Pages in topic:   [1 2] >
Traduzione a prezzi stracciati : Ecco una chicca.
Thread poster: AngyNc
AngyNc
United States
Local time: 04:46
English to French
+ ...
Feb 10, 2003

Salve a tutti,

circa un anno fa, quando ancora lavoravo inhouse per un’agenzia di traduzioni, mi fu chiesto di valutare un test per il reclutamento di traduttori freelance EN>IT in vista di un grosso progetto che non avrei potuto tradurre da sola.

Valutai circa una cinquantina di test, un testo di media difficoltà, e alla fine, secondo i miei criteri, ne selezionai 10.

Comunicai quindi la mia scelta al responsabile del reclutamento freelance. Dopo circa un mese ricevetti la traduzione per la rilettura e, orrore, ecco un brano della suddetta traduzione, è un po’ lungo, ma vi assicuro che vale davvero la pena leggerlo.

“Nessun parte di questo documento puo essere riprodotto, memorizzato in una sistema di recupero o va trasmesso con qualsiasi mezzo di memorizzazione eletronica, mechanico, copie fotostatiche, registrato, o diversamente, senza il permesso scritto della X corporation. Nessun copyright o diritto di brevetto viene assunto rispetto all’uso delle informazioni contenuti qui. Anche se tutti i precauzioni sono presi nella preparazione del questo documento l’editore e l’autore non prende responsibilità per gli errori o omissioni. Neppure si prende la responsibilità per i danni che risultano dall’uso delle informazioni contenute qui.

Il software elaborato in questo documento è fornito sotto la licenza o accordo di segretezza. Questo software potrebbe usato o copiato solo nel rispetto delle norme previste dal contratto.

L’Application Explorer di X è una vista gerarchica grafica della applicazione tua. È ti mostra quali sono l’elementi configurati nella tua applicazione e fornisce un accesso semplice a questi elementi. È anche ti fornisce con accesso rapido a molte frequentamenti usati commandi e funzioni di X.

Come tutti i barri degli strumenti del X software, l’Application Explorer puó essere ancorato a qualsiasi estremità della finestra o puó essere lanciato da dovunque dentro dalla finestra del X software.

Quando si ancora l’Application Explorer ad una estremità della finestra, si ridimensionerà automaticamente al suo bisogno, e se necessità i barri di scorrimenti saranno esposti. Quando tu lanci l’Application Explorer dentro dalla finestra di X software, il barra del titolo sarà esposto. Come tutti barre degli strumenti, quando l’Applicazione Explorer si nuota, tu puoi cambiare le dimensioni.



Il SQL Access Manager add-on programma è strutturata a trasmettere facilmente la data. È anche facilità il trasferimento di runtime data, mettere in stato d’allarme o data storica sa X al SQL database.

Il SQL Access Manager programma viene utilizzata a creare e associare i colonni di database con i taginomi (traduzione davvero originale di tagname!)”



Niente male eh? Immaginate la frustrazione di dover spiegare al PM stressato, che naturalmente non leggeva neanche l’italiano, che una semplice rilettura non sarebbe bastata neanche a renderlo decente e che era davvero necessario ritradurlo.

Scoprii in seguito la scelta del traduttore non era stata basata sulle mie valutazioni, ma sulla “qualità”/prezzo. Come poter resistere alle tariffe competitive del “traduttore”, per non parlare poi del fatto che aveva una capacità di, udite udite, 6000 parole al giorno.

Ammetto che si tratti qui di una situazione estrema (o almeno lo spero), ma a questo punto mi chiedo, se, come mi ha detto recentemente un cliente, tariffe alte non sono una garanzia di qualità, figuriamoci i prezzi stracciati!

Questo mi porta a riaprire una questione, lo ammetto trita e ritrita, ma pur attuale : le tariffe ridicole offerte dalle agenzie. Non vi sembra che si stia davvero esagerando?

Recentemente ho letto le tariffe ufficiali dell’ AITI, ma chi le applica?

Lancio quindi un appello ai veri professionisti, vogliamo fare qualcosa o dobbiamo rassegnarci ad un’epoca di traduzion fast food?



Buona giornata a tutti



Angela



Direct link Reply with quote
 

Vassilios Ikonomidis  Identity Verified
Greece
Local time: 11:46
Italian to Greek
+ ...
"You pay peanuts, You get monkeys"! Feb 11, 2003

Secondo me, noi, professionisti, non possiamo fare altro che continuare a fornire un prodotto di alta qualita\'.

Le cattive traduzioni, prima o poi, torneranno da noi.o per correggerle, o addiritura per rifarle.

I clienti, alla fine capiranno che

\"you pay peanuts, you get monkeys\"...

(espressione usata da una mia cara collega)


Direct link Reply with quote
 
Marina Zinno  Identity Verified
Local time: 10:46
French to Italian
+ ...
marchio di qualità Feb 11, 2003

Cara Angela,

il vero problema è che qui non si tratta nemmeno di un traduttore madrelingua, criterio essenziale, ancor prima della qualità/prezzo!

Per esperienza personale devo dire che di bravi traduttori a tariffe competitive ce ne sono... io non sono una professionista, ho conoscenze linguistiche piuttosto approfondite e sopratutto una gran cura dell\'italiano ma in ambito traduzioni manco di una formazione vera e propria, nonostante questo le mie capacità sono state sempre apprezzate da vari clienti e agenzie di traduzioni, ma sono costretta a fare tariffe piuttosto competitive sia perchè il mercato della mia combinazione linguistica lo impone ma sopratutto perchè non avendo certificazioni credo sia giusto chiedere meno degli specialisti....

Ammetto che spesso i titoli e l\'esperienza non rappresentano una GARANZIA di qualità, solo un rapporto collaborativo fattivo e prolungato possono apporre il \"marchio\" ;P



In ogni caso... chi sceglie secondo determinati criteri deve preventivare a cosa va incontro



Direct link Reply with quote
 
Bruno Piatti  Identity Verified
Local time: 10:46
English to Italian
La spiegazione è una sola... Feb 11, 2003

Angy, non posso credere che tu non abbia pensato all\'unica soluzione possibile: un programma di traduzione automatica!

I prezzi \'vantaggiosi\', la produttività elevata e la qualità (!) della traduzione mi fanno pensare a un programma di MT (non TM...).

Sarebbe interessante avere il testo originale, darlo in pasto a uno dei traduttori automatici che si trovano su Internet (Altavista, ad esempio) e vedere il risultato.



ciao

Bruno



Direct link Reply with quote
 

Francesco Volpe  Identity Verified
Italy
Local time: 10:46
English to Italian
+ ...
Traduzioni "fast food" Feb 11, 2003

Quote:


On 2003-02-11 09:49, mzinno wrote:

In ogni caso... chi sceglie secondo determinati criteri deve preventivare a cosa va incontro





Uno dei problemi è proprio questo. Chi sceglie spesso non ha la capacità o la preparazione culturale di capire che la traduzione è un aspetto importantissimo della commercializzazione di un prodotto. Costoro pensano che in fondo si tratti di una semplice sovrapposizione di parole, di una semplice corrispondenza biunivoca tra grafemi che non richiede competenza. Per mia esperienza negli USA posso dire che spesso il traduttore è messo sullo stesso piano di un dattilografo. In base a questo pensano \"Perchè scegliere chi si fa pagare di più? Il risultato non è lo stesso in fin dei conti?\". Ecco perché alcuni ricorrono alla traduzioni automatiche (come mi pare sia il caso dell\'esempio citato).

Ma questo è solo una faccia della medaglia. Spetta anche a noi tutti far sì di non eccedere troppo nella corsa ai ribassi pur di aggiudicarsi un lavoro. Il mercato impone certo la concorrenza, ma, come ho ribadito in altri forum, sarebbe anche necessaria una certa deontologia professionale che imponesse tacitamente di non superare determinati livelli minimi di tariffe per fare capire che il nostro è un lavoro \"serio\".

Ancora nessuno mi ha spiegato come si fa a praticare tariffe di 0.03-0.04/parola e riuscire a spuntarla dovendo pagare tasse, ammortizzare tutti i costi (computer, software, vocabolari, luce, etc,), mangiare ed ottenere un profitto. Misteri dell\'economia...



Non pensate che tutti avremmo da guadagnarci elevando un po\' il livello delle tariffe?

Direct link Reply with quote
 

Giovanni Guarnieri MITI, MIL  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 09:46
Member (2004)
English to Italian
chiaramente un non madre lingua... Feb 11, 2003

il prezzo non è tutto... professionalità, competenza, disponibilità, cortesia sono tutti requisiti che un traduttore freelance dovrebbe offrire. Educare il cliente è un altro elemento fondamentale (lo so, lo dico sempre). Prezzi stracciati sono spesso l\'equivalente di inesperienza e scarsa professionalità.



Giovanni


Direct link Reply with quote
 
Antonella Andreella  Identity Verified
Italy
Local time: 10:46
German to Italian
+ ...
Chicca per chicca Feb 11, 2003

Sarebbe possibile sapere quanto ha pagato quell\'agenzia a parola, a cartella o a riga per quella traduzione? Perchè la questione è tutta qui....





Antonella


Direct link Reply with quote
 
AngyNc
United States
Local time: 04:46
English to French
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie a tutti per il vostro riscontro. Feb 11, 2003

Quando ho ricevuto la traduzione ho pensato anch\'io che si trattasse di MT, ed ho anche provato, ma credetelo o no, il risultato era migliore. Penso che si trattasse piuttosto di un \"traduttore\" non madrelingua o le cui radici italiane si perdono nella notte dei tempi.

Non ricordo easattamente la tariffa, ma il PM si vantava d\'aver speso solo 500 o 600 $ per 25000 parole. Ma e\' costato a me 10 ore al giorno di lavoro per una settimana, fine settimana compreso. Penso comunque che non rifara\' piu\' lo stesso errore visto che per vendicarmi, per tutto il tempo che sono rimasta li\' gli ho \"ricordato\" l\'affare del secolo almeno tre volte al giorno prima dei pasti.

Grazie soprattutto a Francesco che ha raccolto il messaggio che volevo trasmettere.

Il problema attualmente e\' che tutti pensano che quello del traduttore sia il mestiere piu\' facile del mondo. Sai parlare un\'altra lingua? Vuoi guadagnare un po\' di soldi? Fai il traduttore.

Senza parlare poi dello sfruttamento da parte delle agenzie che per la stessa traduzione pagata 0.03 o 0.04 $ fatturano 0.16 $ (visto con i miei occhi sempre quando lavoravo inhouse), oppure se avete tradotto un help file o un software, oltre alla traduzione, fatturano engineering a $60 l\'ora solo per reinserire il file tradotto.

Anch\'io sono stata tentata dalla corsa al ribasso, soprattutto dopo alcune risposte negative da parte di agenzie che trovavano il mio curriculum interessante, ma le tariffe troppo alte

(Non mi sembra che 0.09 $ per la localizzazione di software sia una tariffa scandalosamente alta). Ma alla fine ho deciso che mi rifiuto di farlo perche\' per ottenere un profitto praticando tariffe basse si deve puntare sulla quantita\', ovviamente a scapito della qualita\' e poi, d\'altra parte, mi rifiuto di \"ingrassare\" le agenzie.

Se come suggerisce Francesco si stabilisse un livello minimo di tariffe, non avrebbero scelta. Ma questa e\' fantascienza.

Oppure protremmo eliminare \"the middle man\" e contattare direttamente le aziende. E\' difficile, ma potrebbe funzionare.



Angela


Direct link Reply with quote
 
elrubio
Local time: 10:46
German to Italian
+ ...
uniamoci Feb 13, 2003

Anch\'io sono dell\'avviso che chi pratica i prezzi stracciati punta anzitutto sulla quantità invece che sulla qualità. Purtroppo però credo che non sia possibile eliminare questo tipo di fenomeno, dovuto principalmente alla concorrenza spietata che c\'é in giro. (Consentitemi in ogni caso di farmi delle grasse risate quando scopro quali cantonate si prendono a volte certi committenti che si fanno ammaliare da certe tariffe).

Una soluzione potrebbe essere quella di mettersi assieme, cercare collaborazione; ovviamente non parlo delle agenzie.

Se ci mettiamo assieme a gruppi di due o tre ad esempio sono sicuro che, aiutandosi l\'un l\'altro, si lavorerebbe meglio.

Gli egoismi vanno tenuti sotto chiave.



salutoni e buon lavoro a tutti


Direct link Reply with quote
 
macciaio
Italy
Local time: 10:46
English to Italian
+ ...
A proposito di collaborazione Feb 16, 2003

Quote:


On 2003-02-13 10:12, elrubio wrote:

Una soluzione potrebbe essere quella di mettersi assieme, cercare collaborazione; ovviamente non parlo delle agenzie.

Se ci mettiamo assieme a gruppi di due o tre ad esempio sono sicuro che, aiutandosi l\'un l\'altro, si lavorerebbe meglio.

Gli egoismi vanno tenuti sotto chiave.



salutoni e buon lavoro a tutti



Caro collega, sono perfettamente d\'accordo con te quando scrivi che ci vorrebbe più collaborazione tra colleghi, ma tra il dire ed il fare c\'è di mezzo il mare. Infatti quando mi sono iscritto alla \"comunità\" del sito proz sono stato contattato da una collega che mi ha prospettato la possibilità di collaborare con lei in futuro. Inutile dire che da allora non l\'ho più sentita. Sicuramente non avrà avuto modo o voglia di farlo, o forse non mi ha ritenuto all\'altezza, non sta a me dirlo, ma di sicuro non ha risposto neanche ai miei messaggi di auguri per Natale. Io sto cercando di inserirmi in questa affascinante professione da circa due anni, ed ho anche dei clienti fissi, ma dalla mia esperienze personale ho tratto la conclusione che se non tieni i prezzi bassi non \"batti chiodo\", se sei all\'inizio. Ed infatti da quando ho alzato i prezzi i miei clienti hanno diradato i loro lavori per me. Ora, il succo del mio intervento è questo: come deve fare a trovare lavoro uno che vuole iniziare la professione di traduttore se non tenendo i prezzi bassi? Lo so che coloro che fanno questo lavoro da anni diranno che alla lunga la qualità paga, ma intanto, come abbiamo visto abbondantemente negli ultimi giorni, i clienti vogliono spendere poco, e lasciano che si arrangi l\'utente finale dei prodotti per i quali hanno fatto fare le traduzioni dei manuali d\'istruzione, dei siti web, ecc.

Quindi se qualcuno dei più anziani volesse illustrarci come fare per entrare in contatto con qualcuno desideroso di formare un gruppo con uno di noi neofiti, gliene saremmo tutti grati.

Buona domenica a tutti,

Mario

Direct link Reply with quote
 

Francesco Volpe  Identity Verified
Italy
Local time: 10:46
English to Italian
+ ...
Prezzi stracciati Feb 17, 2003

Quote:


On 2003-02-11 19:05, AngyNc wrote:

Se come suggerisce Francesco si stabilisse un livello minimo di tariffe, non avrebbero scelta. Ma questa e\' fantascienza.





Angela, perché non lo consideri fattibile?



È solo questione di volontà ed etica professionale. Mi sai trovare un dentista che ti fa spendere meno di 30 euro per curare una carie? Pensi di potere autenticare una firma da un notaio con meno di 50 euro? O se ti rivolgi ad un avvocato per una semplice consulenza pensi che ti faccia pagare 10 euro?



Un minimo è necessario perché dà dignità alla professione e perché indica che dietro quel lavoro vi sono studi, esperienza, competenza ecc.



Basterebbe che tutti, ma proprio tutti quelli che fanno questo lavoro o vi si affacciano per la prima volta, non agissero da crumiri e imponessero un livello minimo oltre cui non accettare lavori. Vedresti che le agenzie si rassegnerebbero come d\'altronde fanno con le altre lingue che sono molto più ben pagate della nostra.

Ti posso assicurare che guadagnerebbe ugualmente bene!



Dall\'altro lato anche un ordine professionale da istituire per potere esercitare la professione contribuirebbe ad evitare che tutti possano diventare traduttori da un giorno all\'altro per avere seguito un corso di lingue in Inghilterra di 1 mese....



Io sono a favore di un corporativismo della nostra professione, mentre invece si assiste ad uno \"scannarsi\" a colpi di prezzi sempre più bassi (di cui anche Proz è in parte responsabile, oltre a ciò che vi è di positivo) con la scusa che questo è il \"mercato\", e di cui a giovarsi sono solo le agenzie.



Un saluto

Francesco





Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 07:46
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Improbabilità di un albo professionale Feb 17, 2003

Caro Francesco,

sono d\'accordo sul fatto che molti traduttori offrono i loro servizi accettando tariffe estremamente basse, diciamo pure avvilenti per se stessi e ingiuste per la preparazione di cui (alcuni di loro) sono in possesso.



D\'altro canto, se queste persone non sanno quanto vale il proprio servizio, non sanno come offrirlo sul mercato, non si impegnano a cercare il tipo di cliente adatto che apprezzi il servizio offerto, beh, non ci si puo\' fare molto. O si impegnano a crescere ed imparare o... pagano di persona.



Questi colleghi, principianti o no, ignorano spesso i concetti fondamentali della libera professione e hanno carenze nella preparazione al mestiere (scelto personalmente) di operatori economici e lavoratori autonomi.



La conseguenza e\' che pagano di persona, lavorando tanto e per tariffe piu\' basse di quanto potrebbero chiedere.



D\'altro canto, chi lavora bene ma sa anche come offrire il proprio servizio, viene danneggiato solo marginalmente da questo tipo di \'concorrenza a basso prezzo\'.



Per quanto riguarda il problema di un albo professionale, sono personalmente convinto che sia irrealizzabile per la natura stessa di questo lavoro. La stesura di testi infatti non si presta ad essere regolamentata con strutture di questo tipo.



Ti faccio alcuni esempi di professioni dotate di albi professionali.

Gli avvocati devono esercitare la professione rappresentando i clienti presso tribunali, preture o altre istituzioni. Un avvocato puo\' essere cancellato dall\'albo e di fatto non puo\' piu\' esercitare (al piu\' potrebbe ancora fornire consulenze legali private).

Gli ingegneri devono firmare progetti o dirigere cantieri, con conseguente possibilita\' di controllo da parte dell\'albo.

Le professioni mediche hanno bisogno di ospedali, cliniche e altre strutture.



Sento spesso paragonare i traduttori agli avvocati o ai medici, ma questo paragone e\' abbastanza sbilanciato. Proviamo a paragonarci agli scrittori. Si e\' mai sentito parlare di un albo degli scrittori? No, e\' per buone ragioni.



I traduttori, come gli scrittori e altre professioni della parola, non possono essere facilmente controllati, ed ogni tentativo di struttura la professione sarebbe destinato a fallire miseramente.



L\'unica soluzione e\' accrescere la propria professionalita\', iscriversi alle giuste associazioni professionali, dimostrare cosa si e\' capaci di fare e saperlo dimostrare sul mercato, acquisire referenze presso clienti e colleghi, ecc...



E\' un mestiere in cui si fa carriera con l\'esperienza e con questo tipo di accorgimenti tanto che, come noto, anche un diploma specifico o una laurea in lingue/traduzione non sono ne\' essenziali ne\', in tanti casi, neppure molto importanti. Non lo dico io, lo dimostra la situazione reale del mercato.



Gianfranco







[ This Message was edited by:on2003-02-17 21:42]


Direct link Reply with quote
 

Francesco Volpe  Identity Verified
Italy
Local time: 10:46
English to Italian
+ ...
Riflessioni su creazione Albo professionale Feb 17, 2003

Caro Gianfranco,



il problema che ho sollevato non è di poco conto e ti ringrazio per le tue osservazioni.



Consentimi di dire però che non è vero che per la natura del nostro lavoro la creazione di un albo non è possibile. È difficile, certo, ma non impossibile. Per citare i tuoi esempi anche i giornalisti, che vivono di \"parole\", hanno un albo e devono superare un esame di ammissione.



Se alcune persone non sanno quanto vale il loro lavoro o ignorano i concetti della libera professione forse un esame \"selettivo\" che desse il benestare all\'esercizio di questa professione e al rispetto di un codice cui attenersi potrebbe da un lato aiutare a creare una maggiore consepevolezza e valorizzazione del ruolo e dall\'altro eliminare dal campo coloro che svolgono questo mestiere \"perché tanto lo possono fare tutti\".



L\'adesione ad un codice professionale comune sarebbe un passo per la difesa e la tutela della nostra professione.



Infatti, io penso che oggi ci sarebbe bisogno di una regolamentazione nel nostro settore, perché è vero che l\'uso di Internet ha portato enormi vantaggi, ma è anche vero che ha contribuito a rendere il mercato delle traduzioni molto confuso e per molti versi senza nessun tipo di controllo o regola.



È certamente vero che l\'iscrizione ad associazioni e l\'arricchimento del proprio bagaglio culturale è già un fattore discriminante molto positivo. Ma siamo sicuri che i clienti finali capiscano appieno la differenza che passa tra un traduttore tecnico a 0.10 e uno a 0.04?



Io lavoro in house per un\'azienda (non di traduzioni) e di tanto in tanto abbiamo bisogno di qualche freelance. Ebbene da qualche tempo mi si chiede di scegliere collaboratori che abbiano tariffe \"in linea\" con quelle del mercato Italiano (bada bene che non succede con le altre lingue!) perchè si vuole risparmiare...



Ecco, secondo me, se vi fosse un albo che obbligasse i traduttori certificati ad applicare tariffe minime oltre cui non scendere, la scelta dei clienti avverrebbe solo in base alla qualità e alle competenze dei traduttori e non solo al prezzo.





Ad ogni modo, la questione non è semplice, e non mi sento certo quello che ha la soluzione al problema.



Grazie per gli spunti e buon lavoro.



Ciao

Francesco



[ This Message was edited by:on2003-02-17 15:52]


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 07:46
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Differenza tra giornalisti e traduttori (e scrittori) Feb 17, 2003

A questo punto potremmo quindi cercare di individuare per quale motivo, fra le tre categorie citate di lavoratori della parola, i giornalisti hanno un albo professionale mentre gli scrittori e i traduttori non lo hanno.



Secondo me la differenza fondamentale risiede nel fatto che i giornalisti operano nel settore dell\'informazione e quindi ricoprono un ruolo particolarmente delicato.

L\'informazione senza una opportuna deontologia professionale rischia di far cadere le fonti di informazione in mano a chi desidera controllare la pubblica opinione. Per tale motivo, non e\' una coincidenza, i giornalisti hanno anche organizzazioni sindacali.



In questo senso, una categoria dei giornalisti ben organizzata puo\' essere di aiuto nel garantire liberta\' e democrazia (sorvolo in quanto non mi pare questa la sede migliore per approfondire, su tutti i problemi connessi e sulla differenza tra teoria e realta\', attuale o storica).



Gli autori (di testi originali, romanzi, saggistica, materiale tecnico o altro) e i traduttori (ovvero gli autori della trasformazione da una lingua/cultura ad un altra) non hanno in mano gli strumenti di informazione.



Che sia questa la differenza fondamentale per cui non e\' mai stato creato un albo professionale per la nostra categoria?



Gianfranco




[Edited at 2007-01-05 14:16]


Direct link Reply with quote
 
Antonella Andreella  Identity Verified
Italy
Local time: 10:46
German to Italian
+ ...
Personalmente Feb 17, 2003

credo che l\'unica ragione per la quale non esista un albo sia da ricercare esclusivamente nel potere contrattuale irrimediabilmente scarso di noi traduttori, vuoi per mancanza di auto-consapevolezza della nostra figura professionale, vuoi perchè _tutti_ possono improvvisarsi traduttori, vuoi per la frammentazione che ne deriva, vuoi perchè i traduttori stessi considerano questa professione un secondo lavoretto, una passione, certo non tutti, vuoi per l\'individualismo che contraddistingue chi questa professione la esercita (secondo me è endemico)... insomma le colpe, se di colpe possiamo parlare, vanno ricercate proprio nella nostra categoria, senza spingersi tanto lontano.



Tutto questo genera un circolo vizioso, per cui agenzie improvvisate, frammentazione degli incarichi, improvvisazioni di tutti i tipi e via discorrendo e quindi tariffe basse...



Da ciò l\'incapacità dei clienti finali di gestire seriamente i loro rapporti con i fornitori di questo tipo di servizio... scelte che alla fine si riducono spesso sul più economico, certo non sempre, ma comunque troppo spesso, e via di questo passo.



Una volta parlando con l\'export manager di una grossa azienda, mi sento dire: \"Ah lei è una traduttrice... anch\'io facevo traduzioni appena finita l\'università per guadagnare qualche soldo....\"





Antonella


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Traduzione a prezzi stracciati : Ecco una chicca.

Advanced search






CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »
memoQ translator pro
Kilgray's memoQ is the world's fastest developing integrated localization & translation environment rendering you more productive and efficient.

With our advanced file filters, unlimited language and advanced file support, memoQ translator pro has been designed for translators and reviewers who work on their own, with other translators or in team-based translation projects.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search