KudoZ home » English to Italian » Medical

disease-modifying agents

Italian translation: farmaci modificanti la malattia

Advertisement

Login or register (free and only takes a few minutes) to participate in this question.

You will also have access to many other tools and opportunities designed for those who have language-related jobs
(or are passionate about them). Participation is free and the site has a strict confidentiality policy.
GLOSSARY ENTRY (DERIVED FROM QUESTION BELOW)
English term or phrase:disease-modifying drugs
Italian translation:farmaci modificanti la malattia
Entered by: Joe_uk
Options:
- Contribute to this entry
- Include in personal glossary

07:25 May 17, 2002
English to Italian translations [PRO]
Medical
English term or phrase: disease-modifying agents
Si parla di terapie per SM (sclerosi multipla). Ho trovato che spesso rimangono in inglese, ma non mi piace molto. E non sono certo che tali farmaci possano essese sempre definiti immunomodulatori.
Joe_uk
United Kingdom
Local time: 02:00
farmaci modificanti la malattia
Explanation:
Ciao, alcuni siti lasciano la traduzione letterale.
Selected response from:

IT Pros Subs
Italy
Local time: 03:00
Grading comment
2 KudoZ points were awarded for this answer

Advertisement


Summary of answers provided
4 +3che modificano la malattia, la patologia
luskie
5farmaci in grado di modificare la progressione della malattiaEmanuela Coltro
3 +1farmaci modificanti la malattia
IT Pros Subs


Discussion entries: 1





  

Answers


9 mins   confidence: Answerer confidence 3/5Answerer confidence 3/5 peer agreement (net): +1
farmaci modificanti la malattia


Explanation:
Ciao, alcuni siti lasciano la traduzione letterale.


    Reference: http://www.medweb.it/corme/corme277.htm
    Reference: http://www.farmacovigilanza.org/focus/200105/1.asp
IT Pros Subs
Italy
Local time: 03:00
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 273

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
neutral  luskie: "modificanti" non è corretto nella lingua italiana, e la terminologia medica è tra le più "corrompenti" in tal senso...
9 mins

agree  xxxTanuki: no, io direi che in biotech modificanti è corretto - v. http://www.snamid.org/review.htm - semmai "farmaci" può creare problemi in concomitanza di "drugs"
23 mins
Login to enter a peer comment (or grade)

11 mins   confidence: Answerer confidence 4/5Answerer confidence 4/5 peer agreement (net): +3
che modificano la malattia, la patologia


Explanation:
che modificano il decorso della malattia

Interferon Beta-1a during a First Demyelinating EventAutore: Charles M. Poser, M.DFonte: The New England Journal of Medicine -- January 18, 2001 -- Vol. 344, No. 3 Lettera al Direttore: Jacobs et al. (numero del 28 settembre) ritengono che la terapia con interferone beta-1a possa ritardare l'insorgenza della sclerosi multipla clinicamente conclamata in alcuni pazienti con sindrome di sclerosi multipla isolata clinicamente per la prima volta. La diagnosi di sclerosi multipla per lungo tempo è stata basata sulla diffusione sia nello spazio che nel tempo. Se questo approccio è ancora valido, è possibile effettuare una valutazione fondata di un disturbo potenziale prima dell'insorgenza di quei sintomi che lo definiscono? Trovo questo studio preoccupante per diverse ragioni.La neurite ottica è semplice da individuare, ma non esistono criteri diagnostici per la "mielite trasversale incompleta". Si tratta di paraparesi, torpore ad un arto, o atassia dell'andatura? I criteri diagnostici con la risonanza magnetica ad immagini (MRI) non sono di aiuto, poiché diverse patologie possono essere scambiate con la sclerosi multipla all'esame MRI. Sfortunatamente l'interpretazione di una lastra di MRI da parte di un radiologo spesso è l'unica base per la diagnosi di sclerosi multipla. In uno studio precedente, questo è risultato in un'incidenza del 35 per cento di diagnosi errate, che ha portato allo somministrazione di una terapia interferonica per pazienti con encefalomielite disseminata o sindrome di stanchezza cronica. Lo studio di Jacobs et al. non affronta l'importanza clinica di un secondo attacco di sclerosi multipla. Nei miei oltre 40 anni di esperienza, la maggioranza dei pazienti con sclerosi multipla presentava una patologia benigna, anche a distanza di molti anni. Soltanto in un numero esiguo di pazienti il secondo episodio è stato devastante o non ha permesso di rispondere alla terapia corticosteroidea. O'Riordan et al. hanno riportato che. dopo dieci anni, i tre quarti dei pazienti con meno di dieci lesioni rilevate alla MRI al momento dell'arruolamento nello studio presentava una patologia benigna (punteggio della Scala dello Status di Disabilità Espansa minore o uguale a 3). Gli autori dello studio hanno atteso sei mesi dopo aver isolato clinicamente la sindrome, al fine di scartare la diagnosi di encefalomielite disseminata. Mentre Jacobs et al. hanno scelto di aspettare soltanto un mese. La mancanza di dati sullo status funzionale e la durata del tempo impiegato per definire clinicamente conclamata la sclerosi multipla rilevate nello studio di Jacobs et al. rendono incerta la sua applicabilità clinica. L'assenza di una correlazione tra numero, dimensioni e localizzazione delle aree con intensità di segnale aumentata alla risonanza magnetica con mezzo di contrasto e lo status clinico del paziente sono a sfavore della validità del popolare concetto di gravità della malattia. La sua valenza clinica potrebbe essere simile a quella dell'atrofia ottica e le risposte visive ai potenziali evocati ritardate, caratteristiche di alcuni pazienti con sclerosi multipla che hanno una vista perfettamente normale. Studi di follow-up di sindromi di sclerosi multipla clinicamente definite come tali all'ingresso indicano che circa la metà dei pazienti presenta una effettiva progressione in sclerosi multipla clinicamente conclamata. Pertanto sembrerebbe più prudente posticipare il trattamento con *farmaci che modificano la patologia* fino a che non vengono soddisfatti i criteri comuni di disseminazione nel tempo e nello spazio

--------------------------------------------------
Note added at 2002-05-17 08:16:42 (GMT)
--------------------------------------------------

per Tanuki:
1) sostanze, agenti, farmaci... non ho specificato proprio perché suppongo che joe con il suo contesto possa scegliere appropriatamente
2) non credo che la depressione, che certo indebolisce il sistema immunitario, sarebbe chiamata agent - forse factor etc. - e soprattutto si sta parlando a quanto pare di \"terapie\" e non di fattori aggravanti
3) che \"modificanti\" sia stato introdotto nella terminologia biomedica non fa a mio parere che confermare che bisogna stare con quattro occhi per non perdere qualsiasi possibilità di parlare in italiano :-)

--------------------------------------------------
Note added at 2002-05-17 10:28:44 (GMT) Post-grading
--------------------------------------------------

questo fatto di cancellare a posteriori le proprie risposte è davvero sconcertante...

luskie
Local time: 03:00
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 2477

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  Silvina Dell'Isola Urdiales
4 mins
  -> graZ!

agree  xxxTanuki: con la seconda che hai scritto.
23 mins
  -> si, dovrebbe essere + appropriata

agree  ogdc
12 hrs
Login to enter a peer comment (or grade)

35 mins   confidence: Answerer confidence 5/5
farmaci in grado di modificare la progressione della malattia


Explanation:
Joe,
se sei sicuro che i termini
immunomodulatori/sostanze immunostimolanti/immunosoppressori non siano appropriati per il tuo contesto, penso che "farmaci in grado di modificare la progressione della malattia" possa essere un buona soluzione.

Ciao e buon lavoro.
Emanuela

Emanuela Coltro
Italy
Local time: 03:00
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 12

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
neutral  xxxTanuki: P.es., se il paziente fosse in uno stato di depressione, il decorso della malattia ne verrebbe influenzato.
5 mins
Login to enter a peer comment (or grade)




Return to KudoZ list


KudoZ™ translation help
The KudoZ network provides a framework for translators and others to assist each other with translations or explanations of terms and short phrases.



See also:



Term search
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search