hardware, cioè legate alla macchina che si sta usando e software, dipendenti dai programmi installati, che impediranno di usare software ed hardware liberamente: ad esempio, se volessi usare il software x per vedere il tal dvd potrebbe impedirmelo...)

- il prezzo (troppe versioni e troppo care)

- incompatibilità di driver hardware e software

Alcuni pro e contro sono elencati in questo articolo di punto informatico:

http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1868275&p=1&r=PI

Per questi motivi ed altro ancora, ho iniziato già da un mese ad utilizzare Linux ed in particolare Ubuntu (http://it.wikipedia.org/wiki/Ubuntu_(distribuzione_Linux)) che rappresenta il giusto mezzo aristotelico tra Wista ed il Mac (caro il primo e caro, purtroppo, pure il secondo...non dimentichiamo poi che una volta presa confidenza con linux, si potrà più facilmente utilizzare il Mac - essendo un ambiente che deriva da Unix - )

Senza fare "guerre di religione" (che in molti casi son più che giustificate....) tra windows e Linux, Ubuntu offre un sistema gratuito, liberamente distribuibile, sicuro.
Include una suite per ufficio completa e gratuita quale Openoffice.org (sbaglio o Microsoft ancora non ha mai pensato di distribuire gratuitamente office? ), un programma di fotoritocco gratuito quasi ai livelli di Photoshop (Gimp - http://it.wikipedia.org/wiki/GIMP -) ed inoltre qualsiasi software che abbia voglia d'usare è liberamente disponibile (e molte volte è di qualità superiore ai software per windows...)

Molti penseranno: "ma io lavoro con windows? come faccio?"

Basta avere entrambi i sistemi utilizzando un bootloader che scelga quale sistema operativo far partire (io, ad esempio, sul portatile ho sia windows xp che Ubuntu - ovviamente su due partizioni distinte - )

Per chi vuole provarlo senza modificare il sitema in uso esiste anche un live cd: basta inserirlo e si potrà utilizzarlo senza installazione

(http://www.ubuntu-it.org/index.php?page=Ottenere_Ubuntu)...


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 10:37
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Vista la situazione... Feb 6, 2007

Leonardo Musumeci wrote:
Ci sono 3 tipologie di persone che si possono notare di fronte a novità tecnologiche:

1) il pecorone entusiasta che di fronte ad una novità tecnologica (software, hardware, telefonia o altro), incapace di connettere mente ed azione, si proietta a comprarla, incurante del prezzo, caratteristiche tecniche o altro. Ciò che importa è averla, subito ed a tutti i costi.

2) il dandy, informatissimo su tutte le caratteristiche tecnologiche delle ultime novità, si riconosce dall'uso spropositato di termini come "interfacciamento", "interfacciarsi","in automatico", "default" ed altri ma che in realtà non conosce realmente ciò di cui sta parlando. L'ultima novità tecnologica che possiede, altro non è che il meglio che la sua brillante mente abbia potuto consigliarli.

3) il pensatore invece è sempre molto informato, documentato, attento ad ogni dettaglio, sia dal punto di vista tecnico che per quanto riguarda il prezzo. Il suo scopo è individuare l'ultima novità tecnologica, sondarne e sviscerarne ogni caratteristica tecnica e non, analizzarla, valutarne vantaggi e svantaggi, cercare il pelo nell'uovo di Pasqua, valutare attentamente il rapporto qualità/prezzo e solo se pienamente soddisfatto, acquistarla.
...


Un altra tipologia:

4) l'utente pratico, si tiene informato quanto basta ma non passa ogni ora libera a tenersi informato, che rischia di diventare un lavoro a tempo pieno in sé. Aggiorna hardware e software quando serve ma se non serve si tiene stretto il sistema che ha, e che funziona bene, fino a quando non ha un motivo fondato per cambiare.


Io personalmente penso che mi terrò stretto ancora per 1 o 2 anni il mio XP, che ho adottato solo quando era ben maturo e non appena era uscito.
Allo stesso tempo sto prendendo in considerazione di passare a un sistema Linux, che incomincia a diventare l'alternativa più seria con prospettive concrete di diventare presto una parte importante del mercato degli utenti.
Vista sarà adottato solo se dovesse diventare assolutamente vitale e comunque non prima di 1 o 2 anni, e se tutto va bene non lo adotterò per niente.

Inizialmente andrò avanti con un sistema XP (su laptop) per il lavoro, soprattutto per il vincolo dei software CAT, e uno Linux (su desktop) per tutto il resto (i miei testi, grafica, email, navigazione Internet, ecc.).

Spero di passare interamente a Linux non appena trovo un software CAT compatibile. Ne esistono già alcuni (Omega X, Hartsome) e sono certo che altri arriveranno presto.


ciao
Gianfranco



[Edited at 2007-02-06 18:08]


Direct link Reply with quote
 
xxxGabi Ancarol
Italy
Italian to Spanish
+ ...
d'accordo Feb 8, 2007

gianfranco wrote:

Un altra tipologia:

4) l'utente pratico, si tiene informato quanto basta ma non passa ogni ora libera a tenersi informato, che rischia di diventare un lavoro a tempo pieno in sé. Aggiorna hardware e software quando serve ma se non serve si tiene stretto il sistema che ha, e che funziona bene, fino a quando non ha un motivo fondato per cambiare.




condivido in pieno.
un beso


Direct link Reply with quote
 

Luca Ruella  Identity Verified
United States
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Comprare Vista? Siamo seri... Feb 8, 2007

In generale comprare qualsiasi novità informatica appena uscita è sempre una pessima idea per i seguenti motivi

- pessimo rapporto qualità\prezzo
- problemi di bug e instabilità
- problemi di compatibilità

Attualmente non riesco a pensare a nessun motivo che giustifichi l'acquisto di vista. Dell'interfaccia Aero me ne frega ben poco, non penso sia neanche comoda da usare. Le directX10 servono solo per giocare su macchine megapompate, altro software vista-only non credo ne esisterà per un bel po'. Di contro, abbiamo tutti i blocchi TC imposti da MS citati da zeus (che conosco tra l'altro e saluto )


Maria Gabriela Ancarola wrote:
Molti penseranno: "ma io lavoro con windows? come faccio?"

Basta avere entrambi i sistemi utilizzando un bootloader che scelga quale sistema operativo far partire (io, ad esempio, sul portatile ho sia windows xp che Ubuntu - ovviamente su due partizioni distinte - )


A questo proposito volevo rivolgerti una domanda. anche io ho provato a passare a mandriva, ma dopo un paio di tentativi ho rinunciato.

La domanda è "se io con windows lavoro" che senso ha avere 2 partizioni, come già ho provato a fare, se tanto poi per comodità finisci per usare sempre windows perchè tanto Trados, Transit e SDLX girano SOLO lì così come tutti gli altri programmi che conosci. E su linux quando vuoi installare qualcosa hai comunque dei problemi perchè per compilare i tar.gz non sai da dove inziare e gli RPM non sempre funzionano e, se non funzionano, non sai dove mettere le mani?

Lo stesso GIMP ho provato a usarlo e non mi è sembrato per nulla friendly, tant'è che mi son scaricato la versione di prova di PhotoShop per fare quel che dovevo fare e sono stato in grado di usarla molto piu facilmente.

E magari provi a scaricare WINe, che ti fa girare alla fine poche applicazioni e male e non è cmq facile da capire?

Aiutami, già uso OpenOffice su Win e vorrei passare a Linux, ma temo che allo stato attuale delle cose, checché ne dicano i geek, XP sia ancora la scelta migliore.


Direct link Reply with quote
 

Leonardo Musumeci  Identity Verified
Italy
Local time: 13:37
English to Italian
+ ...
Ubuntu è un po' diverso Feb 9, 2007

Luca Ruella wrote:


In generale comprare qualsiasi novità informatica appena uscita è sempre una pessima idea per i seguenti motivi

- pessimo rapporto qualità\prezzo
- problemi di bug e instabilità
- problemi di compatibilità

Attualmente non riesco a pensare a nessun motivo che giustifichi l'acquisto di vista. Dell'interfaccia Aero me ne frega ben poco, non penso sia neanche comoda da usare. Le directX10 servono solo per giocare su macchine megapompate, altro software vista-only non credo ne esisterà per un bel po'. Di contro, abbiamo tutti i blocchi TC imposti da MS citati da zeus (che conosco tra l'altro e saluto )



Concordo con tutto, in particolare con Aero che esiste praticamente uguale, anche su linux, se proprio si volesse usarla: Xgl e Compiz

http://linux.html.it/articoli/leggi/2074/desktop-in-3d-per-linux/


Leonardo Musumeci wrote:
Molti penseranno: "ma io lavoro con windows? come faccio?"

Basta avere entrambi i sistemi utilizzando un bootloader che scelga quale sistema operativo far partire (io, ad esempio, sul portatile ho sia windows xp che Ubuntu - ovviamente su due partizioni distinte - )


Luca Ruella wrote:

A questo proposito volevo rivolgerti una domanda. anche io ho provato a passare a mandriva, ma dopo un paio di tentativi ho rinunciato.

La domanda è "se io con windows lavoro" che senso ha avere 2 partizioni, come già ho provato a fare, se tanto poi per comodità finisci per usare sempre windows perchè tanto Trados, Transit e SDLX girano SOLO lì così come tutti gli altri programmi che conosci.



Io ho la doppia partizione per cominciare a conoscerlo, faccio quindi le classiche cose che farei quotidianamente con windows per uso personale: posta, internet, ecc...

Per gli altri programmi che non usi per lavoro (tipo software per ascoltare mp3, vedere dvd, video, ecc....) si conoscono un po' alla volta....

Per il lavoro c'è Openoffice e Omegat che potresti utilizzare per gestire testi che non utilizzano Trados (html, .txt , formato office tramite openoffice...), per Trados, Sdl,ecc.... non c'è nulla di open source (se tutti i formati fossero compatibili con xml, forse qualcosa si potrebbe fare, in futuro....)

Luca Ruella wrote:

E su linux quando vuoi installare qualcosa hai comunque dei problemi perchè per compilare i tar.gz non sai da dove inziare e gli RPM non sempre funzionano e, se non funzionano, non sai dove mettere le mani?



Su Ubuntu per installare, disinstallare pacchetti, aggiornamenti c'è Synaptic ( http://en.wikipedia.org/wiki/Synaptic ) che usa Apt e funziona perfettamente (c'è un aggiornamento in stile windows, in pratica....)

Da quanto vedo dall'articolo sopra di Wikipedia, sembra possa essere usato anche con Rpm (uso linux da poco, non uso Mandriva e quindi non posso aiutarti più di tanto....)

C'è un membro di Proz che usa linux da molto tempo, Alessandro Cattelan, sicuramente lui saprà darti consigli migliori...

Luca Ruella wrote:

Lo stesso GIMP ho provato a usarlo e non mi è sembrato per nulla friendly, tant'è che mi son scaricato la versione di prova di PhotoShop per fare quel che dovevo fare e sono stato in grado di usarla molto piu facilmente.



I programmi di fotoritocco sono molto personali (ho usato Photoshop per un po' per lavoro ma non mi son mai trovato a mio agio. Un grafico esperto che lavorava da vari anni in quella stessa azienda, lo trovava troppo macchinoso ed usava Paint Shop Pro - che ho usato per anni con windows -)
Gimp certo non ha un'interfaccia amichevole al primo impatto ma avendo un po' di pazienza durante il training iniziale, può stupire...

Luca Ruella wrote:

E magari provi a scaricare WINe, che ti fa girare alla fine poche applicazioni e male e non è cmq facile da capire?

Aiutami, già uso OpenOffice su Win e vorrei passare a Linux, ma temo che allo stato attuale delle cose, checché ne dicano i geek, XP sia ancora la scelta migliore.



Non ho mai usato WINe e non credo nemmeno che l'userò, non ne vedo il motivo: se decidi di fare il grande salto perché usare programmi per windows su linux...

Mi sembra un controsenso...


Direct link Reply with quote
 
xxxGabi Ancarol
Italy
Italian to Spanish
+ ...
scusa... Feb 9, 2007

Luca Ruella wrote:


In generale comprare qualsiasi novità informatica appena uscita è sempre una pessima idea per i seguenti motivi
(...)

Maria Gabriela Ancarola wrote:
Molti penseranno: "ma io lavoro con windows? come faccio?"

Basta avere entrambi i sistemi utilizzando un bootloader che scelga quale sistema operativo far partire (io, ad esempio, sul portatile ho sia windows xp che Ubuntu - ovviamente su due partizioni distinte - )


A questo proposito volevo rivolgerti una domanda. anche io ho provato a (...)


ma come hai fatto a citare un qualcosa che io non ho detto?
...just curious.

Gabi

[Edited at 2007-02-09 12:19]


Direct link Reply with quote
 

Luca Ruella  Identity Verified
United States
Member (2005)
English to Italian
+ ...
ecco Feb 9, 2007



Non ho mai usato WINe e non credo nemmeno che l'userò, non ne vedo il motivo: se decidi di fare il grande salto perché usare programmi per windows su linux...

Mi sembra un controsenso...



bhe perchè cmq la stragrande maggioranza del SW e per Windows, giochi compresi (e a me giocare ogni tanto piace) e prima o poi avrai sicuramente bisogno di un programma win.

ti ringrazio cmq in generale per le risposte.

Mi scuso con Maria Gabriela, ho fatto un reply with quote un po' creativo


Direct link Reply with quote
 

Leonardo Musumeci  Identity Verified
Italy
Local time: 13:37
English to Italian
+ ...
ogni programma per windows ha un corrispettivo in linux Feb 9, 2007

Luca Ruella wrote:



Non ho mai usato WINe e non credo nemmeno che l'userò, non ne vedo il motivo: se decidi di fare il grande salto perché usare programmi per windows su linux...

Mi sembra un controsenso...



bhe perchè cmq la stragrande maggioranza del SW e per Windows, giochi compresi (e a me giocare ogni tanto piace) e prima o poi avrai sicuramente bisogno di un programma win.

ti ringrazio cmq in generale per le risposte.

Mi scuso con Maria Gabriela, ho fatto un reply with quote un po' creativo


Ti posso assicurare che qualsiasi programma che usi per windows ha un suo corrispettivo in linux (ovviamente non sarà lo stesso programma commerciale ma sicuramente c'è e molte volte non un solo programma: ad esempio usi Emule, per linux c'è Amule, per Office abbiamo già citato Openoffice, ecc... (ancora non ne conosco molti ) ma un mio amico che fa il sistemista linux da anni, usa qualsiasi cosa senza toccar mai windows ....

Per i giochi, beh...ci sono: anche unreal tournament, quake, ecc...

http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Linux_games

http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_commercial_Linux_games


Direct link Reply with quote
 

Leonardo Musumeci  Identity Verified
Italy
Local time: 13:37
English to Italian
+ ...
basta modificare ed usare il copia-incolla Feb 9, 2007

Maria Gabriela Ancarola wrote:

Luca Ruella wrote:


In generale comprare qualsiasi novità informatica appena uscita è sempre una pessima idea per i seguenti motivi
(...)

Maria Gabriela Ancarola wrote:
Molti penseranno: "ma io lavoro con windows? come faccio?"

Basta avere entrambi i sistemi utilizzando un bootloader che scelga quale sistema operativo far partire (io, ad esempio, sul portatile ho sia windows xp che Ubuntu - ovviamente su due partizioni distinte - )


A questo proposito volevo rivolgerti una domanda. anche io ho provato a (...)


ma come hai fatto a citare un qualcosa che io non ho detto?
...just curious.

Gabi

[Edited at 2007-02-09 12:19]


Si tratta del linguaggio bbcode (http://it.wikipedia.org/wiki/BBCode- nella finestra dove scrivi, sulla sinistra, puoi notare "html is: on" e "bbcode is: on" e ciò significa che puoi usare sia i tag html che il bbcode) usato per formattare i forum, in questo caso la citazione è inclusa tra il tag quote e /quote (tra parentesi quadre), basta prender la prima parte con il nome e modificarla, ad esempio, tu hai scritto:

Maria Gabriela Ancarola wrote:

ma come hai fatto a citare un qualcosa che io non ho detto?
...just curious.



volendo posso copiare la prima parte con "xxxx wrote:" e modificarla:

Ciao come stai Maria Gabriela Ancarola? wrote:

ma come hai fatto a citare un qualcosa che io non ho detto?
...just curious.




È molto comodo quando vuoi citare solo alcune parti del post...



[Edited at 2007-02-09 18:20]

[Edited at 2007-02-09 18:30]


Direct link Reply with quote
 

lanave  Identity Verified
Italy
Local time: 13:37
French to Italian
+ ...
Giusto!! Mar 1, 2007

Anche io piuttosto al prossimo acquisto prendo un Mac.

Ho viisto un video Vista vs Mac OS troppo divertente. Se trovo il link lo posto.

Anna

Andrea Re wrote:

io personalmente non lo scoprirò se quello che dicono è vero, perché i soldoni a quelli della microsoft non glieli do di certo. Magari quando mi compro il computer nuovo, forse.... chissà. Però se mi trovo con un po' di soldi da buttare mi volevo fare un Mac, così posso provare il Vista vero:)

Andrea


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Articolo interessante su Vista

Advanced search






Wordfast Pro
Translation Memory Software for Any Platform

Exclusive discount for ProZ.com users! Save over 13% when purchasing Wordfast Pro through ProZ.com. Wordfast is the world's #1 provider of platform-independent Translation Memory software. Consistently ranked the most user-friendly and highest value

More info »
Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search