Working languages:
English to Italian
Italian to English
French to Italian

Licia Rinaldi
Accuracy in translation

Italy
Local time: 02:06 CEST (GMT+2)

Native in: Italian Native in Italian
  • Send message through ProZ.com
Feedback from
clients and colleagues

on Willingness to Work Again info
No feedback collected
Account type Freelance translator and/or interpreter
Data security Created by Evelio Clavel-Rosales This person has a SecurePRO™ card. Because this person is not a ProZ.com Plus subscriber, to view his or her SecurePRO™ card you must be a ProZ.com Business member or Plus subscriber.
Affiliations This person is not affiliated with any business or Blue Board record at ProZ.com.
Services Translation, Editing/proofreading, Software localization
Expertise
Specializes in:
JournalismTourism & Travel
International Org/Dev/CoopPsychology
Education / PedagogyPoetry & Literature
Environment & EcologyGeography
Food & DrinkNutrition

Portfolio Sample translations submitted: 1
English to Italian: If children live with fear, they learn to be apprehensive
General field: Other
Detailed field: Education / Pedagogy
Source text - English
If children live with fear, they learn to be apprehensive.

Children love to play with the notion of fear. They delight in bogeyman games and are thrilled by scary stories and horror movies. I remember when I was a preteen, I used to spend every Friday night at one or another friend’s house, huddled around the radio with the lights turned off. We listened to a show called The Witches Tales, which would probably sound very tame today, but terrified us. The hardest (and also the most thrilling) part was trying to act unafraid when we were walking home in the dark after the show. We experienced the adrenaline rush of heart-pounding fear wondering what lurked in the shadows, while knowing deep inside that we were perfectly safe and would soon arrive home to our cosy, well-lit houses.
Living with fear is a quite different story, whether it’s a threat of physical violence, psychological abuse, abandonment, catastrophic illness, or the seemingly smaller fear of the neighbourhood bully or monsters under the bed. Living with real fear day to day tears down a child’s self-confidence and basic sense of security. Fear undermines the supportive environment a child needs to grow, explore, and learn, leaving him with a persistent feeling of apprehension, a general anxiety that can fundamentally damage his way of relating to people and facing new situations.

Things That Go Bump in the Night
Many of the sources of real fear in children’s lives can come as a total surprise to their parents. Children can be genuinely frightened by things adults take in stride, whether it’s a new dog in the neighbourhood or that old maple tree with the dead branches. They can even be frightened by casual turns of phrase. A three-year-old I know asked her mother, “Mommy, are you really going to fall apart? You said so to Aunt Cathy.” Sometimes a young child takes a figure of speech quite literally. This little girl needed her mom to explain what she meant, along with some reassurance and a warm hug.
No matter what the reason, if your child is afraid, the situation needs to be taken seriously. Fear is in the eye of the beholder, and we need to see the world from our child’s perspective. Saying things like “Don’t be silly”, “That’s nothing”, “Grow up”, “Don’t be a sissy”, only belittles the child, driving her fears underground where they continue to grow.
In my parenting groups, participants often ask me, “How do you know the difference between a fearful child and one who just wants attention?” The answer is, you don’t. Parents shouldn’t be overly concerned with being manipulated by their child’s emotional needs. Your child’s need for attention is as legitimate as her need for food and shelter. And sometimes a child is both frightened and needs attention.
Three-year old Adam provides a good example. His family had recently moved into a new house, he had started preschool, and his baby sister had just been born. Now these were all happy developments for his parents, but for Adam, they marked the end of life as he knew it. He felt his world was in complete upheaval. One night, when his mother was out, Adam came to his dad with an unusual request.
“I’m scared. Protect me”, he cried.
His father might have said “Protect you? From what? You are a big brother now and you shouldn’t be afraid,” and sent Adam back to bed alone.
Instead, his dad understood. “Protect you? Sure, no problem,” he responded. “Come snuggle next to me, and we’ll be safe together.” His understanding words and the physical closeness gave Adam the reassurance he needed to get through a tough moment and move on.
Parents can magically dispel even older children’s fears. Two brothers, ages six and eight, would periodically get spooked about ghosts in their attic. Their mother kept an old broom in her clothes closet for just these occasions. When the boys would tear into her room, wide-eyed and scared, she would calmly take the broom from the closet and run through the house wielding it like a dangerous weapon, screaming at the top of her lungs. The boys would run behind her, laughing with glee and the certainty that she was chasing every possible scary creature out of the house.

When Magic Won’t Work
Of course, there are times when there is no magical way to protect our children from their fears. Neither a broom-wielding mom nor a cozy hug will banish the fear or sadness that comes when a family hits a real crisis. The worst time for kids are when the structure or daily routines of the family are fundamentally disrupted. Kids rely on the rhythms of family life remaining more or less consistent, and when a crisis occurs, it can feel to them as if their world is falling apart.
Aside from the death of a parent, divorce is probably the most frightening event in a child’s life. Many children live with the fear of divorce, whether or not the fear is a realistic one. Hearing one parent complain about the other increases this fear, creating anxiety in the child. Underlying the fear of divorce is the child’s fear of abandonment. The child believes that if one of their parents leaves the house, they’re leaving her, too.
During a divorce, children feel like they have lost control over their world. One of the biggest challenges for divorcing parents is to choose to act in the best interests of their children, no matter how hurt, frustrated and angry they are with each other. Children are inevitably caught in the middle, so it’s up to the parents to declare a truce when it comes to the kids. This is far easier said than done, especially when parents are angry and quarreling with each other. But this is also the time when your children need the most reassurance that no matter what else happens, you are both still their parents, and together you will take care of them.
Any family crisis is felt by the children even though they may not fully understand the implications. Overhearing that her father might lose his job, six-year old Lynne became frightened that her family would become homeless and hungry. Dad explained to her, “We’ll find a way to get along. We may have to cut back on some of our spending for a while, but we’ll make it.” This gave Lynne the opportunity to be courageous and to do her part for the family. “I don’t really need those new sneakers, not yet anyway,” she said.

Translation - Italian
Se i bambini vivono nella paura, imparano ad essere apprensivi.

I bambini adorano giocare con la nozione della paura. Si deliziano a giocare a ‘l’uomo nero’ e sono eccitati dalle storie paurose e dai film horror. Mi ricordo di quando ero preadolescente, quando solevo passare ogni venerdì sera a casa di questa o quell’amica, raggruppate attorno alla radio con le luci spente. Ascoltavamo uno spettacolo chiamato ‘Storie di Streghe’, le quali oggi probabilmente suonerebbero alquanto innocue ma che allora ci terrorizzavano. La parte più difficile (ma anche la più eccitante) era quella di cercare di apparire tranquille quando camminavamo verso casa nel buio dopo lo spettacolo. Sperimentavamo l’ondata di adrenalina della paura che ti fa battere il cuore all’impazzata, domandandoci cosa si aggirasse furtivamente nelle ombre, essendo consapevoli di essere perfettamente al sicuro e che presto saremmo arrivate alle nostre
confortevoli e bene illuminate case.
Vivere nella paura reale è tutta un’altra storia, sia che si tratti di violenza fisica, di abusi psicologici, di abbandono, di una malattia molto grave o della paura apparentemente minore del bullo del quartiere o dei mostri sotto al letto.
Vivere nella paura giorno dopo giorno demolisce la fiducia che il bambino ha di se stesso e il suo senso di sicurezza di base. La paura minaccia l’ambiente di supporto del quale un
bambino ha bisogno per crescere, esplorare ed imparare, lasciandolo con una sensazione persistente di apprensione, un’ansietà generalizzata che può danneggiare la sua maniera
di relazionarsi al prossimo e di affrontare situazioni nuove.

Un Rumore Sospetto nella Notte
Molte delle fonti di paura reale nella vita dei bambini coglierebbero totalmente di sorpresa i loro genitori. I bambini possono essere veramente spaventati da cose cui gli adulti non fanno neppure caso, che sia un nuovo cane nel quartiere o quel vecchio acero
dai rami secchi. I bambini possono spaventarsi perfino da casuali risvolti di parole. Una bambina di tre anni che conosco ha chiesto alla madre: "Mamma, veramente stai per cadere a pezzi? Lo hai detto a zia Cathy". A volte un bambino piccolo prende alla lettera un modo di dire figurato. Questa bimba piccola aveva bisogno che la sua mamma le spiegasse che cosa intendesse, rassicurandola e dandole un caldo abbraccio.
Se il vostro bambino è spaventato, la situazione va affrontata seriamente, non importa quale ne sia la ragione. La paura può essere compresa solo da chi la prova, e noi dobbiamo cercare di vedere il mondo dalla prospettiva del nostro bambino. Dire cose come: "Non
essere sciocco", "Non è niente", "Cresci", "Non essere una femminuccia", serve solo a sminuire il bambino, seppellendo le sue paure le quali comunque continueranno a crescere.
Nei miei gruppi di genitori, i partecipanti spesso mi domandano "Come si capisce la differenza fra un bambino spaventato e uno che vuole solo ricevere attenzione?" La
risposta è: non si capisce. I genitori non dovrebbero essere eccessivamente preoccupati di venire manipolati dai bisogni emotivi del proprio bambino.
Il bisogno di ricevere attenzione di tua figlia è tanto legittimo quanto il suo bisogno di cibo e di un riparo. E alcune volte un bambino è sia spaventato che bisognoso di attenzioni.
Un buon esempio è Adam di tre anni. Con la sua famiglia si erano trasferiti in una nuova casa, lui aveva cominciato la scuola materna, e la sua sorellina era appena venuta al mondo. Mentre per i suoi genitori questi erano tutti stati degli esiti felici, per Adam avevano significato la fine della vita che lui conosceva. Lui sentiva che il suo mondo era in una situazione di sconvolgimento totale. Una notte, mentre sua madre era fuori, Adam venne dal papà con una richiesta insolita.
"Ho paura. Proteggimi", piangeva.
Suo padre avrebbe potuto dire "Proteggerti? Da cosa? Ora sei un fratello maggiore e non dovresti avere paura" e rispedire Adam a letto da solo.
Invece suo padre capì. "Proteggerti? Ma certo, non c’è problema", rispose "Vieni a rannicchiarti vicino a me e saremo insieme al sicuro". Le sue parole piene di comprensione e la vicinanza fisica diedero ad Adam la rassicurazione di cui aveva bisogno per attraversare un momento difficile e superarlo.
I genitori possono far scomparire magicamente perfino le paure dei bambini più grandi. Due fratelli, di sei e otto anni, avevano periodicamente paura dei fantasmi in soffitta. La loro madre teneva una vecchia scopa nel suo armadio apposta per quelle occasioni.
Quando i ragazzi irrompevano nella sua stanza, spaventati e con gli occhi spalancati, lei per prima cosa prendeva con calma la scopa dall’armadio e poi correva per la casa afferrandola come fosse un’arma pericolosa, urlando a perdifiato. I ragazzi le correvano
dietro, ridendo con gioia e certi del fatto che lei stesse scacciando ogni creatura spaventosa dalla casa.

Quando la Magia Non Fa Effetto
Vi sono certamente dei momenti in cui non esiste una maniera magica di proteggere i bambini dalle proprie paure. Né una mamma che brandisce una scopa né un abbraccio accogliente serviranno a dissipare la paura o la tristezza che arrivano quando la famiglia
si trova ad affrontare una vera crisi. I momenti peggiori per i bambini arrivano quando la struttura o la routine giornaliera della famiglia vengono essenzialmente meno. I bambini contano sui ritmi della vita in famiglia che in linea di massima rimangono costanti e di conseguenza, quando arriva una crisi, sentono il loro mondo crollare.
A parte la morte di un genitore, il divorzio è probabilmente l’evento più spaventoso nella vita di un figlio. Che sia infondato o meno, molti bambini vivono con il timore del divorzio. Sentire un genitore lamentarsi dell’altro accresce questo timore e crea ansietà
nel bambino. Dietro la paura del divorzio dei propri genitori si cela la paura che il bambino ha di essere abbandonato. Se uno dei due genitori abbandona la casa, la bambina crederà che il genitore in questione stia abbandonando anche lei.
Durante un divorzio, i bambini sentono di aver perduto il controllo del proprio mondo. Una delle sfide maggiori per i genitori che stanno divorziando è quella di scegliere di agire nell’interesse dei propri figli, non importa quanto feriti, frustrati ed arrabbiati essi siano tra di loro. I bambini si trovano inevitabilmente coinvolti, quindi è compito dei
genitori dichiarare un armistizio quando si tratta dei propri figli. Questo è più facile a dirsi che a farsi, specialmente quando i genitori sono infuriati e litigano tra loro. Ma questo è anche il momento in cui i vostri figli hanno più bisogno di sentirsi rassicurati del fatto che, non importa cosa accada, voi rimanete entrambi i loro genitori e insieme vi prenderete cura di loro.
Ogni crisi in famiglia viene avvertita dai bambini, anche se questi potrebbero non comprenderne pienamente gli effetti. Avendo sentito per caso che suo padre avrebbe potuto perdere il lavoro, Lynne di sei anni ebbe paura che lei e la sua famiglia potessero perdere la casa e soffrire la fame. Il babbo le spiegò "Beh, troveremo un’ altra
maniera di tirare avanti. Forse avremo bisogno di fare economia per un po’ di tempo, ma ce la faremo." Questo diede a Lynne l’opportunità di essere coraggiosa e fare la propria parte: "Non mi servono veramente quelle scarpe da ginnastica nuove, perlomeno non
ancora", disse lei.

Experience Years of experience: 12. Registered at ProZ.com: Jan 2014.
ProZ.com Certified PRO certificate(s) N/A
Credentials N/A
Memberships N/A
Software Adobe Acrobat, Microsoft Excel, Microsoft Word, Powerpoint
Bio
No content specified


Profile last updated
Jan 19, 2014