KudoZ home » English to Italian » Other

Un appello

Italian translation: Francesco ha ragione sui pericoli della deriva, ma

Advertisement

Login or register (free and only takes a few minutes) to participate in this question.

You will also have access to many other tools and opportunities designed for those who have language-related jobs
(or are passionate about them). Participation is free and the site has a strict confidentiality policy.
01:38 Jul 21, 2001
English to Italian translations [Non-PRO]
English term or phrase: Un appello
Alla luce degli eventi del G8, vorrei fare un appello alla non-violenza. Ricordiamoci gli insegnamenti di Gandhi. Spero di interpretare i sentimenti di tutti gli amici di Proz.

Giovanni
Giovanni Guarnieri MITI, MIL
United Kingdom
Local time: 01:47
Italian translation:Francesco ha ragione sui pericoli della deriva, ma
Explanation:
come si fa tra gli amici o i colleghi di lavoro non virtuali, anche a noi capita di voler discutere di eventi grossi come quelli di Genova. Mi ha colpito molto, dagli articoli letti on line, che ai Black Block sia stato permesso di razziare senza apparentemente opposizione della polizia. Sarà perché ho vissuto in Italia nel 68, durante Piazza Fontana, nel 77 e negli anni di piombo, ma mi ricorda vecchie tecniche ben collaudate.
In ogni caso, dove proprio non sono d'accordo con Francesco è sulla visione autarchica e isolazionista degli eventi. Noi ci siamo fatti le cose da soli, dici. Penso solo agli alberi con cui i romani costruivano le loro navi, che mio zio di Reggio Calabria ricordava sempre a me romana provenivano proprio da quella regione che venne spogliata dei suoi alberi, dando inizio ad un lento processo di dissesto idrogeologico. Non so se la cosa sia completamente vera, ma come esempio penso sia calzante. Certo non mi sento in colpa per quello che gli antichi romani hanno fatto e il senso di colpa non è mai un buon motore del comportamento. Ma certamente rifletto che la mia ricchezza di oggi può essere anche il frutto di vecchie e nuove spoliazioni. Giorni fa ho ricevuto da un collega di un paese in via di sviluppo un'offerta di collaborazione (caso mai avessi troppo lavoro) a 1 centesimo la parola. Francesco, 1 centesimo la parola. Possiamo benissimo riportare i problemi della globalizzazione al nostro specifico mondo professionale. Questo era anche uno dei motivi per cui pensai di aderire a Proz. Possiamo discuterne nel Forum e possiamo parlarne in Toscana.
Saluti tristi a tutti.
Paola


Selected response from:

CLS Lexi-tech
Local time: 20:47
Grading comment
Ciao a tutti,

premetto che il mio era un appello e non un incitamento al dibattito. So che esistono i Forum a questo scopo. Il problema del Forum di Proz è che non si ha la possibilità di raggiungere un numero altrettanto nutrito di persone con cui si collabora ogni giorno. Ho scelto la risposta di Paola perché come al solito è la più equilibrata e tende ad universalizzare. Paola cita gli anni di piombo... Come non rabbrividire al pensiero di quegli anni tremendi? Io ero troppo giovane per il '68 ma gli anni di piombo, le Brigate Rosse, Moro e tutto il resto hanno lasciato un segno profondo su di me. Ecco la ragione del mio appello. Mi dispiace, Francesco, ma invitare alla non-violenza non è buonismo generico o qualunquismo. Come fai a dire una cosa del genere? Io ho sempre creduto nella non-violenza e nel pacifismo. Per questo mi sono fatto 18 mesi di servizio civile ai miei tempi, e sarò bollato "obiettore di coscienza" (vale a dire codardo per molti) per tutta la vita. Ma questo mi importa poco. Dici che non è colpa tua se c'è l'AIDS o tanti paesi sono poveri. Certo che non è colpa tua. Ma la colpa, di chi è? Io mi sento in colpa. Mi sento in colpa quando ogni giorno giro la chiavetta della mia macchina diesel, mi sento in colpa quando non riciclo le mie bottiglie di vetro, mi sento in colpa quando faccio il bagno invece della doccia, sprecando molta più acqua, mi sento in colpa quando compro scarpe di cuoio, mi sento in colpa quando mangio la carne. La soluzione a questi problemi non c'è. Su questo sono d'accordo. Senza dubbio non è la violenza estrema, come sostiene - facendomi rabbrividire - il nostro caro Mohamed. Il problema è il capitalismo, il mercato libero. Portano tanta ricchezza e tanta povertà allo stesso tempo. Ma con la caduta del Comunismo, senza più alcun equilibrio, il capitalismo ha avuto via libera e siamo entrati in una spirale senza fine. Con la violenza, da chiunque venga usata, non si conclude nulla. Facciamoci un esame di coscienza la prossima volta che andiamo a votare. Scusate lo sfogo... ma come giustamente dice Paola alcuni avvenimenti vanno anche discussi fra traduttori.

Giovanni
4 KudoZ points were awarded for this answer

Advertisement


Summary of answers provided
na +2il mio commento
Laura Gentili
na +1Avete tutti ragione, mille ragioni,giogi
naAvrei moltissimo da dire
Francesco D'Alessandro
naVolevo dire, cara Paola...
Francesco D'Alessandro
naFrancesco ha ragione sui pericoli della deriva, ma
CLS Lexi-tech
naHo resistito a lungo alla tentazione di rispondere...
Francesco D'Alessandro
naConcordo anch'io
Giovanna Graziani
naNON condivido, mi dispiace
mohamed Bennis
naNON condivido, mi dispiace
mohamed Bennis
naSottoscrivo
flaviofbg


  

Answers


1 hr
Sottoscrivo


Explanation:
La violenza non serve proprio a nulla. Da AMBEDUE le parti però. Non mi va che un branco di assatanati che hanno voglia di menare le mani rompano macchine, negozi ecc...

Scusate l'intromissione

Flavio dalla Spagna

flaviofbg
Spain
Local time: 02:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian, Native in SpanishSpanish
PRO pts in pair: 31
Login to enter a peer comment (or grade)

1 hr
Concordo anch'io


Explanation:
Proprio come dice Flavio, la violenza c'è da ambedue le parti; manifestazioni pacifiche che hanno validissime ragioni di esistere (che tra l'altro condivido) rischiano di essere vanificate per l'intervento di gruppi di facinorosi che arrivano solo per sfogare i loro istinti violenti.
E dall'altra parte si è assistito ad un crescendo di tensione, per tutta la settimana gli abitanti di Genova non sono stati in grado di eseguire le operazioni di vita più elementari (andare al lavoro, o al supermercato). Pensate che la sede principale dell'azienda dove lavoro io, che ha sede proprio a Genova, ha messo in ferie forzate 250 dipendenti per tre giorni per l'impossibilità di molti di raggiungere l'ufficio. Siamo un paese civile?
Buon week end a tutti!

Giovanna Graziani
Italy
Local time: 02:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 1119
Login to enter a peer comment (or grade)

2 hrs
NON condivido, mi dispiace


Explanation:
Guardate un po' l'arroganza di questi 8, il pacifismo non va con loro, capiscono solo la violenza estrema!!!

mohamed Bennis
Local time: 01:47
Native speaker of: Native in ArabicArabic, Native in FrenchFrench
Login to enter a peer comment (or grade)

2 hrs
NON condivido, mi dispiace


Explanation:
Salve Giovanni
Guardate un po' l'arroganza di questi 8, il pacifismo non va con loro, capiscono solo la violenza estrema!!!
venite a vedere la miseria dei popoli del terzo e del quarto mondo.


    Reference: http://mabennis@hotmail.com
mohamed Bennis
Local time: 01:47
Native speaker of: Native in ArabicArabic, Native in FrenchFrench
Login to enter a peer comment (or grade)

3 hrs
Ho resistito a lungo alla tentazione di rispondere...


Explanation:
volevo evitare l'ennesima deriva di ProZ verso temi che non c'entrano minimamente con i motivi per cui tutti noi ci troviamo qui convenuti. Dopo altri quattro interventi mi contraddico da solo ed esprimo anch'io il mio parere:
- Il buonismo generico, oltre ad essere perfettamente inutile, è anche un po' ambiguo, perché tende a dare la colpa ai soliti "tutti indistintamente gli altri mentre solo io sono buono";
- personalmente non mi sento in colpa se al mondo c'è l'AIDS, la fame, la guerra ecc. In alcuni paesi non c'è acqua o elettricità? Ma in Italia, o in altri paesi occidentali, queste comodià è venuto qualcuno ad installarle, o ce le siamo fatte da soli? Perché dovrei ritenermi in dovere di farle cadere dall'alto sulla testa di qualcuno, ed in colpa se non lo faccio?
- Ammesso e non concesso che davvero tocchi a me fare per altri quello che loro non sono non sono in grado di fare per sé stessi, che cosa c'entra questo con gli sfasci attuati a Genova?
- Le prese di posizione naturalmente sono tutte perfettamente legittime, ma ripeto: esistono centinaia di altre sedi in cui manifestarle. Mi dà enormemente fastidio il tentativo di trasformare ANCHE ProZ in un'ennesima tribuna politica di cui non sento affatto il bisogno. A quando l'attribuzione dei punti di political correctenss a questo o quell'intervento?

Francesco D'Alessandro
Spain
Local time: 01:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 1056
Login to enter a peer comment (or grade)

3 hrs
Francesco ha ragione sui pericoli della deriva, ma


Explanation:
come si fa tra gli amici o i colleghi di lavoro non virtuali, anche a noi capita di voler discutere di eventi grossi come quelli di Genova. Mi ha colpito molto, dagli articoli letti on line, che ai Black Block sia stato permesso di razziare senza apparentemente opposizione della polizia. Sarà perché ho vissuto in Italia nel 68, durante Piazza Fontana, nel 77 e negli anni di piombo, ma mi ricorda vecchie tecniche ben collaudate.
In ogni caso, dove proprio non sono d'accordo con Francesco è sulla visione autarchica e isolazionista degli eventi. Noi ci siamo fatti le cose da soli, dici. Penso solo agli alberi con cui i romani costruivano le loro navi, che mio zio di Reggio Calabria ricordava sempre a me romana provenivano proprio da quella regione che venne spogliata dei suoi alberi, dando inizio ad un lento processo di dissesto idrogeologico. Non so se la cosa sia completamente vera, ma come esempio penso sia calzante. Certo non mi sento in colpa per quello che gli antichi romani hanno fatto e il senso di colpa non è mai un buon motore del comportamento. Ma certamente rifletto che la mia ricchezza di oggi può essere anche il frutto di vecchie e nuove spoliazioni. Giorni fa ho ricevuto da un collega di un paese in via di sviluppo un'offerta di collaborazione (caso mai avessi troppo lavoro) a 1 centesimo la parola. Francesco, 1 centesimo la parola. Possiamo benissimo riportare i problemi della globalizzazione al nostro specifico mondo professionale. Questo era anche uno dei motivi per cui pensai di aderire a Proz. Possiamo discuterne nel Forum e possiamo parlarne in Toscana.
Saluti tristi a tutti.
Paola




CLS Lexi-tech
Local time: 20:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 2228
Grading comment
Ciao a tutti,

premetto che il mio era un appello e non un incitamento al dibattito. So che esistono i Forum a questo scopo. Il problema del Forum di Proz è che non si ha la possibilità di raggiungere un numero altrettanto nutrito di persone con cui si collabora ogni giorno. Ho scelto la risposta di Paola perché come al solito è la più equilibrata e tende ad universalizzare. Paola cita gli anni di piombo... Come non rabbrividire al pensiero di quegli anni tremendi? Io ero troppo giovane per il '68 ma gli anni di piombo, le Brigate Rosse, Moro e tutto il resto hanno lasciato un segno profondo su di me. Ecco la ragione del mio appello. Mi dispiace, Francesco, ma invitare alla non-violenza non è buonismo generico o qualunquismo. Come fai a dire una cosa del genere? Io ho sempre creduto nella non-violenza e nel pacifismo. Per questo mi sono fatto 18 mesi di servizio civile ai miei tempi, e sarò bollato "obiettore di coscienza" (vale a dire codardo per molti) per tutta la vita. Ma questo mi importa poco. Dici che non è colpa tua se c'è l'AIDS o tanti paesi sono poveri. Certo che non è colpa tua. Ma la colpa, di chi è? Io mi sento in colpa. Mi sento in colpa quando ogni giorno giro la chiavetta della mia macchina diesel, mi sento in colpa quando non riciclo le mie bottiglie di vetro, mi sento in colpa quando faccio il bagno invece della doccia, sprecando molta più acqua, mi sento in colpa quando compro scarpe di cuoio, mi sento in colpa quando mangio la carne. La soluzione a questi problemi non c'è. Su questo sono d'accordo. Senza dubbio non è la violenza estrema, come sostiene - facendomi rabbrividire - il nostro caro Mohamed. Il problema è il capitalismo, il mercato libero. Portano tanta ricchezza e tanta povertà allo stesso tempo. Ma con la caduta del Comunismo, senza più alcun equilibrio, il capitalismo ha avuto via libera e siamo entrati in una spirale senza fine. Con la violenza, da chiunque venga usata, non si conclude nulla. Facciamoci un esame di coscienza la prossima volta che andiamo a votare. Scusate lo sfogo... ma come giustamente dice Paola alcuni avvenimenti vanno anche discussi fra traduttori.

Giovanni
Login to enter a peer comment (or grade)

3 hrs peer agreement (net): +2
il mio commento


Explanation:
Come madre, il mio pensiero è andato immediatamente ai genitori del giovane ucciso. Chissà cosa provano in questo momento. Penso che le forze dell'ordine andrebbero addestrate meglio a reagire in modo corretto in situazioni di estrema tensione. In casi come quello di ieri, si può sparare alla gamba, al braccio, ma sparare sotto l'occhio...
Laura

Laura Gentili
Italy
Local time: 02:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 4999

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  Francesco D'Alessandro: ma il carabiniere gravemente ferito dove lo metti? Anch'io ho figli piccoli, spero capiranno che è meglio stare a casa..
44 mins

agree  flaviofbg: Forse quando ti vedi 300.000 spinellari assatanati che ti saltano addosso ti viene pure da difenderti, forse...
1 hr
Login to enter a peer comment (or grade)

4 hrs
Volevo dire, cara Paola...


Explanation:
che questi problemi - a prescindere dalla opinioni personali di ciascuno -sono vecchi come il mondo, non un giorno di meno, e ancora non sono stati risolti; né, se proprio vuoi sapere come la penso, lo saranno mai, fino all'ultimo giorno in cui esisterà. Vogliamo proprio provarci su ProZ o in Toscana? Se è così faremmo meglio a prolungare il soggiorno di qualche anno, per poi tornare a casa gonfi di parole e senza aver risolto assolutamente nulla... Se leggi il mio curriculum vedrai che ho vissuto 10 anni in un paese del terzo mondo, dove certe cose le ho - posso dire - toccate con mano. Un centesimo, come potere d'acquisto delle basic commodities, in quei paesi vale quanto 10 cents in occidente; ed in quei paesi, tra l'altro, esiste SEMPRE un'élite di miliardari locali in confronto ai quali tu ed io siamo pezzenti. Andiamoci piano prima di parlare di sfruttamento, e da parte di chi contro chi...
Ma i miei punti sono altri:
- Come dicevo, questi problemi sono vecchi quanto il mondo. Siamo sicuri di vederli oggettivamente? O spesso ci facciamo influenzare dalla facile demagogia di chi si arricchisce vendendo notizie... e se non le ha le crea (se non si fosse capito, sto parlando di quella categoria di intoccabili che sono i giornalisti)?
- Insisto che a mio modesto parere ogni argomento ha la sua sede adatta. Ricordandomi sempre di quello che ho detto in un'altra polemica, che non spetta a me decidere la politica di ProZ, esprimo però la mia opinione che ProZ non è la sede adatta per certi dibattiti; semmai, giustamente, un forum apposito all'interno di ProZ, cui parteciperà chi vuole (io me ne guarderò bene, in questa sede credo di avere di meglio da fare e se ho voglia di militanza politica andrò a iscrivermi a un partito, o al limite a sfasciare macchine a Genova affrontando per coerenza il rischio di beccarmi una pallottola).
Grazie a chi ha perso tempo a leggermi e scusate l'auto-contraddizione di chi è intervenuto per predicare contro gli interventi.


Francesco D'Alessandro
Spain
Local time: 01:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 1056
Login to enter a peer comment (or grade)

7 hrs peer agreement (net): +1
Avete tutti ragione, mille ragioni,


Explanation:
ma di fronte alla morte, a una morte come quella, credo che resti soltanto il silenzio dello sgomento.
Ma cosa stiamo facendo?
Un abbraccio a tutti
Giovanna

giogi
Local time: 01:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 1358

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  Francesco D'Alessandro: la colpa è di chi l'ha strumentalizzato... se fosse rimasto a casa sarebbe ancora vivo
4 hrs
Login to enter a peer comment (or grade)

2 days 2 hrs
Avrei moltissimo da dire


Explanation:
ma sono convinto che non è questa la sede adatta, perciò voglio essere coerente con me stesso. Ribadisco solo che non mi sento in colpa perché mi basta comportarmi nella mia vita quotidiana secondo quelli che sono i miei principi, e se tutti al mondo facessero così questo pianeta sarebbe migliore (ovviamente non mi riferisco ai colleghi, che rispetto ed il cui stile di vita non conosco, quindi non posso né lodarlo né criticarlo). Mi sia permesso di far notare che i ruscelli di parole versati in questo piccolo dibattito ed i buoni o cattivi propositi espressi hanno lasciato esattamente il tempo che hanno trovato, perciò non mi sembra il caso di alimentarli e mi fermo qui. Esprimo solo di non dover più leggere su questi schermi argomenti che secondo me non c'entrano nulla con lo spirito e la lettera di ProZ, per finire con i voti di political correctness. O volete che domattina cominci io un dibattito sul razzismo contro gli stranieri nei paesi del terzo mondo? Dopo 10 anni nel sud-est asiatico ne ho di cose da raccontare...
PS Mia moglie ha gli occhi a mandorla e la pelle giallina, e i nostri 2 bambini sono bellissimi e intelligentissimi.

Francesco D'Alessandro
Spain
Local time: 01:47
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in pair: 1056
Login to enter a peer comment (or grade)




Return to KudoZ list


KudoZ™ translation help
The KudoZ network provides a framework for translators and others to assist each other with translations or explanations of terms and short phrases.



See also:



Term search
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search