Se il cliente è estero...
Thread poster: Franco Bonalumi

Franco Bonalumi  Identity Verified
Local time: 15:50
English to Italian
+ ...
Jun 26, 2007

Ciao a tutti, ho recentemente eseguito una traduzione per un cliente estero (USA), e ho un dubbio "fiscale"...

Premetto che non ho partita IVA, gli incarichi sono molto saltuari e quindi lavoro in ritenuta d'acconto. Chi fra di voi lavora direttamente con clienti esteri, saprebbe dirmi se nella fattura (o, nel mio caso, nella dichiarazione di prestazione occasionale) bisogna calcolare ugualmente l'IVA (o la ritenuta)? A naso mi verrebbe da dire di no, perché il cliente poi non pagherebbe la tassa allo stato Italiano...

Ho provato a guardare sul sito dell'AITI, ma ho trovato solo documentazione in burocratese stretto e non c'ho capito nulla...

Grazie!


Direct link Reply with quote
 

Anna Narcisi  Identity Verified
Local time: 15:50
English to Italian
+ ...
Non si calcola la ritenuta Jun 27, 2007

Ciao Franco,

in caso di prestazioni occasionali con l'estero non si applica il 20% di ritenuta d'acconto perchè, proprio come dici tu, il cliente straniero non paga le tasse allo stato italiano. Nelle mie notule aggiungo questa dicitura in fondo:

"Prestazione non soggetta ad I.V.A. in quanto attività occasionale (ex art.1 e 5 D.P.R. 633/72 e successive modifiche)"

Spero di esserti stata utile, buon lavoro

Anna


Direct link Reply with quote
 
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 15:50
Member
English to Italian
+ ...
nessuno dei due Jun 27, 2007

Siccome non sei un soggetto Iva (non hai partita Iva), non puoi a tua volta addebitare l'Iva al tuo cliente.

Siccome il tuo cliente è straniero, non può versarti la ritenuta d'acconto, agendo da sostituto d'imposta.

Quindi nella tua ricevuta/notula non devi indicare né Iva né sottrarre la ritenuta d'acconto.

Valentina


Direct link Reply with quote
 

Franco Bonalumi  Identity Verified
Local time: 15:50
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie! Jun 27, 2007

Grazie Anna e Valentina

Direct link Reply with quote
 
Valentina751  Identity Verified
Italy
Local time: 15:50
English to Italian
+ ...
Fac simile di notula per estero Aug 7, 2007

Scusate la ripetizione dell'argomento, ma leggendo il forum per cercare una risposta ai miei dubbi mi sono imbattuta in questo e vorrei approfittare della vostra pazienza per vere conferma di quanto sto per dirvi:

La mia situazione - da come ho capito - è molto simile a quella di Franco, cioè faccio traduzioni - in realtà da molti anni - ma era tempo che non lo facevo diciamo da autonoma...la mia idea è quella di effettuarle sotto forma di prestazione occasionale. Ora, ho iniziato a collaborare con un'agenzia italiana che mi passa lavoro regolare e mi permette di emettere fattura senza partita IVA (a tal proposito nella prima fattura mi ha calcolato il totale inserendo solo la detrazione del 20% riferita all'irpef...cosa vuol dire?...cioè quando farò la nuova dichiarazione dei redditi mi tolgono ulteriori soldi?).
Ora vorrei trovare clienti esteri - in realtà ho già ricevuto qualche proposta - ma sono in dubbio su come redigere una eventuale "notula" in versione estera e/o come giustificare il fatto che non ho partita IVA (per scelta ovvio) e risultare ugualmente professionale nell'emettere fattura senza stare a spiegare loro tutta la storiella.
Qualcuno può per caso fornirmi un esempio di ricevuta/fattura che emette a clienti esteri senza avere partita iva? E poi bisogna comunicare al cliente/agenzia che non abbiamo partita iva?

Vi ringrazio fin d'ora per il vostro aiuto

Valentina


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 10:50
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Acconti e prestazioni occasionali Aug 7, 2007

Valentina751 wrote:
... nella prima fattura mi ha calcolato il totale inserendo solo la detrazione del 20% riferita all'irpef...cosa vuol dire?...cioè quando farò la nuova dichiarazione dei redditi mi tolgono ulteriori soldi?).

La ritenuta d'acconto è, manco a dirlo... un acconto. Lo dice il nome stesso
Non rappresenta quindi l'intero importo delle tasse dovute.

Con le ritenute d'acconto paghi solo degli acconti per la tua Irpef (il 20% per ogni prestazione occasionale), ma al momento della dichiarazione dei redditi e del saldo Irpef per l'anno, a seconda della tua situazione specifica, potresti dover aggiungere qualcosa, oppure andare a credito.

Questo lo scoprirai solo al momento di tirare le fila di tutti i tuoi redditi nell'anno, meno le eventuali tasse versate alla fonte (lavoro dipendente), meno gli eventuali acconti già versati e meno altre eventuali detrazioni di cui potresti godere.

Valentina751 wrote:
Ora vorrei trovare clienti esteri - in realtà ho già ricevuto qualche proposta - ma sono in dubbio su come redigere una eventuale "notula" in versione estera e/o come giustificare il fatto che non ho partita IVA (per scelta ovvio) e risultare ugualmente professionale nell'emettere fattura senza stare a spiegare loro tutta la storiella.
Qualcuno può per caso fornirmi un esempio di ricevuta/fattura che emette a clienti esteri senza avere partita iva? E poi bisogna comunicare al cliente/agenzia che non abbiamo partita iva?

Ti guido passo per passo. Guarda il tuo intervento qui sopra. Risali di 3 interventi, e trovi la risposta che cerchi, fornita da Anna Narcisi.


ciao
Gianfranco



[Edited at 2007-08-07 12:25]


Direct link Reply with quote
 
Valentina751  Identity Verified
Italy
Local time: 15:50
English to Italian
+ ...
Quanto importa al cliente estero sapere se abbiamo P.IVA? Aug 9, 2007

Ti guido passo per passo. Guarda il tuo intervento qui sopra. Risali di 3 interventi, e trovi la risposta che cerchi, fornita da Anna Narcisi.

ciao
Gianfranco

Grazie mille Gianfranco...mi confermi anche che la ricevuta può essere redatta in italiano? Perdonami le domande, ma in attesa di sentire un commercialista, vorrei sentirmi pù tranquilla...
Inoltre, mi chiedo: quanto interessa al cliente estero sapere se abbiamo o no una partita IVA? Cioè, potrebbe dirmi che senza partita IVA non mi passa il lavoro?

Grazie ancora
Valentina


Direct link Reply with quote
 

fernandoianni
Malta
Local time: 15:50
English to Italian
+ ...
freelance italiano all'estero Feb 3, 2010

Anna Narcisi wrote:

Ciao Franco,

in caso di prestazioni occasionali con l'estero non si applica il 20% di ritenuta d'acconto perchè, proprio come dici tu, il cliente straniero non paga le tasse allo stato italiano. Nelle mie notule aggiungo questa dicitura in fondo:

"Prestazione non soggetta ad I.V.A. in quanto attività occasionale (ex art.1 e 5 D.P.R. 633/72 e successive modifiche)"

Spero di esserti stata utile, buon lavoro

Anna
Salve io sono un freelance italiano residente in Gran Bretagna. Sto lavorando per un'agenzia italiana e mi chiedevo come emettere la ricevuta di prestazione occasionale. Soprattutto vorrei sapere se la ricevuta va emessa in italiano o in inglese e poi se vi è l'obbligo di applicare una marca da bollo.

Saluti e grazie.


Direct link Reply with quote
 

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 15:50
English to Italian
+ ...
dove paghi le tasse? Feb 4, 2010

fernandoianni wrote:
Salve io sono un freelance italiano residente in Gran Bretagna. Sto lavorando per un'agenzia italiana e mi chiedevo come emettere la ricevuta di prestazione occasionale. Soprattutto vorrei sapere se la ricevuta va emessa in italiano o in inglese e poi se vi è l'obbligo di applicare una marca da bollo.

Saluti e grazie.


Oh ragazzi, un po' di buon senso.... dove paghi le tasse? Se, come penso, le paghi in Italia (altrimenti non parleresti di ricevuta di prestazione occasionale) e il tuo cliente è italiano, perché mai dovresti scrivere in un'altra lingua?
Per le marche da bollo, la risposta è no.

Manuela


Direct link Reply with quote
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Member (2004)
Italian to German
+ ...
E dove le trovi le marche da bollo in Inghilterra? Feb 4, 2010

fernandoianni wrote:

Salve io sono un freelance italiano residente in Gran Bretagna. Sto lavorando per un'agenzia italiana e mi chiedevo come emettere la ricevuta di prestazione occasionale. Soprattutto vorrei sapere se la ricevuta va emessa in italiano o in inglese e poi se vi è l'obbligo di applicare una marca da bollo.

Saluti e grazie. [/quote]



Effettivamente, mi pare un poco confusa la cosa. Se sei "residente", si presume che paghi anche le tasse nel Paese di residenza. Ma se paghi le tasse in Inghilterra, come puoi emettere una ricevuta per prestazioni occasionali?


Direct link Reply with quote
 
Kate Chaffer
Italy
Local time: 15:50
Italian to English
Buon senso sì, ma... Feb 4, 2010

fernandoianni wrote:

sono un freelance italiano residente in Gran Bretagna.


Sei residente in Gran Bretagna però, quindi pagherai le tasse in Gran Bretagna.

Troverai più informazioni qui:

http://www.hmrc.gov.uk/selfemployed/


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Buon senso e... Feb 4, 2010

...magari una visita dal commercialista non farebbe male (la cassa commercialisti non mi paga la percentuale), anche se costa, ma state lavorando o svolgendo un hobby? Tutte queste domande danno davvero un'impressione molto poco professionale...mi spiace sembrare strega acida, come sempre, ma è la pura verità.

Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Se il cliente è estero...

Advanced search






SDL MultiTerm 2017
Guarantee a unified, consistent and high-quality translation with terminology software by the industry leaders.

SDL MultiTerm 2017 allows translators to create one central location to store and manage multilingual terminology, and with SDL MultiTerm Extract 2017 you can automatically create term lists from your existing documentation to save time.

More info »
LSP.expert
You’re a freelance translator? LSP.expert helps you manage your daily translation jobs. It’s easy, fast and secure.

How about you start tracking translation jobs and sending invoices in minutes? You can also manage your clients and generate reports about your business activities. So you always keep a clear view on your planning, AND you get a free 30 day trial period!

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search