Pages in topic:   [1 2 3] >
Si può davvero essere bilingue?
Thread poster: fionainrome
fionainrome
Local time: 19:55
English to Italian
+ ...
Dec 20, 2007

E' una cosa che per tutta la vita ho preso per scontato.
Vi espongo il mio caso. Sono nata da madre scozzese e padre italiano.
Per i primi cinque anni di vita ho praticamente parlato solo inglese, è stata la prima lingua che ho imparato, "my mother tongue", come si suol dire. A cinque anni mia madre mi ha mandato in primina (in Italia) ed il pomeriggio facevo la scuola inglese. In casa mi era permesso di leggere solo libri in inglese (al di là di quelli per i compiti, che erano in italiano).

Dopo i cinque anni trascorrevo circa 3 mesi l'anno in Scozia ed in casa si è sempre e solo parlato inglese (mia madre non mi rispondeva neanche se le parlavo in italiano).
Più avanti negli anni sono entrata nella "comunità" British qui a Roma, per cui l'inglese era la lingua che parlavo il 50% del tempo. La mia passione è sempre stata la scrittura e così ho cominciato a scrivere per le riviste britanniche ed ho scritto un romanzo (uno dei tanti) che ho poi mandato ad un editore a Londra che mi ha chiesto di mandarle il resto (le avevo mandato solo i primi 3 capitoli, circa 50 pagine).
Aggiungo che sono laureta in lettere e filosofia a La Sapienza (110 e lode, non per vantarmi, ma per farvi capire il livello del mio italiano). Fin qui... tutto "normale".

Beh il fatto è questo, o meglio, "la questione". Mi sono ritrovata a fare colloqui durante i quali mi è stato detto che la "madre lingua" è UNA. Che non è possibile averne due....poiché la madre...è UNA!

Io penso che il mio italiano ed il mio inglese siano più o meno allo stesso livello... Chiaro, la conoscenza di una lingua non è come andare in bicicletta e se passo tre mesi in Scozia, quando torno qui, il mio italiano è un pò arruginito per i primi giorni e vice versa.

Quello che vi chiedo è questo: ma davvero la madre lingua è una sola?
Davvero non si può parlare o scrivere o comprendere due lingue allo stesso livello?

Che ne pensate?

[Edited at 2007-12-20 00:29]


Direct link Reply with quote
 

Gina Ferlisi
Italy
Local time: 19:55
Member (2008)
Italian to English
+ ...
Benvenuta fra di noi! Dec 20, 2007

Ciao Fiona,
Puòi parlare o scrivere o comprendere due lingue allo stesso livello, ne so qualcosa anche come te sono nella stessa situazione, solitamente dico che sono madrelingua inglese forse perchè ho vissuto 20anni a Londra (dove sono nata )e 17 a Firenze,cmq quando invio il Cv metto sempre la frase "mothertongue English/italian " purtroppo è davvero cosi e non possiamo cambiarla ma credo che non siamo solo io e te!!

Ciao Buon lavoro


Direct link Reply with quote
 

biankonera  Identity Verified
Latvia
Local time: 20:55
Italian to Latvian
+ ...
il mio caso Dec 20, 2007

Ciao Fiona,

anch'io - come te e Gina - sono una persona bilinguale e anche a me le agenzie hanno detto - la lingua madre puo' essere una anche se ho due - lettone e russo. Lo accetto perche' spiegare e fare capire che sono nata nella famiglia bilinguale e vivo in un paese praticamente bilinguale prenderebbe troppo tempo quindi sempre dico che la mia lingua madre e' lettone perche' tutto il tempo ho studiato nelle scuole lettoni (ci sono anche quelli russe qui).

Stella


Direct link Reply with quote
 

Jo Macdonald  Identity Verified
Spain
Local time: 19:55
Member (2005)
Italian to English
+ ...
Traduzione Dec 20, 2007

Secondo me la lingua madre è una, ma anch’io ho vissuto la metà della mia vita in GB e la altra qui in Italia e ho la doppia cittadinanza da anni. Per adesso mi sono limitato a fare traduzioni verso la mia lingua madre (inglese) ma secondo voi dovrei cominciare a fare anche traduzioni dall’inglese verso l’italiano? Ho visto che su Proz ci sono molti che fanno sia inglese - italiano che italiano - inglese.

Direct link Reply with quote
 

Nicole Maina  Identity Verified
Italy
Local time: 19:55
Member (2005)
German to Italian
+ ...
sì! Dec 20, 2007

il mio caso è molto simile al tuo e anch'io ho fatto alcune brutte esperienze con le agenzie.

i miei genitori sono entrambi italiani e io sono nata e cresciuta in germania dove la mia famiglia ha vissuto per quasi 20 anni. ora vivo di nuovo in italia.

ho studiato e lavorato in entrambi i paesi e credo di poter dire di essere cresciuta in un ambiente perfettamente bilingue fin dalla nascita.

molti miei clienti possono confermare che sono in grado di tradurre perfettamente tra quelle che considero "le mie due madrelingue".

eppure soprattutto in germania si pensa che i figli degli immigranti conoscano e parlino male *entrambe* le lingue. e in effetti conosco alcune persone per le quali questo è vero. ma in genere non sono traduttori, anche se sarà successo che qualcuno di questi abbia provato ad improvvisarsi tale.

così molte agenzie, quando vedono la dicitura "bilingue" sul CV, hanno il pregiudizio che si tratti di una persona che parla male entrambe le lingue e che si spaccia per traduttore senza averne le competenze.

nonostante questo ho mantenuto la dicitura sul mio CV, anche perchè faccio regolarmente traduzioni e interpretariato sia De>It, sia It>De, i miei clienti sono soddifatti e non sono diposta a rinunciare a nessuna delle due combinazioni.

ogni tanto mi chiedono: ma se dovessi proprio fare una scelta, quale sceglieresti? risposta del tutto sincera: non lo so proprio. entrambe fanno totalmente parte di me, dei miei pensieri e della mia vita, tanto quanto fanno parte di me l'italia, torino, e la germania, monaco, ed in entambi i luoghi mi sento a casa. perchè devo essere costretta a fare una scelta?

quindi come consiglio ti direi di andare avanti per la tua strada e se qualcuno dubita del tuo autentico bilinguismo, dì loro di metterti alla prova. provare per credere. questo è quello che ho fatto io finora e ha funzionato.


Direct link Reply with quote
 
Vittorio Ferretti  Identity Verified
Local time: 19:55
English to German
+ ...
Al mondo molesta la molteplicitá Dec 20, 2007

Cara Fiona!

Non ci puoi fare niente. La gente "normale" non sá che ll dominio di una lingua non è riducibile alla questione della "lingua della madre". Che centrano altri parametri che tu menzioni, come la "educazione formale" e gli "anni di vita in un paese", e piú ancora gli "anni di lavoro" ecc. Un turco nato e cresciuto in Germania parla un tedesco sicuramente più preciso ed attualizzato di un tedesco nato e cresciuto in Cile.
Io sono figlio di tedesca e d’italiano. Mi ricordo che per le vicissitudini del dopoguerra ho imparato e dimenticato sia l'italiano come il tedesco tre volte. Poi ho frequentato la scuola primaria in tedesco, la secondaria (maturità classica) in italiano, la terziaria (laurea in fisica) in tedesco. Ho lavorato per una ditta tedesca 30 anni in Germania, Brasile, Argentina ed in Italia. In casa parlo da 30 anni lo spagnolo, essendo sposato con argentina.
Alle domande della gente "ma lei in che lingua sogna?" o di KudoZ "mother tongue" rispondo ormai in forma opportunistica. Ti raccomando fare altrettanto…Rispondi quello che ti giova più nella situazione.

Ubi bene ibi patria!


Direct link Reply with quote
 
fionainrome
Local time: 19:55
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Non credono in noi...ma ci siamo! :-) Dec 20, 2007

Sì, sembra che la gente non capisca o non concepisca questa dualità. Una cara signora ad un colloquio mi disse che siccome io avevo fatto l'università e il liceo in Italia sicuramente parlavo molto bene l'inglese, forse anche come l'italiano, ma di certo non potevo scrivere bene in inglese!!!
Le ho ricordato, come era scritto nel mio curriculum che erano più di due anni che scrivevo per le riviste britanniche (articoli di tre pagine, non trafiletti) e lei diceva che comunuqe c'era l'editing per cui li riaggiustavano! A parte che non erano "riaggiustati" e secondo ti pare che un editore si mette a perdere tempo a pubblicare degli articoli che danno un lavoro doppio perché sono scitti male!? A questo punto ingaggia un'altra persona, mica sono sua figlia!

Comunque, un altro esempio molto comune è questo, quando parlo inglese la gente dice (in G.B) tu non PUOI essere italiana (penso intendano "parlare" italiano) percé il tuo accento è troppo scozzese! Bah!


Direct link Reply with quote
 

Dana Rinaldi
Italy
Local time: 19:55
Member
Italian to English
+ ...
YES!!! I am bilingual! Dec 20, 2007

Salve,

Sì, il bilinguismo esiste e penso che ne siamo un perfetto esempio.
Purtroppo mi capita spesso di avere discussioni di questo tipo soprattutto a scuola dove insegno come lettrice d'inglese. Sono in tanti (insegnanti d'inglese) a non credere che si possa essere bilingui (oggi penso sia per invidia).
Sono nata in Inghilterra da madre irlandese e padre italiano. In casa abbiamo sempre parlato in Inglese e quando siamo venuti a vivere in Italia conoscevo giusto qualche parola. I miei genitori non ci ascoltavano nemmeno se ci rivolgevamo a loro in italiano. Ho sempre trascorso lunghi periodi a Londra ed in Irlanda.
Mi sono sempre imposta di non pensare mai in Italiano ed, infatti, è così. Questa è una mia curiosità: in che lingua pensate? Io non penso mai in italiano. Ho sempre il traduttore simultaneo inserito.

Parlo entrambe le mie lingue perfettamente senza inflessioni e credo che sia dovuto al fatto che ho frequentato le scuole superiori e l'Università qui.
In Italia i primi tempi i mi prendevano per toscana (la mia prima insegnante d'italiano era di Pisa) invece da quando vivo nelle Marche l'accento si è un pò "corrupted".
Quando sono stanca mi viene meglio l'inglese che forse è la lingua che uso di più quotidianamente sia per lavoro sia nella vita sociale (tutte le mie amicizie sono inglesi e americani). In casa parliamo italiano, ma abbiamo "the english hour" perchè ci tengo che i miei figli imparino l'inglese da piccoli (la dodicenne è un pò restia ma il piccolo che ha 8 anni ne è veramente orgoglioso).

Ti assicuro che siamo in tanti. Il bilinguismo esiste. Concordo assolutamente con Vittorio e non aggiungo altro......
Have a great day!


Direct link Reply with quote
 

Evelyne Antinoro  Identity Verified
Italy
Local time: 19:55
German to Italian
+ ...
Anch'io! Dec 20, 2007

Ciao Fiona!
Anche io sono perfettamente bilingue.
Mia madre è tedesca e mio padre italiano.
Sono nata e cresciuta in Germania, dove ho frequentato le scuole primarie. Poi mi sono trasferita in Italia, dove ho imparato l'italiano e ho frequentato le scuole superiori e l'università.
Ho trascorso spesso le vacanze in Germania, o vi ho trascorso del tempo per lavoro e ho lavorato in Italia con dei tedeschi.
Quando non vado in Germania per un pò di tempo mi accorgo di restare indietro sui "modi di dire", ma ricupero in fretta.
Anche a me è capitato che alcuni clienti tedeschi dei miei clienti per cui facevo servizio di interpretariato restassero stupiti del fatto che "sapevo così bene il tedesco". Sembrava che si aspettassero che parlando bene l'italiano dovessi parlare male il tedesco.
Quando, durante un colloquio di lavoro (di solito con persone che non parlano più lingue), affermo che la mia lingua madre è il tedesco mi chiedono perchè parlo così bene l'italiano.
Sono e resto comunque bilingue, anche se gli altri non riescono a comprenderlo. O meglio, è comprensibile solo per chi è bilingue...
Quindi, non preoccuparti...:-)
Ciao!
Evelyne


Direct link Reply with quote
 

Befanetta81
Italy
Member (2007)
Italian to German
+ ...
Sono con te.......... :-) Dec 20, 2007

La mia storia è quasi identica al vissuto della collega Nicole Maina!!!

Direct link Reply with quote
 

dropinka  Identity Verified
Italy
English to Italian
+ ...
ma non prevale una lingua sull'altra? Dec 20, 2007

Ve lo chiedo perché, se non ricordo male (ma forse ricordo male!), in qualche precedente discussione qui su ProZ si diceva che c'è sempre una lingua prevalente. E lo chiedo anche perché a volte, negli interventi di persone bilingui, si leggono "interferenze" linguistiche. Come anche nel caso di questo thread.... no offence meant

Claudia


Direct link Reply with quote
 
Lorenzo Lilli  Identity Verified
Local time: 19:55
German to Italian
+ ...
Mah... Dec 20, 2007

Claudia Benetello wrote:

E lo chiedo anche perché a volte, negli interventi di persone bilingui, si leggono "interferenze" linguistiche. Come anche nel caso di questo thread.... no offence meant



Appunto: non che voglia fare la maestrina dalla penna rossa, ma è quello che ho pensato leggendo questo "preso per scontato". D'altra parte queste interferenze capitano anche agli italiani "purosangue", soprattutto se vivono all'estero. In generale, ho l'impressione che sul tema del biliguismo i teorici abbiano già detto tutto e il contrario di tutto, e probabilmente ogni teoria può essere suffragata da esempi pratici. Da italiano lontano anni luce dal bilinguismo, non credo di avere l'autorità per confermare o smentire tutte queste teorie


Direct link Reply with quote
 
Marcela MF
Italy
Local time: 19:55
English to Romanian
+ ...
Mother tongue may determine maths skills.... Dec 20, 2007

Ciao fionainrome,

Da un pò di tempo cerco di approfondire questo argomento e ti consiglio questo libro:

http://www.hausarbeiten.de/faecher/vorschau/78073.html
"The acquisition of two mother tongues - Early childhood bilingualism", Bianca Sonnenschein


"One can have two or more native languages, thus being a native bilingual or indeed multilingual. The order in which these languages are learned is not necessarily the order of proficiency. "
http://www.terralingua.org/Definitions/DMotherTongue.html


http://www.iteachilearn.com/cummins/mother.htm


Mother tongue may determine maths skills
http://www.newscientist.com/article.ns?id=dn9422

Marcela


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 14:55
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Bilinguismo e qualità nella traduzione Dec 20, 2007

Claudia Benetello wrote:
... a volte, negli interventi di persone bilingui, si leggono "interferenze" linguistiche. Come anche nel caso di questo thread.... no offence meant


Sono d'accordo con Claudia e vorrei aggiungere che tutte le lingue, non importa se apprese mentre si succhiava il biberon o in età successiva, tramite lo studio, una volta che si entra nel campo della traduzione professionale dovrebbe essere "coltivate", ma finora questo aspetto non è stato messo in evidenza nella discussione.

Il bilinguismo, o perfetto bilinguismo, è una situazione fortunata e utile ma non indispensabile e certamente non sufficiente per lavorare come traduttori. In sostanza, talvolta si pone troppa enfasi sul proprio bilinguismo, o presunto tale, quasi fosse un marchio di qualità. Da questo derivano le infinite polemiche e le critiche sui bilingui "che non sanno scrivere" (oops... volevo dire "mostrano qualche interferenza...") in almeno una delle due lingue, ma anche, in qualche caso, in entrambe le lingue. Questo non è affatto un caso raro!! Conosco diversi casi, anche di colleghi traduttori, i quali hanno avuto un percorso educativo misto, a cavallo di due lingue, e come risultato hanno lacune gravi in entrambe le lingue.

Molto facilmente i bilingui sanno parlare, anche con un buon accento "naturale" in entrambe le lingue ma non altrettanto facilmente sanno scrivere correttamente nelle due lingue. Infatti, nello scrivere e nel tradurre occorrono padronanza linguistica, precisione, ricchezza lessicale e accuratezza grammaticale superiori a quanto ampiamente sufficiente per discorrere tra amici, tenere una conversazione telefonica o in altre situazioni informali. Il bilinguismo, quindi, la scioltezza nel parlare comune e un buon accento in due lingue non sono sinonimo di una produzione scritta di buona qualità, che poi, nel campo della traduzione, è quello che conta.

ciao
Gianfranco




[Edited at 2007-12-20 15:55]


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Local time: 19:55
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Opinione Dec 21, 2007

Da questo derivano le infinite polemiche e le critiche sui bilingui "che non sanno scrivere" (oops... volevo dire "mostrano qualche interferenza...") in almeno una delle due lingue, ma anche, in qualche caso, in entrambe le lingue. Questo non è affatto un caso raro!! Conosco diversi casi, anche di colleghi traduttori, i quali hanno avuto un percorso educativo misto, a cavallo di due lingue, e come risultato hanno lacune gravi in entrambe le lingue


Questa è ovviamente un'opinione personale e in quanto tale degna di rispetto ma opinabile, vuoi perché generalizzata, vuoi perché (sembra) suffragata da prove che posso smentire con altrettante prove a sostegno della tesi contraria.

Non voglio (di proposito) riferirmi al mio caso, poiché essendomi resa conto che l'italiano ha preso il sopravvento, ho da qualche mese indicato nel mio profilo solo l'italiano come lingua madre.

MA... conosco almeno 10 persone perfettamente bilingue che sanno scrivere perfettamente in 2 lingue e sono ottimi traduttori.

A prova di quanto asserisco vorrei far notare i posting di alcuni colleghi bilingue (prego farmi sapere se posso fare i nomi) nei quali non si trova un errore in italiano neanche a cercarlo col classico "lanternino".





Ciao a tutti

Angio


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2 3] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Si può davvero essere bilingue?

Advanced search






PerfectIt consistency checker
Faster Checking, Greater Accuracy

PerfectIt helps deliver error-free documents. It improves consistency, ensures quality and helps to enforce style guides. It’s a powerful tool for pro users, and comes with the assurance of a 30-day money back guarantee.

More info »
Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search