Member since Sep '08

Working languages:
English to Italian
Italian to English
Italian (monolingual)

AeC2009
Translating from experience

Bracciano (Rome), Lazio, Italy
Local time: 10:41 CEST (GMT+2)

Native in: Italian Native in Italian
  • Send message through ProZ.com
Feedback from
clients and colleagues

on Willingness to Work Again info
9 positive reviews
  Display standardized information
Account type Freelance translator and/or interpreter, Identity Verified Verified member
Data security Created by Evelio Clavel-Rosales This person has a SecurePRO™ card. Because this person is not a ProZ.com Plus subscriber, to view his or her SecurePRO™ card you must be a ProZ.com Business member or Plus subscriber.
Services Translation, Editing/proofreading, MT post-editing, Training
Expertise
Specializes in:
Automotive / Cars & TrucksIT (Information Technology)
Electronics / Elect EngEnergy / Power Generation
Military / DefenseEngineering (general)
Ships, Sailing, MaritimeManufacturing
Mechanics / Mech EngineeringComputers (general)

Rates
English to Italian - Rates: 0.05 - 0.10 EUR per word / 25 - 25 EUR per hour
Italian to English - Rates: 0.08 - 0.12 EUR per word / 30 - 30 EUR per hour
Preferred currency EUR
KudoZ activity (PRO) PRO-level points: 1753, Questions answered: 1129, Questions asked: 68
Blue Board entries made by this user  5 entries

Payment methods accepted Money order, Wire transfer
Portfolio Sample translations submitted: 8
English to Italian: IBM localization.
General field: Tech/Engineering
Detailed field: Computers: Software
Source text - English

The
server
will now be restarted.




None.





Are you sure you want your database_Name database to be only partially backed up?


None.





Database name: database_Name, type: dbType, XServer: agentName.


None.





Volume 'volumeName' is checked both at 'volumeParentName' and at 'oppositeVolumeParentName'.


None.





Open


File


Exit...


Login As ...


Export configuration files...


Import configuration files...


Upload license files...


Tools


Group


AD Group


Remove All


Clients Group


Users


Groups


AD Groups


Rescan volumes layout

The 'file/folder names must be specified.

None




The number of selected volumes exceeds the maximum allowed. Please remove some of the selected volumes.

None




No volume(s) were selected.

None




Sub folders must be specified if this category is selected.

None




Failed to retrieve the network path to the snapshot.

None




The full path of the specified sub folder exceeds the allowed maximum of 500 characters.
Please reselect a sub folder name.

None




The specified sub folder already exists.
Please reselect a sub folder name.

None


General section buttons

Remove - Unloads the currently open repository

id="wp9003702">Refresh - Update the data according to the latest snapshots

id="wp9003703">Login as- Allows you to login as a different user (AD
or Xpress-Restore domains)

Help - Display the
Xpress Mount / Instant Restore help

In case the help file does not
open when clicking the Help button, run: C:Program
FilesFilesX XpressRestoreXpress MountXpressMount.chm
.

Settings -
Opens the Settings dialog.

License -
Click to display the license status and update the license details.

id="wp9003708">Close - Close the Xpress Mount GUI

LAN
-
Caching is enabled - If this option is selected, Xpress Mount
will use caching to speed up the interaction with slow networks.

No
caching is required for localSANshared repositories.

Input
temp folder -
Browse and select a temporary folder for caching operations
if caching is enabled.

Wan - No caching is used
(for accessing remote repositories).

Access autocheck -
If this option is selected, Xpress Mount will gray out all the snapshots,
for which the current user does not have permissions.


Translation - Italian

Il
server
sarà riavviato.




Nessuna.





Eseguire solo un backup parziale del database database_Name?


Nessuna.





Nome del database: database_Name, tipo: dbType, XServer: agentName.


Nessuna.





Il volume 'volumeName' è controllato sia come 'volumeParentName' che come 'oppositeVolumeParentName'.


Nessuna.





Apri


File


Esci...


Accedi come ...


Esporta file di configurazione...


Importa file di configurazione...


Carica file di licenza...


Strumenti


Gruppo


Gruppo AD


Rimuovi tutto


Gruppo Client


Utenti


Gruppi


Gruppi AD


Ripetere l'analisi del layout dei volumi

'Specificare i nomi di file/cartella.

Nessuna




Il numero di volumi selezionati supera il massimo consentito. Rimuovere alcuni dei volumi selezionati.

Nessuna




Nessun volume selezionato.

Nessuna




Se si seleziona questa categoria, specificare le sottocartelle.

Nessuna




Impossibile recuperare il percorso di rete dello snapshot.

Nessuna




La lunghezza del percorso completo della sottocartella specificata supera il massimo consentito di 500 caratteri.
Riselezionare un nome di sottocartella.

Nessuna




La sottocartella specificata esiste già.
Riselezionare un nome di sottocartella.

Nessuna


Pulsanti della sezione generale

Rimuovi - Scarica il repository attualmente aperto

id="wp9003702">Aggiorna - Aggiorna i dati agli ultimi snapshot

id="wp9003703">Accedi come - Consente l'accesso come utente diverso (AD
oppure Xpress-Ripristino domini)

Guida - Visualizza la guida di Xpress Mount / Instant Restore

Se la guida non si
apre facendo click sul pulsante Guida eseguire: C:Program
FilesFilesX XpressRestoreXpress MountXpressMount.chm
.

Impostazioni -
Apre la finestra di dialogo Impostazioni.

Licenza -
Fare click per mostrare lo stato della licenza ed aggiornare i dettagli.

id="wp9003708">Chiudi - Chiude l'Interfaccia Grafica Utente Xpress Mount

LAN
-
Memorizzazione nella cache abilitata - Se si seleziona questa opzione, Xpress Mount
userà la cache per velocizzare l'interazione con reti lente.

La
memorizzazione nella cache non è necessaria per repository locali/SAN/condivisi.

Inserisci
cartella temporanea -
Sfoglia e seleziona una cartella temporanea per le attività di caching
se la memorizzazione nella cache è attivata.

Wan - Non utilizza memorizzazione nella cache
(per l'accesso ai repository remoti).

Accedi all'autocheck -
Se si seleziona questa opzione, Xpress Mount ombreggerà tutti gli snapshot
per i quali l'utente non ha l'autorizzazione.





NOTE:

nel testo originale.

Pagina 2 - riga 27 - The 'file/folder names must be specified. – Manca un apice o ce n’è uno di troppo?

Pagina 3 - riga 14 - Update(s) the data according to the latest snapshots – Errata forma verbale?

Pagina 3 – riga 15 - Login as( )- Allows you… - Manca uno spazio?

Pagina 3 - riga 18 - C:Program
FilesFilesX XpressRestoreXpress MountXpressMount.chm
. - doveva essere in rosso.

Pagina 3 - Riga 31 – Avrei preferito: Se la memorizzazione nella cache è attivata, sfoglia e seleziona una cartella temporanea per le attività di caching.
Non ho però modificato preferendo rispettare il posizionamento del testo e del

Pagina 3 - Riga 31 – Wan – Non dovrebbe essere WAN?
English to Italian: There are better options.
General field: Other
Detailed field: Journalism
Source text - English
By Daniel Levy

Tags: Iran, Mahmoud Ahmadinejad

Israel's response to the Iranian challenge has been out of synch with developing realities for some time. Recently though, it has become dangerously counter-productive, anchored as it is in denial. As Israel intensifies its role as threatener-in-chief, and clings to a "more sticks, bigger sticks" line, events all around are moving on.

The supposed logic behind Israel's escalating threats, suggesting it is ready to go it alone militarily, is threefold. It pressures Iran, thereby increasing international leverage in negotiations; a nervous world feels compelled to up sanctions and deliver results; and the path is smoothed to international acceptance of possible future Israeli action. Except that the logic (always a tenuous one) is now being repudiated on all three fronts.

Iran apparently views the threats as a reason to pursue more vigorously, not desist from, its enrichment program. In general, Iran's perception that it is the threatened party (surrounded by U.S. forces in Iraq, Afghanistan and the Arabian Gulf) adds impetus to its weapons-acquisition program. Israeli threats only add to that momentum. Sanctions tend to be a plodding, blunt and ineffective policy instrument. Iranian technological advances have outpaced sanctions every time. Anyway, the prospects of intensifying collective UN sanctions has likely been buried in the rubble of America's spat with Russia over Georgia and its breakaway provinces.
But the collapse of Israel's policy has been most dramatic in eliciting a public and vocal pushback against Israeli military action - from, of all places, the United States. All of America's top military brass have gone on record recently cautioning against a military strike against Iran - and each time after having held meetings with senior Israeli officials. It seems clear that as far as the Pentagon is concerned, there will be no third front in its broader Middle East quagmire and no military green light to Israel.

In addition to losing its efficacy, the "threatener-in-chief" position is also based on a false and now more transparently false premise - namely, that Israel has a military option that carries an acceptable level of risk. American reticence is just one consideration. Several influential studies, most recently one from the Institute for Science and International Security, in Washington, suggest that an attack would only strengthen Tehran's resolve to acquire a bomb, and that its centrifuge program could be quickly rebuilt. An attack would very likely rally the public around the most hard-line elements of the Iranian regime. Already the saber-rattling has allowed President Mahmoud Ahmadinejad's faction to distract attention from its economic mismanagement and to play the nationalism card.

These concerns are well-known, but it's worth recapping them: The region would be radically, and perhaps in the medium term irreversibly, destabilized, with a potentially huge blowback for both Israel and the U.S. Israel is understandably keen to avoid a confrontation on several fronts with Iran and its allies - but an attack would create the optimal conditions for exactly that eventuality to be realized. Iranian enmity for generations would be guaranteed and friendly regional regimes shaken, or worse. For American and coalition troops in Iraq, Afghanistan and even the Gulf, an already harsh reality would likely become untenable, and that's even before one considers the effects on oil markets and implications for world food prices and instability, and for European dependence on Russian energy supplies. Israel quite simply cannot and should not risk it.

The good news is - there are better options. For one, Israel should be leading, or at least contributing to, rather than retarding, a policy re-think on Iran. Instead, when the U.S. sends Under-Secretary of State William Burns to sit in on talks with Iran in Geneva or considers opening an interest section in Tehran, Israel takes umbrage. The same is true when our back-channel mediators with Syria, the Turks, host Iran's leaders.

Israel needs to encourage this direct hard-headed diplomatic engagement between its friends and Iran - contributing talking points of its own and suggesting the dialogue address a broad range of issues of concern to Israel. Israel might even wrong-foot its adversaries and advance a constructive regional dynamic by developing an offer occasionally hinted at by President Shimon Peres - that Israel will support a Middle East free of weapons of mass destruction in the context of regional peace, mutual recognition and security guarantees.

Beyond that, Israel should de-emphasize its unilateral military options and stress confidence in its own deterrence capacity vis-a-vis Iran. Rather than irresponsibly scaring its own public and broadcasting fear to the region, Israel's message can be that it is uniquely placed to meet the military challenges potentially posed by Iran. In fact, without giving anything new away, Israel might reiterate that of all regional actors, it has reason to be the least concerned by developments on the Iranian side. Mutual deterrence would be an acceptable, if undesirable, outcome. That would create the sense of this being a shared problem far more than the desperate cries of gewalt and threats of unilateral action.

Don't expect preventive diplomacy to be swift or simple - but Israel would be making a terrible, even fatal, mistake if it attacked Iran. It does no one, least of all itself, any favors with the parrot-like repetition of the "threatener-in-chief" mantra.

Daniel Levy, a senior fellow at the New America and Century Foundations, was a former adviser in the Israeli Prime Minister's Office, and was the lead Israeli drafter of the Geneva Initiative.
Translation - Italian
Ci sono opzioni migliori.
Daniel Levy - 22/8/2008

La risposta di Israele alla sfida iraniana è stata fuori sincrono con le realtà che nel tempo si stavano sviluppando. Di recente poi è diventata pericolosamente controproduttiva, ancorata come è nel suo rifiuto. Mentre Israele insiste sul proprio ruolo di “principale minacciatore” e rimane attaccata ancor più alla logica di "più bastoni, e più grandi", gli eventi tutto intorno si stanno muovendo.

C’è una triplice pretesa logica dietro l'aumento delle minacce di Israele, che fa pensare che sia pronta ad andare in guerra da sola. Mette pressione sull'Iran, aumentando così la leva internazionale sui negoziati; un mondo nervoso si sente spinto ad aumentare le sanzioni e a produrre risultati; e tutto il cammino viene modellato verso l'accettazione di possibili azioni future israeliane. Eccetto che la logica, sempre molto tenue, viene adesso ripudiata su tutti e tre i fronti.

L'Iran apparentemente vede le minacce come un ulteriore motivo per perseguire più vigorosamente il proprio programma di arricchimento dell'uranio, piuttosto che per desistere da esso.
In generale la percezione che l'Iran è minacciato (circondato da forze armate USA in Iraq, Afghanistan e Golfo Arabo) aggiunge impeto al suo programma di acquisizione di armamenti. La minaccia israeliana ottiene solo di aggiungere forza a quella spinta.
Le sanzioni tendono ad essere uno strumento politico lento, spuntato ed inefficiente. I progressi tecnologici iraniani hanno sempre lasciato indietro le sanzioni e, comunque, la prospettiva di intensificare le sanzioni collettive proposte dall'ONU è stata verosimilmente sepolta nei rifiuti della disputa dell'America con la Russia a proposito della Georgia e delle sue province separatiste.

Ma il collasso della politica di Israele è stato ancor più drammatico nello scatenare, in tutte le parti degli USA, un forte rifiuto pubblico contro l'eventuale azione militare. Tutti gli alti ufficiali americani si sono recentemente allineati nel mettere in guardia contro un attacco all'Iran, e questo è avvenuto ogni volta dopo aver incontrato i principali governanti israeliani. Appare chiaro che, per quanto riguarda il Pentagono, non ci sarà un terzo fronte nel suo già ampio pantano mediorientale, e nessuna luce verde per Israele.

In aggiunta alla perdita di efficacia, la posizione di "principale minacciatore" si basa anche su una falsa premessa, oggi ancor più trasparentemente falsa, e cioè che Israele abbia un'opzione militare che comporti un accettabile livello di rischio. La reticenza americana in tal senso è solo una considerazione. Diversi influenti studi, uno molto recente dell'Istituto per la Scienza e la Sicurezza Internazionale di Washington, suggerisce che un attacco otterrebbe soltanto di rafforzare la decisione di Teheran di acquisire la bomba, e che il suo programma di centrifughe potrebbe essere ricostruito molto rapidamente. Un attacco, molto verosimilmente, porterebbe il popolo a stringersi maggiormente attorno agli esponenti della linea dura del regime iraniano. Il tintinnare di sciabole ha già consentito alla fazione del presidente Ahmadinejad di distrarre l'attenzione dai suoi errori economici e di giocare la carta del nazionalismo.

Queste preoccupazioni sono ben note ma vale la pena di riassumerle: la regione sarebbe radicalmente destabilizzata e forse, nel medio periodo, irreversibilmente, con un potenziale enorme contraccolpo sia per Israele che per gli USA.
Israele è comprensibilmente incline ad evitare un confronto su vari fronti con l'Iran ed i suoi alleati, ma un attacco creerebbe le condizioni ottimali perché tale eventualità si realizzasse. L'ostilità iraniana sarebbe stata garantita per generazioni ed i regimi regionali amici fortemente scossi, o peggio.
Per le truppe americane e della coalizione in Iraq, Afghanistan e persino nel Golfo, una realtà già molto dura diventerebbe decisamente insostenibile, e questo persino prima ancora di considerare gli effetti sul mercato del petrolio e le implicazioni sui prezzi mondiali del cibo, e l'instabilità, e per la dipendenza dell'Europa dalle forniture energetiche russe. Israele semplicemente non può e non deve correre tale rischio.

La buona notizia è che ci sono opzioni migliori. Per dirne una Israele dovrebbe condurre, o almeno contribuire a, piuttosto che ritardare, un ripensamento politico sull'Iran. E invece quando il Sottosegretario di Stato americano William Burns si siede al tavolo dei negoziati con l'Iran a Ginevra, Israele si adombra. E lo stesso accade quando i Turchi, i nostri mediatori diretti con la Siria, ospitano i leaders iraniani.

Israele deve incoraggiare questo duro e diretto impegno diplomatico fra i suoi amici e l'Iran, contribuire con propri punti di discussione e suggerire che il dialogo si rivolga ad un ampio spettro di argomenti che preoccupano Israele.
Israele potrebbe persino provare a sbilanciare in anticipo i suoi avversari e proporre una dinamica costruttiva regionale, sviluppando un'offerta occasionalmente accennata dal presidente Shimon Peres, e cioè che Israele si impegni per un Medio Oriente privo di armi di distruzione di massa nel contesto di una pace regionale, per il riconoscimento reciproco e per garanzie di sicurezza.

Oltre a ciò Israele dovrebbe de-enfatizzare le proprie opzioni militari unilaterali e rinforzare la fiducia nella propria capacità di deterrenza fronte a fronte con l'Iran.
Piuttosto che spaventare irresponsabilmente il proprio popolo e trasmettere terrore alla regione il messaggio di Israele potrebbe essere che è soltanto intenzionata a fronteggiare le sfide potenziali poste dall'Iran.
Di fatto, senza concedere niente di nuovo, Israele potrebbe reiterare che di tutti i protagonisti regionali è quello che ha minori motivi di preoccupazione per gli sviluppi di parte iraniana.
Una reciproca deterrenza sarebbe un'accettabile, anche se indesiderabile risultato.. Creerebbe il senso di un problema condiviso ben più che le affermazioni disperate di diritto alla violenza e le minacce di azione unilaterale.

Inutile pretendere che la diplomazia preventiva sia semplice o rapida, ma Israele farebbe un errore terribile, forse fatale, se attaccasse l'Iran. Non fa un favore a nessuno, men che meno a sé stessa con la ripetizione del mantra del "principale minacciatore".

Daniel Levy

Fonte Ha’aretz

Tradotto da Arrigo de Angeli per Effedieffe.com

English to Italian: WAR IS A RACKET
General field: Art/Literary
Detailed field: Military / Defense
Source text - English
http://www.lexrex.com/enlightened/articles/warisaracket.htm

CHAPTER ONE

WAR IS A RACKET

WAR is a racket. It always has been.

It is possibly the oldest, easily the most profitable, surely the most vicious. It is the only one international in scope. It is the only one in which the profits are reckoned in dollars and the losses in lives.

A racket is best described, I believe, as something that is not what it seems to the majority of the people. Only a small "inside" group knows what it is about. It is conducted for the benefit of the very few, at the expense of the very many. Out of war a few people make huge fortunes.

In the World War [I] a mere handful garnered the profits of the conflict. At least 21,000 new millionaires and billionaires were made in the United States during the World War. That many admitted their huge blood gains in their income tax returns. How many other war millionaires falsified their tax returns no one knows.

How many of these war millionaires shouldered a rifle? How many of them dug a trench? How many of them knew what it meant to go hungry in a rat-infested dug-out? How many of them spent sleepless, frightened nights, ducking shells and shrapnel and machine gun bullets? How many of them parried a bayonet thrust of an enemy? How many of them were wounded or killed in battle?

Out of war nations acquire additional territory, if they are victorious. They just take it. This newly acquired territory promptly is exploited by the few – the selfsame few who wrung dollars out of blood in the war. The general public shoulders the bill.

And what is this bill?

This bill renders a horrible accounting. Newly placed gravestones. Mangled bodies. Shattered minds. Broken hearts and homes. Economic instability. Depression and all its attendant miseries. Back-breaking taxation for generations and generations.

For a great many years, as a soldier, I had a suspicion that war was a racket; not until I retired to civil life did I fully realize it. Now that I see the international war clouds gathering, as they are today, I must face it and speak out.

Again they are choosing sides. France and Russia met and agreed to stand side by side. Italy and Austria hurried to make a similar agreement. Poland and Germany cast sheep's eyes at each other, forgetting for the nonce [one unique occasion], their dispute over the Polish Corridor.

The assassination of King Alexander of Jugoslavia [Yugoslavia] complicated matters. Jugoslavia and Hungary, long bitter enemies, were almost at each other's throats. Italy was ready to jump in. But France was waiting. So was Czechoslovakia. All of them are looking ahead to war. Not the people – not those who fight and pay and die – only those who foment wars and remain safely at home to profit.

There are 40,000,000 men under arms in the world today, and our statesmen and diplomats have the temerity to say that war is not in the making.

Hell's bells! Are these 40,000,000 men being trained to be dancers?

Not in Italy, to be sure. Premier Mussolini knows what they are being trained for. He, at least, is frank enough to speak out. Only the other day, Il Duce in "International Conciliation," the publication of the Carnegie Endowment for International Peace, said:

"And above all, Fascism, the more it considers and observes the future and the development of humanity quite apart from political considerations of the moment, believes neither in the possibility nor the utility of perpetual peace... War alone brings up to its highest tension all human energy and puts the stamp of nobility upon the people who have the courage to meet it."

Undoubtedly Mussolini means exactly what he says. His well-trained army, his great fleet of planes, and even his navy are ready for war – anxious for it, apparently. His recent stand at the side of Hungary in the latter's dispute with Jugoslavia showed that. And the hurried mobilization of his troops on the Austrian border after the assassination of Dollfuss showed it too. There are others in Europe too whose sabre rattling presages war, sooner or later.

Herr Hitler, with his rearming Germany and his constant demands for more and more arms, is an equal if not greater menace to peace. France only recently increased the term of military service for its youth from a year to eighteen months.

Yes, all over, nations are camping in their arms. The mad dogs of Europe are on the loose. In the Orient the maneuvering is more adroit. Back in 1904, when Russia and Japan fought, we kicked out our old friends the Russians and backed Japan. Then our very generous international bankers were financing Japan. Now the trend is to poison us against the Japanese. What does the "open door" policy to China mean to us? Our trade with China is about $90,000,000 a year. Or the Philippine Islands? We have spent about $600,000,000 in the Philippines in thirty-five years and we (our bankers and industrialists and speculators) have private investments there of less than $200,000,000.

Then, to save that China trade of about $90,000,000, or to protect these private investments of less than $200,000,000 in the Philippines, we would be all stirred up to hate Japan and go to war – a war that might well cost us tens of billions of dollars, hundreds of thousands of lives of Americans, and many more hundreds of thousands of physically maimed and mentally unbalanced men.

Of course, for this loss, there would be a compensating profit – fortunes would be made. Millions and billions of dollars would be piled up. By a few. Munitions makers. Bankers. Ship builders. Manufacturers. Meat packers. Speculators. They would fare well.

Yes, they are getting ready for another war. Why shouldn't they? It pays high dividends.

But what does it profit the men who are killed? What does it profit their mothers and sisters, their wives and their sweethearts? What does it profit their children?

What does it profit anyone except the very few to whom war means huge profits?

Yes, and what does it profit the nation?

Take our own case. Until 1898 we didn't own a bit of territory outside the mainland of North America. At that time our national debt was a little more than $1,000,000,000. Then we became "internationally minded." We forgot, or shunted aside, the advice of the Father of our country. We forgot George Washington's warning about "entangling alliances." We went to war. We acquired outside territory. At the end of the World War period, as a direct result of our fiddling in international affairs, our national debt had jumped to over $25,000,000,000. Our total favorable trade balance during the twenty-five-year period was about $24,000,000,000. Therefore, on a purely bookkeeping basis, we ran a little behind year for year, and that foreign trade might well have been ours without the wars.

It would have been far cheaper (not to say safer) for the average American who pays the bills to stay out of foreign entanglements. For a very few this racket, like bootlegging and other underworld rackets, brings fancy profits, but the cost of operations is always transferred to the people – who do not profit.

Translation - Italian
http://spiritolibero.mastertopforum.org/viewtopic.php?p=7972#7972

Capitolo Primo.

"La Guerra è un racket. Lo è sempre stato.

E’ probabilmente il più vecchio, facilmente il più redditizio, sicuramente il più malvagio. E’ l’unico internazionalmente in vista. E’ l’unico in cui i profitti si calcolano in dollari e le perdite in vite.

Credo si possa ben descrivere un racket come qualcosa che non è ciò che sembra alla maggioranza della gente. Solo un piccolo gruppo “interno” sa di cosa si tratta.
Viene fatta per il vantaggio di pochissimi a spese di moltissimi. Alla fine di una guerra pochissimi hanno accumulato ingenti fortune.

Nella 1a Guerra Mondiale appena un pugno di persone beneficiò dei profitti del conflitto.
Negli Stati Uniti, durante quella guerra.
furono almeno 21.000 i nuovi milionari e miliardari Quelli che riportarono i loro ingenti guadagni di sangue nella denuncia dei redditi, ma non è dato sapere quanti altri milionari l'abbiano falsificata.

Quanti di questi milionari di Guerra hanno mai imbracciato un fucile?

Quanti hanno indossato una divisa? Quanti fra loro hanno mai saputo cosa significhi essere affamati in una trincea infestata dai topi? Quanti di essi hanno passato notti insonni, notti di terrore, scansando granate, bombe e proiettili di mitragliatrice? Quanti di loro hanno inferto una baionettata nel corpo di un nemico? Quanti di loro sono morti o sono stati feriti in battaglia?

Alla fine di una guerra le nazioni acquisiscono territori, se vincono.

Semplicemente se li prendono. Questi territori così conquistati sono prontamente sfruttati da questi pochi, gli stessi che hanno spremuto dollari dal sangue. E il popolo paga il conto.

E qual’è il conto?

Questo conto ci restituisce una orribile contabilità. Nuove lapidi. Corpi martoriati. Menti in pezzi. Cuori e case distrutti. Instabilità economica. Depressione e tutte le miserie che ne conseguono. Tasse da spezzare la schiena per generazioni e generazioni.

Per moltissimi anni, da soldato, ebbi il sospetto che la guerra fosse un racket; ma fu solo quando tornai definitivamente alla mia vita da civile che lo compresi pienamente.
Ora che di nuovo vedo nuvole di guerra raccogliersi all’orizzonte, come in questi giorni, devo affrontarle e parlar fuori dai denti.

Ancora si stanno scegliendo le parti. La Francia e la Russia si sono incontrate ed hanno deciso di stare fianco a fianco. L’Italia e l’Austria si sono affrettate a raggiungere lo stesso accordo. La Polonia e la Germania si guardano con occhi di pecore, dimenticando per quell’unica occasione, la loro contesa circa il Corridoio Polacco.

L’assassinio di Re Alessandro di Jugoslavia ha complicato le cose. Jugoslavia e Ungheria, da lungo tempo acerrimi nemici, erano quasi alla gola l’una dell’altra. L’Italia era pronta a saltarci dentro. Ma la Francia stava aspettando, come pure la Cecoslovacchia.

Tutti quanti loro aspettano soltanto la Guerra.
Non i popoli - non coloro che combattono, che pagano e che muoiono – solo coloro che fomentano le guerre e rimangono al sicuro a casa a far profitti.

Nel mondo oggi ci sono quaranta milioni di uomini sotto le armi, e i nostri politici hanno la sfacciataggine di dirci che non c’è alcuna previsione di far guerre.

Campane dell'inferno! Stanno addestrando quaranta milioni di uomini a fare i ballerini?

Certamente non in Italia. Il Primo Ministro Mussolini sa benissimo per che cosa vengono addestrati, ma almeno lui è abbastanza sincero da ammetterlo apertamente.
Soltanto l’altro giorno il Duce ha dichiarato a “International Conciliation”, la pubblicazione della Fondazione Carnegie per la Pace Internazionale”:

“Soprattutto il Fascismo, quanto più osserva ed esamina il futuro e lo sviluppo dell’umanità fuori dalle considerazioni politiche del momento, non crede né nella possibilità né nell’utilità della pace…, la Guerra solamente porta tutta l’energia umana alla sua tensione più alta e imprime il sigillo della nobiltà su quei popoli che hanno il coraggio di affrontarla.”

Indubbiamente Mussolini intende esattamente quello che dice.
Il suo esercito ben addestrato, la sua grande flotta aerea, persino la sua marina, sono pronti per la guerra.
La sua recente presa di posizione a fianco dell’Ungheria nella recente disputa con l’Jugoslavia lo ha dimostrato.
E la frettolosa mobilitazione delle sue truppe alla frontiera austriaca dopo l’assassinio di Dolfuss lo ha ulteriormente dimostrato.
E ci sono altri in Europa il cui tintinnare di sciabole fa presagire guerra, presto o tardi.

Herr Hitler, con la sua fremente Germania e la sua costante richiesta di più e più armi, è un’altra e forse maggiore minaccia alla pace. La Francia recentemente ha aumentato il periodo di ferma militare dei suoi giovani da un ano a diciotto mesi.

Sì, dappertutto le nazioni stanno facendo accampamenti in armi. I cani pazzi d’Europa sono sciolti. In Oriente la manovra è ancor più abile.
Già nel 1904, quando la Russia ed il Giappone si scontrarono, noi prendemmo a calci i nostri vecchi amici russi e sostenemmo il Giappone.

Poi i nostri generosissimi banchieri finanziarono il Giappone. Adesso invece c’è la tendenza ad avvelenarci con i giapponesi.
Che significato ha per noi questa “politica della porta aperta” con la Cina?

Il nostro commercio con la Cina totalizza novanta milioni di dollari l’anno.

Oppure le Isole Filippine? Abbiamo speso laggiù circa seicento milioni di dollari in trentacinque anni e noi (i nostri banchieri, industriali e speculatori) abbiamo investimenti privati inferiori a duecento milioni.

Allora, per salvare quei novanta milioni di dollari di commercio con la Cina, o per proteggere meno di duecento milioni di dollari di investimenti privati nelle Filippine, dovremmo essere aizzati a odiare il Giappone e fargli guerra – una guerra che rischierebbe di costarci decine di miliardi di dollari, centinaia di migliaia di vite americane e molte più centinaia di migliaia di uomini mutilati e mentalmente squilibrati.

Naturalmente, a fronte di queste perdite, ci sarebbe un profitto remunerativo: si creerebbero fortune.

Milioni e milioni di dollari verrebbero accumulati.

Da pochi. Dai fabbricanti di munizioni. Dai banchieri. Dagli industriali, Dagli inscatolatori di carne. Dagli speculatori. Loro, certamente, se la passerebbero bene.

Certo che si stanno preparando per un’altra guerra. Perché non dovrebbero? Paga dividendi altissimi.

Ma che profitto ne ricavano gli uomini che vengono uccisi? Che profitto ne ricavano le loro madri, sorelle, mogli e fidanzate? Che profitto ne ricavano i loro figli?

Che profitto ne ricava chiunque, a parte quei pochissimi per cui la guerra significa enormi profitti?
Sì, e che profitto ne ricava la nazione?

Prendiamo il nostro caso.
Fino al 1898 non possedevamo alcun territorio fuori del continente nord-americano. A quel tempo il nostro debito nazionale era poco meno di un miliardo di dollari. Poi acquisimmo “la mentalità internazionale”.

Dimenticammo, o mettemmo da parte, il precetto dei Padri del nostro paese.
Dimenticammo l’avvertimento di George Washington a proposito del “allacciare alleanze”. Andammo in guerra.

Acquisimmo territori all’estero.

Alla fine del periodo della prima guerra mondiale, come conseguenza diretta del nostro gingillarci con gli affari internazionali, il nostro debito nazionale era esploso ad oltre venticinque miliardi di dollari. Il nostro saldo commerciale attivo durante un periodo di 25 anni era di circa ventiquattro milioni di dollari.

Conseguentemente, su una pura base contabile, anno dopo anno abbiamo perso qualcosa, e comunque quel commercio estero sarebbe stato nostro anche senza la guerra.

Sarebbe stato decisamente più economico (per non dire anche più sicuro) per l’americano medio che paga i conti di starcene fuori dalle avventure estere. Ma per pochissimi questo racket, come il banditismo e altri racket del sottobosco, porta immani profitti, ma il costo delle operazioni è sempre accollato al popolo, che non ne ricava alcun profitto."


English to Italian: How Many Villages Must We Bomb Before We Find bin Laden?
General field: Other
Detailed field: Journalism
Source text - English
Posted on Nov 13, 2008
By William Pfaff

Barack Obama has said that he is not against war, only against stupid wars. One might then reasonably ask if the present war in Afghanistan is not a stupid war?

During the election campaign, the president-elect said it was the “right war” (instead of the one in Iraq), and that he would even support opportunistic illegal raids into Pakistan to seize Osama bin Laden, in emulation of that contempt for international law that when displayed by the George W. Bush administration won the United States so much admiration.

What is this war for? To seize bin Laden and his associates. The American government believes that he and his headquarters are in Pakistan, and presumably has intelligence to support that conclusion—although it has not been good enough for many months of American air attacks and special forces operations into the badlands of the Pakistani-Afghan frontier to succeed.

What level of confidence do American officials have that he still is there, despite all the effort to find him? If he is still in Pakistan’s tribal region, and given that he is an intelligent man, why should he stay there, waiting to be bombed or captured? During the Vietnam War, according to Stanley Karnow’s comprehensive history of the war, the American command insisted that there was a large Communist headquarters, the “Central Office for South Vietnam”—COSVN—located in the so-called Fishhook district of Cambodia.

That was one reason for the Nixon-Kissinger invasion of Cambodia. The combined South Vietnamese and American operation was in part motivated by the goal of finding and destroying this headquarters. When they found it, according to Karnow, instead of being “the miniature Pentagon imagined by official U.S. spokesmen,” American troops found “a scattering of empty huts, their occupants having fled weeks before.”

What reason is there to think that bin Laden is less prudent than the Vietnamese? Given six years of warnings that Washington believes he is in the Pakistan tribal territories, and is trying to find him there, would it not be reasonable for him to make other arrangements? Is it not possible that he and his headquarters would be gone by the time Americans or their auxiliaries, the reluctant Pakistani army and frontier police, finally arrive? Assuming that they do.

We are incessantly reminded that this is a world of instant communications. Bin Laden and his staff, for all that we know, might long ago have set themselves up in a comfortable resort hotel somewhere in the Gulf Emirates, or in the South American highlands, or the South Seas. Perhaps they have trimmed their beards, visited fashionable tailors, and now live in comfortable apartments in Paris or London, meeting in restaurants, and communicating with their collaborators through e-mails sent through constantly shifting networks of e-mail cafes. Or perhaps he uses the ordinary post office. His agents may also regularly disseminate heartless rumors in Pakistan about villages where he can be found, timed to invite American air raids to kill the maximum number of civilians.

The second objective of the American and NATO war is to prevent a Taliban reconquest of Afghanistan, the country it ruled from 1994 until 2001, when the U.S. organized anti-Taliban regional forces to retake the country, supported by U.S. B-52s. This was to punish the Taliban for having given pre-2001 hospitality to bin Laden, possessing a similar Islamic fundamentalist religious program. However, the Taliban itself were then concerned only with Afghanistan and had no foreign activities, terrorist or otherwise.

The Taliban today simply wants back what it considers its country, since its tribal and ethnic group is not only the largest in Afghanistan but in the entire region, totaling an estimated 40 million people.

Many in Pakistan, including part of the army’s intelligence apparatus, agree, so the American and NATO war against the Taliban is slowly, and one fears inexorably, merging with a struggle inside Pakistan between Islamic integrists and the new Pakistan government, which is identified with the increasingly hated Americans who keep bombing villages inside Pakistan.

The United States and its NATO allies are engaged in a war against a fanatical religious group that is backed by many of the 40-million-member Pathan ethnic group; the U.S.-NATO effort supports a weak, and by general acknowledgment corrupt, American-sponsored government in Kabul. Moreover, again according to general agreement, they are losing this war, a prospect that will not be changed by the two U.S. brigades scheduled to reinforce the troops there.

Washington has until now resisted initiatives, apparently coming from both sides in the war, to find compromises and a settlement.

Washington’s purpose in attacking what historically has been the most stubbornly impenetrable region of Asia is to lay hands on a man who might not be there and even if he is will undoubtedly leave before American troops arrive—if they arrive.

Does this sound like a stupid war? It is one of George Bush’s two stupid wars. Obama might announce just that, say that Washington will support whatever settlement of the fighting its Asian participants can agree upon, and has a secret plan to deal with Osama bin Laden in its own time and its own way, which no longer will be by fighting cruel and irrelevant wars in small countries.

Translation - Italian
Quanti villaggi dovremo ancora bombardare prima di trovare Bin Laden?

Di William Pfaff.

Barack Obama ha dichiarato di non essere contrario alla guerra ma soltanto alle guerre stupide. Ci si potrebbe ragionevolmente domandare: l’attuale guerra in Afghanistan è o no una guerra stupida?

Durante la campagna elettorale il presidente eletto ha dichiarato che quella era “la guerra giusta” (e non quella in Iraq), e che avrebbe anche sostenuto eventuali incursioni illegali in Pakistan per catturare Osama Bin Laden, emulando quel disprezzo delle leggi internazionali che, quando esibito dall’amministrazione Bush, ha guadagnato agli Stati Uniti tanta ammirazione.

A che serve questa guerra? Per catturare Bin Laden ed i suoi complici. Il governo americano ritiene che lui ed il suo quartier generale si trovino in Pakistan, e presumibilmente ha informazioni di intelligence a sostegno di tale conclusione, sebbene molti mesi di attacchi aerei e di operazioni delle forze speciali nelle lande montagnose al confine fra Pakistan ed Afghanistan non abbiano conseguito alcun successo.

Quale livello di attendibilità hanno i governanti americani che si trovi ancora lì, nonostante tutti gli sforzi (inutili) per trovarlo? Se è ancora nella regione tribale del Pakistan, e concesso che sia una persona intelligente, perché dovrebbe ancora essere lì ad aspettare di essere bombardato o catturato? Durante la guerra del Vietnam, secondo l’ampia storia di quella guerra scritta da Stanley Karnow, i comandi americani insistevano sull’esistenza di un importante quartier generale comunista, “l’Ufficio Centrale del Vietnam del Sud” – COSVN – nella cosiddetta “regione dell’amo” in Cambogia.

E quella fu una delle ragioni per cui Nixon e Kissinger decisero di invadere la Cambogia. L’operazione combinata di sud vietnamiti ed americani fu in parte motivata con l’obiettivo di trovare e distruggere questo quartier generale. Quando lo trovarono, sempre secondo Karnow, invece di essere “la copia in miniatura del Pentagono immaginata dai portavoce ufficiali americani”, le truppe americane trovarono un insieme di baracche vuote i cui occupanti erano fuggiti settimane prima.

Che motivo c’è di ritenere che Bin Laden sia meno prudente dei Vietcong? Considerando sei anni di avvertimenti di Washington che ritiene si trovi nei territori tribali pakistani, e che sta cercando di trovarlo laggiù, non sarebbe ragionevole pensare che si sia organizzato diversamente? E’ forse impossibile che lui ed il suo quartier generale se ne siano andati da un pezzo nel momento in cui gli americani, ed i loro riluttanti alleati, l’esercito e la polizia di frontiera pakistani, alla fine ci arriveranno? Seppure ci riusciranno.

Ci viene incessantemente ricordato che questo è il mondo della comunicazione istantanea. Bin Laden ed il suo gruppo, per quanto possiamo saperne, potrebbero già da tempo essersi insediati in un confortevole resort da qualche parte negli Emirati del Golfo, o sulle colline sudamericane, o nei Mari del Sud. Forse si sono accorciati le barbe, sono andati da sarti alla moda, e adesso vivono in comodi appartamenti a Parigi o a Londra, incontrandosi in ristoranti, e comunicando con i loro collaboratori per mezzo di e-mails spediti tramite una rete di Internet Cafè sempre diversa. Oppure usano il normale ufficio postale. I loro agenti possono anche diffondere voci spietate in Pakistan a proposito di villaggi dove potrebbe trovarsi, programmate per scatenare incursioni americane che uccidano il maggior numero di civili.

Il secondo obiettivo della guerra americana e della NATO è quello di impedire che i talebani riconquistino l’Afghanistan, il paese che hanno governato dal 1994 fino al 2001, quando gli USA organizzarono forze regionali anti talebani per riconquistare il paese, col sostegno dei B52 USA. Questo con lo scopo di punire i talebani per aver dato ospitalità a Bin Laden prima del 2001, in virtù del comune programma religioso fondamentalista. Comunque i talebani stessi a quel tempo erano interessati soltanto all’Afghanistan e non avevano attività all’estero di tipo terroristico o altro.

I talebani attuali vogliono soltanto riprendersi quello che considerano il proprio paese, dato che il loro gruppo tribale ed etnico è non soltanto il più grande in Afghanistan ma anche nell’intera regione, con un totale stimato di 40 milioni di persone.

Molti in Pakistan, inclusi molti esponenti del servizio di intelligence militare, concordano, e così la guerra americana e della NATO contro i talebani si sta lentamente, ed alcuni temono anche inesorabilmente, fondendo con una lotta interna al Pakistan fra gli integralisti islamici ed il nuovo governo pakistano, che viene identificato con i sempre più odiati americani che continuano a bombardare villaggi all’interno del paese.

Gli USA ed i loro alleati della NATO sono impegnati in una guerra contro un gruppo di fanatici religiosi che è sostenuto da molti membri dei 40 milioni di etnia Pathan; lo sforzo USA-NATO sostiene il governo debole e, per consenso generale, corrotto, sponsorizzato dagli USA, a Kabul.
Inoltre, sempre secondo il consenso generale, stanno perdendo la guerra, una prospettiva che non subirà cambiamenti anche con le due brigate USA che verranno inviate laggiù a rinforzare le truppe.

Washington ha sinora resistito a tutte le iniziative, apparentemente di entrambi le parti in guerra, volte a trovare dei compromessi ed un accordo.

Lo scopo di Washington nell’attaccare quella che, storicamente, è la regione più duramente impenetrabile dell’Asia è di mettere le mani su un uomo che potrebbe non essere lì, e se pure fosse indubbiamente lì, potrebbe sempre andarsene prima dell’arrivo delle truppe americane, se pure arrivassero.

Non vi sembra una guerra stupida? E’ una delle due guerre stupide di George W. Bush. Obama potrebbe, per ipotesi, annunciare che Washington sosterrà una conclusione dei combattimenti, quale che sia, sulla quale i contendenti possano trovarsi d’accordo, e che ha un piano segreto per farla finita con Osama Bin Laden, a tempo debito ed a modo suo, senza più combattere guerre crudeli ed inutili in piccoli paesi.

William Pfaff – 13/11/2008

Fonte: Truthdig.com

Traduzione di Arrigo de Angeli per Effedieffe.com

http://www.effedieffe.com/content/view/5317/183/
English to Italian: Honorable Exit From Empire
General field: Art/Literary
Detailed field: History
Source text - English
http://www.antiwar.com/pat/?articleid=13194

by Patrick J. Buchanan

As any military historian will testify, among the most difficult of maneuvers is the strategic retreat. Napoleon's retreat from Moscow, Lee's retreat to Appomattox and MacArthur's retreat from the Yalu come to mind. The British Empire abandoned India in 1947 – and a Muslim-Hindu bloodbath ensued.

France's departure from Indochina was ignominious, and her abandonment of hundreds of thousands of faithful Algerians to the FALN disgraceful. Few Americans can forget the humiliation of Saigon '75, or the boat people, or the Cambodian holocaust.

Strategic retreats that turn into routs are often the result of what Lord Salisbury called "the commonest error in politics ... sticking to the carcass of dead policies."

From 1989 to 1991, with the collapse of the Soviet Empire and breakup of the U.S.S.R., America had an opportunity to lay down its global burden and become again what Jeane Kirkpatrick called "a normal country in a normal time."

We let the opportunity pass by, opting instead to use our wealth and power to convert the world to democratic capitalism. And we have reaped the reward of all the other empires that went before: A sinking currency, relative decline, universal enmity, a series of what Rudyard Kipling called "the savage wars of peace."

Yet, opportunity has come anew for America to shed its imperial burden and become again the republic of our fathers.

The chairman of Chiang Kai-shek's Kuomintang Party has just been hosted for six days by Beijing. Commercial flights have begun between Taipei and the mainland. Is not the time ripe for America to declare our job done, that the relationship between China and Taiwan is no longer a vital interest of the United States?

Prime Minister Nouri al-Maliki's government wants a status of forces agreement with a timetable for full withdrawal of U.S. troops. Is it not time to say yes, to declare that full withdrawal is our goal as well, that the United States seeks no permanent bases in Iraq?

On July 4, Reuters, in a story headlined "Poland Rejects U.S. Missile Offer," reported from Warsaw: "Poland spurned as insufficient on Friday a U.S. offer to boost its air defenses in return for basing anti-missile interceptors on its soil. ...

"'We have not reached a satisfactory result on the issue of increasing the level of Polish security,' Prime Minister Donald Tusk told a news conference after studying the latest U.S. proposal."

Tusk is demanding that America "provide billions of dollars worth of U.S. investment to upgrade Polish air defenses in return for hosting 10 two-stage missile interceptors," said Reuters.

Reflect if you will on what is going on here.

By bringing Poland into NATO, we agreed to defend her against the world's largest nation, Russia, with thousands of nuclear weapons. Now the Polish regime is refusing us permission to site 10 anti-missile missiles on Polish soil, unless we pay Poland billions for the privilege.

Has Uncle Sam gone senile?

No. Tusk has Sam figured out. The old boy is so desperate to continue in his Cold War role as the world's Defender of Democracy he will even pay the Europeans – to defend Europe.

Why not tell Tusk that if he wants an air defense system, he can buy it; that we Americans are no longer willing to pay Poland for the privilege of defending Poland; that the anti-missile missile deal is off. And use cancelation of the missile shield to repair relations with a far larger and more important power, Vladimir Putin's Russia.

Consider, too, the opening South Korea is giving us to end our 60-year commitment to defend her against the North. For weeks, Seoul hosted anti-American protests against a trade deal that allows U.S. beef into South Korea. Koreans say they fear mad-cow disease.

Yet, when a new deal was cut to limit imports to U.S. beef from cattle less than 30 months old, that too was rejected by the protesters. Behind the demonstrations lies a sediment of anti-Americanism.

In 2002, a Pew Research Center survey of 42 nations found 44 percent of South Koreans, second highest number of any country, holding an unfavorable view of the United States. A Korean survey put the figure at 53 percent, with 80 percent of youth holding a negative view. By 39 percent to 35 percent, South Koreans saw the United States as a greater threat than North Korea.

Can someone explain why we keep 30,000 troops on the DMZ of a nation whose people do not even like us?

The raison d'etre for NATO was the Red Army on the Elbe. It disappeared two decades ago. The Chinese army left North Korea 50 years ago. Yet NATO endures and the U.S. Army stands on the DMZ. Why?

Because, if all U.S. troops were brought home from Europe and Korea, 10,000 rice bowls would be broken. They are the rice bowls of politicians, diplomats, generals, journalists and think tanks who would all have to find another line of work.

And that is why the Empire will endure until disaster befalls it, as it did all the others.


Translation - Italian
Una onorevole uscita dall’Impero.
Patrick J. Buchanan

Come qualunque storico potrà testimoniare la ritirata strategica è la manovra più difficile. La ritirata di Napoleone da Mosca, quella di Lee ad Appomattox e quella di MacArthur allo Yalu tornano immediatamente alla mente.

L’abbandono dell’Indocina da parte della Francia fu ignominiosa, come fu disgraziato quello di centinaia di migliaia di fedeli algerini al FALN. Pochi americani possono dimenticare l’umiliazione di Saigon nel 1975, o il popolo delle barche, o l’olocausto cambogiano.

Le ritirate strategiche che si trasformano in rotte sono spesso il risultato di quello che Lord Salisbury definì: “il più comune degli errori politici, restare attaccati al cadavere di politiche morte.”

Dal 1989 al 1991, col collasso dell’Impero Sovietico e la dissoluzione dell’URSS, l’America ebbe l’opportunità di deporre il suo fardello globale e tornare ad essere quello che Jeane Kirckpatrick chiamò “ un paese normale in un paese normale”.

Abbiamo lasciato passare l’opportunità, decidendo invece di utilizzare la nostra ricchezza e la nostra forza per convertire il mondo al “capitalismo democratico”. E in cambio abbiamo ottenuto la ricompensa di tutti gli altri imperi prima di noi: una moneta colata a picco, con il relativo declino, inimicizia universale, insomma la sequenza di ciò che Kipling definì: “Le guerre selvagge della pace.”

Il presidente del Partito del Kuomintag di Chiank-Kai-shek è stato appena ospite di Pechino per sei giorni. Sono cominciati i voli commerciali fra Taipei e la terraferma. Non è dunque il momento adatto per dichiarare completato il nostro lavoro, ora che le relazioni fra la Cina e Taiwan non sono più di interesse vitale per gli Stati Uniti?

Il governo irakeno di Al Maliki vuole un accordo sulle forze di occupazione americane, con una tabella che stabilisca il completo ritiro delle truppe USA. Non è forse il momento di acconsentire, di confermare che il ritiro completo è anche un nostro obiettivo e che gli USA non vogliono più basi permanenti in Iraq?

Il 4 luglio la Reuters, in un articolo intitolato “La Polonia rifiuta l’offerta di missili USA”, scriveva da Varsavia: “La Polonia ha respinto sdegnosamente l’offerta statunitense di rafforzare la propria difesa aerea in cambio di una base a terra di missili intercettori…”
In una conferenza stampa il primo ministro Donald Tusk, dopo aver esaminato l’ultima proposta statunitense, ha dichiarato: “Non abbiamo raggiunto un risultato soddisfacente sul tema dell’innalzamento del livello di sicurezza polacco.”
Tusk chiede che l’America “fornisca miliardi di dollari di investimenti USA per aggiornare la difesa aerea polacca in cambio dell’ospitare 10 missili intercettori a due stadi” ha scritto la Reuters.

Riflettete, se volete, su quello che sta accadendo.

Portando la Polonia nella NATO, abbiamo accettato di difenderla contro la nazione più grande del mondo, la Russia, dotata di migliaia di armi nucleari. Eppure adesso il governo polacco ci rifiuta il permesso di installare dieci missili anti-missile sul proprio territorio, amenoché accettiamo di pagare miliardi alla Polonia in cambio di tale privilegio.

Per caso lo Zio Sam si è rimbambito?

No. Il presidente Tusk ha perfettamente compreso lo Zio Sam: il vecchio è così disperatamente desideroso di continuare il suo ruolo da Guerra Fredda di difensore della democrazia che pagherà persino gli europei pur di difendere l’Europa.

Perché non dire al presidente Tusk che se vuole un sistema di difesa aerea può comprarselo? Che noi americani non vogliamo più pagare la Polonia per avere il privilegio di difendere la Polonia? Che la trattativa sui missili anti-missile si chiude qui?
Perché non usare la cancellazione dello scudo missilistico per riparare le relazioni con una potenza di gran lunga più importante, la Russia di Vladimir Putin?

Considerate anche la possibilità che ci da la Corea del Sud di porre fine all’impegno di sessant’anni di difenderla dalla Corea del Nord. Per settimane a Seoul ci sono state proteste e manifestazioni contro un accordo commerciale che permetterebbe agli USA di esportare il proprio manzo verso la Corea del Sud. I coreani dicono di temere il morbo della mucca pazza.

Inoltre, quando un nuovo accordo è stato definito in modo da limitare le importazioni di manzo dagli USA solo ad animali di meno di 30 mesi, anche questo è stato rigettato dagli oppositori. Oltre le dimostrazioni c’è un forte sentimento anti-americano.

Nel 2002 una indagine del Pew Research Center, condotta su 42 nazioni, ha riscontrato che il 44% dei sud-coreani ha un’immagine sfavorevole degli Stati Uniti. Una ricerca coreana ha riscontrato addirittura il 53%, con l’80% di giovani particolarmente negativi. Addirittura dal 35% al 39% hanno dichiarato di ritenere gli USA una minaccia maggiore che la Corea del Nord.

Qualcuno sa spiegarmi perché teniamo 30.000 soldati nella zona demilitarizzata di una nazione a cui proprio non siamo graditi?

Perché, se riportassimo a casa tutte le nostre truppe dall’Europa e dalla Corea, 10.000 “scodelle di riso” andrebbero in frantumi: le “scodelle di riso” dei politici, diplomatici, giornalisti e pensatori che dovrebbero trovarsi un altro modo per guadagnarsi da vivere.

Ed è per questo motivo che l’Impero continuerà finché non avverrà il disastro, esattamente come è stato per gli altri imperi.

Pat Buchanan – Copyright Creator Syndicate, Inc.

Tradotto da Arrigo de Angeli per Effedieffe.com

English to Italian: Eight reasons higher prices will do us a world of good
General field: Bus/Financial
Detailed field: Finance (general)
Source text - English
$8-a-gallon gas
Commentary: Eight reasons higher prices will do us a world of good. By Chris Pummer.

http://www.marketwatch.com/News/Story/Story.aspx?guid=82fce1b0188943b0a465e29bfee95576
Translation - Italian
La benzina ad 8 $ per gallone. Le otto ragioni per cui prezzi più alti ci farebbero un sacco di bene.

San Francisco - 28/5/2008

Per essere una delle sostanze peggiori della terra il petrolio greggio ha una presa incredibile su tutto il globo. Sappiamo tutti che è un veleno, ma pure ne siamo dipendenti come dall’aria e dall’acqua, che sono esattamente ciò che il petrolio avvelena.

Non dovremmo ormai, in questo 21° secolo, essere abbastanza avanzati tecnologicamente da finirla di trivellare il pus della Terra? Indipendentemente dal fatto che crediate o meno che il riscaldamento globale stia minacciando il futuro del pianeta, dovete ammettere che il petrolio è ormai superato.

Gli Americani dovrebbero gioire invece che tremare al raggiungimento dei 4$ per gallone di benzina. Abbiamo vissuto troppo a lungo sui carburanti a basso prezzo, abbiamo mancato di innovare, ed ora ci troviamo ad affrontare le conseguenze di competere per una risorsa in esaurimento nel mezzo di una domanda globale in rapida crescita.

Un ulteriore aumento del prezzo, come in Europa, a 8$ per gallone – o 200 e più dollari per il pieno di un SUV – sarebbe un catalizzatore per un cambiamento economico, politico e sociale di profondo impatto nazionale e globale. Dovremmo affrontare una contrazione economica, ma sarebbe il dolore prima del guadagno.

L’economia USA ha assorbito il triplicarsi del prezzo dei carburanti negli ultimi sei anni senza per questo andare in recessione, almeno fino a marzo scorso. L’insaziabile domanda da parte di Cina ed India potrebbe vedere i prezzi raddoppiare nei prossimi anni, dando così un rapido avvia al nostro processo di svezzamento dai combustibili fossili.

Considerate quanto bene deriverebbe dal prezzo del greggio e dei carburanti a livelli che metterebbero sotto sforzo le nostre finanze tanto quanto stanno mettendo sotto sforzo le relazioni internazionali e la saluto a lungo termine del pianeta:

1) – Un requiem per il motore a combustione interna.

Possono anche contenere sofisticati circuiti elettronici, ma i propulsori delle auto moderne sono, di fatto, molto poco diversi da quello della Ford T di 100 anni fa. Il fatto che siamo ancora legati a corda doppia a questa antiquata tecnologia testimonia soltanto l’influenza delle grandi corporations del petrolio a Washington ed il loro successo ottenuti nel rallentare l’efficienza energetica e le energie alternative.

Dati i nostri risultati nel trasferire la potenza di un elaboratore mainframe in un palmare in solo pochi decenni dovremmo esser capaci di fare altrettanto con queste piccole e sporche “centrali termiche semoventi” che ci hanno sì ben serviti finora ma che sono ormai un rifiuto della storia.


2) – Uno stimolo economico.

Essendo la necessità la madre dell’inventiva, la benzina ad 8$ innescherebbe tutta una serie di investimenti sicuramente in grado di suscitare incredibili progressi. La il lavoro di creazione non sarebbe limitato ai laboratori di ricerca; si diffonderebbe rapidamente in imprese remunerative che contribuirebbero a ricostruire la base industriale americana e ci renderebbe leaders mondiali in un settore estremamente critico.
Le più incredibili scoperte potrebbero ancora essere lontane un quarto di secolo, ma non riusciremo a vedere massicci investimenti pubblici e privati in appropriate iniziative di ricerca fino a quando i crescenti costi del petrolio non minacceranno la nostra sicurezza nazionale e la stabilità globale – un’epoca che, purtroppo, si sta avvicinando rapidamente.

3) – Disinnescare la bomba mediorientale.

Questa parte del mondo che molto poco ha contribuito alla civiltà moderna, esercita un’influenza eccessiva sul resto del mondo in virtù di un solo significativo contributo: l’estrazione del greggio.
Eccetto che per assicurare la sicurezza d’Israele, gli USA non avrebbero virtualmente alcun interesse strategico o commerciale in questa regione instabile e desolata, a parte il petrolio, ed i suoi governanti più radicali non riuscirebbero a demonizzarci come gli affamatori dei loro popoli.
Nel lungo termine interrompere la nostra dipendenza dal petrolio mediorientale potrà certo richiedere l’accettare le trivellazioni nei territori incontaminati dell’Alaska, con la chiara comprensione che una protezione ambientale costosa ma efficace è facilmente compensata dal prezzo della benzina ad 8 $.

5) – Sgonfiare i potentati del petrolio.

Sullo stesso piano, il presidente venezuelano Chavez e quello iraniano Ahmadinejad hanno recentemente conquistato il palcoscenico mondiale grazie alla ricchezza petrolifera delle rispettive nazioni. Senza questa dovrebbero affrontare il difficile compito di costruire, partendo da altre basi, società ed economie eque e corrette nei loro paesi.
Quanto lontano potrebbe giungere il loro messaggio, e quanto a lungo potrebbero persino restare al potere se non fossero capaci di conquistare la temporanea fedeltà dei propri popoli con i ricchi proventi petroliferi?

5) – Sviluppo del trasporto di massa.

Chiunque si serva del trasporto di massa per recarsi al lavoro conosce le gioie di spostarsi senza auto (come si vede che l’autore vive in USA e non, p.es., a Roma o a Milano! N.d.t.). Ciò nonostante ci sono stati ben pochi miglioramenti significativi al nostro sistema di trasporto di massa negli ultimi trenta anni perché la benzina a basso prezzo ci ha tenuto legati alle nostre auto.
Obbligati a confrontarsi con la benzina ad 8$, milioni di americani prenderebbero gli autobus, i treni, i traghetti e le biciclette e ridurrebbero l’inquinamento, la congestione e l’ansia generati dagli ingorghi del traffico nelle ore di punta.
Itinerari più convenienti e pianificazione dei tempi otterrebbero questo risultato.


6) Un antidoto alla dispersione abitativa.

Il recente boom delle abitazioni ha dato il via ad un ulteriore sviluppo di piccole ed impersonali e comunità in molte aree periferiche remote. Rendere più costoso uno spostamento di oltre 100 miglia (oltre 160 km., N.d.t.) fra andata e ritorno favorirebbe la costruzione di più zone abitative meglio collegate e più vicine ai centri cittadini, comprendendo anche sviluppi immobiliari a grappolo per quei milioni di baby pensionati che non avranno più bisogno delle loro enormi e vuote case suburbane.
Certo, c’è un sacco di terreno da sviluppare attraverso le nostre ricche pianure, ma costruire più abitazioni attorno alla città ed ai centri cittadini migliorerà quel senso di comunità che manca in quegli anonimi sobborghi degli hinterlands.

7) – Ripristinare la disciplina finanziaria.

Fin troppi americani vivono al di sopra delle proprie possibilità (e sennò come farebbero ad avere quel deficit commerciale? N.d.t.) e in nessun altra circostanza è così evidente come nelle nostre spese automobilistiche. Facilitate da avidi finanziatori molte famiglie di medio reddito pagano ogni mese due rate da 400$ o più per veicoli da oltre 20.000 $ che consumano oltre 15.000 $ del reddito annuale fra assicurazione, manutenzione e carburante.
La stangata di dover aggiungere oltre 100 $ ad ogni pieno ci obbligherebbe tutti ad esaminare con attenzione quanto del nostro prezioso reddito viene bruciato da un mezzo di trasporto che se ne sta fermo per la maggior parte del tempo, e ci farebbe rivolgere l’attenzione alle auto piccole e medie, più economiche ed efficienti, che gli europei guidano ormai da decenni.

8) Allentamento delle tensioni globali.

Sfortunatamente, noi umani non siamo ancora così evoluti da rinunciare a tentare di annientarci reciprocamente per il controllo delle fonti energetiche. Senza voler parlare di eventuali armi di distruzione di massa, l’attuale guerra in Iraq potrebbe essere solo la prima di molte provocate dallo stesso motivo della conquista del petrolio.
Prezzi alti non solo raffredderebbero la domanda negli USA ma, ancor di più, rallenterebbero la corsa a capofitto della Cina e dell’India a fare gli stessi errori che noi abbiamo fatto con la troppo rapida industrializzazione; per esempio la Tata che progetta di vendere auto da 2.500 $ a decine di milioni di indiani, con nessunissima preoccupazione per le conseguenze ambientali.
Se noi riusciremo a sviluppare energie alternative sostenibili queste saranno un prodotto chiave da esportare che aiuterebbe grandemente la nostra bilancia dei pagamenti con i paesi produttori di beni di consumo.

Considerazioni aggiuntive.

Svezzarci dal consumo di greggio potrebbe essere il risultato che coronerebbe i progressi del genere umano nel 21° secolo. Da questo potrebbe derivare lo sviluppo di prodotti non basati sul petrolio per sostituire i prodotti chimici, farmaceutici, plastici e pesticidi che attualmente consumano il 16% della produzione mondiale di greggio e che sono i principali responsabili della veloce crescita delle percentuali di cancro.

Per sua stessa definizione il petrolio è greggio. E’ ormai tempo di sviluppare fonti di energia molto più raffinate, e questo non potrà avvenire senza una contrazione della domanda innescata dalla crescita del costo.

Chris Pummer è un ex senior editor di MarketWatch e Bloomberg News e reporter per il Los Angeles Times e il San Jose Mercury News.

Tradotto da Arrigo de Angeli per Effedieffe.com

Spanish to Italian: Ganar dinero en Forex
General field: Bus/Financial
Detailed field: Finance (general)
Source text - Spanish
Como puede ganar dinero operando en Forex?
La meta principal de un Trader de Forex es ganar la mayor cantidad de pips posible. Mientras más pips gane la moneda que haya elegido, mayor será su recompensa. Por lo tanto, lo principal es que comprenda qué es un pip y por qué acumular muchos de ellos lo ayudará a ganar dinero en Forex?
El objetivo básico de comerciar en Forex es intercambiar una moneda por otra, y luego esperar tener suerte que la moneda que Usted haya comprado aumente su valor en comparación con el valor de la que haya vendido. Una vez que esto haya sucedido Usted venderá la moneda que compró con el fin de recibir una cantidad mayor de la moneda que originalmente tenía.
Es como dice el cliché favorito de todos los inversionistas, “comprar barato y vender caro”. Por suerte, hay muchas formas de hacer esto con Forex. Para que lo entienda mejor, ejemplificamos las características básicas para que entienda como ganar dinero en Forex.
Elija un Par
Antes de introducirse en las maneras de ganar dinero de un inversor Forex, es importante que comprenda como funciona la cotización por pares. Seguramente usted conozca o haya escuchado hablar sobre el Tipo de Cambio alguna vez ,al momento de viajar al exterior o en los periódicos quizás.
Qué es el Tipo de Cambio? Es simplemente el valor de la moneda de un país en términos de otra moneda. Puede ser la cantidad de Euros que un Dólar puede comprar, o el monto de Dólares que un Euro puede comprar.
Como el Tipo de Cambio opone una moneda en contra de otra, éste cotiza en pares de monedas. Si desea conocer cuántos Francos necesita para comprar un Dólar, entonces tendrá que mirar el tipo de cambio USD/CHF.
La primer moneda del par es llamada moneda base y la segunda es conocida como moneda de cuenta o de cotización. El tipo de cambio le dirá cuantas unidades de la moneda de cuenta son necesarias para comprar una unidad de la moneda base. .(esto lo tacho por que la moneda base se puede comprar o vender)
Valor de las monedas
Por ejemplo cuando somos chicos intercambiábamos cartillasas de futbol con nuestros amigos. Si Usted tuviera una cartilla de David Beckham y la cambia por una cartilla de Ronaldinho. Pero luego de que la cambio Ronaldinho anota mete el gol que lleva al Barҫa a ganar la copa de campeones, entonces Usted podrá cambiar la carta que posee de Ronaldinho por dos de David Beckham. Y de esa manera, por el mayor valor de la tarjeta de Ronaldinho Usted ah obtenido mayor cantidad de Beckhams.

El comercio en Forex es bastante similar al intercambio de las cartillas de futbol, excepto por que aquí lo que gana es dinero. Podemos tomar el ejemplo las cartillas y sustituirlas por monedas e incrementando la cantidad.
En vez de tener la carta de David Beckham, usted tiene 1.000 dólares (USD) y desea comprar Euros (EUR) en vez de la carta de Ronaldinho, porque piensa que el valor del euro aumentará en relación al dólar, de la misma manera que con las cartas de Beckham y Ronaldinho. Entonces, si el tipo de cambio EUR/USD es 0,80, (significa que con 80 centavos de Dólar comprará 1 Euro). Por lo tanto comprará 1.250 Euros con los 1.000 USD originales.
Si mantenemos en nuestro poder los 1.250 EUR por 1 semana, y durante ese tiempo el ministro de finanzas de Estados Unidos anuncia que el país caerá en una recesión y el dólar se desplomará, por lo que el tipo de cambio EUR/USD aumentó de 0,80 a 2,00. Con este nuevo tipo de cambio usted podrá comprar 2.500 USD con los 1.250 EUR que había comprado anteriormente, obteniendo una ganancia de 1.500 USD, o sea 150% en solo una semana.
Este ejemplo puede resultar un poco extremo, pero nunca se sabe cuales pueden ser las fluctuaciones de las monedas. De todos modos, Usted está comenzando a aprender sobre cómo puede ganar dinero en Forex.
El lado Corto y el Largo
Existen distintas y variadas posibilidades de ganar dinero en Forex, Usted puede decidir comprar o vender la moneda que tiene en este momento en su poder. En el ejemplo anterior decidimos comprar EUR con los USD que teníamos en nuestro poder. En el mercado Forex se dice que estamos largos en EUR/USD.
Suponga que usted comience teniendo EUR en vez de USD, y decide vender sus EUR por USD para anticiparse a la devaluación del EUR. Su estrategia le permitirá comprar mayor cantidad de EUR una vez que su precio haya caído. Ejecutando su operación de esta manera es llamada estar corto en EUR/USD.
Estar corto o largo en Forex es la terminología que utilizamos en finanzas para decir que vendimos o compramos una moneda particular con el fin de hacer movidas estratégicas para obtener una ganancia. Es simple, solo tiene que recordar que estar largo equivale a comprar y estar corto corresponde a vender el par elegido.
Todos detrás del Pip!
Cuando comenzó a leer, le dijimos que el objetivo básico era ganar pips. Entonces, que es un pip? No es un personaje de los Comics de Marvel ni un personaje de la novela Moby-Dick, por si usted se lo estaba preguntando.
En pocas palabras, un Pip es la mínima fracción en la que se expresa el precio de una moneda. Por ejemplo, si para el par EUR/USD la cotización es 1,2801, un pip entonces es 0,0001. La mayoría de los pares de monedas cotizan con cuatro puntos fraccionales, por lo tanto el menor cambio posible del tipo de cambio de una moneda es el uno por ciento (1/100) de un centavo.
Sus ganancias y perdidas pueden ser calculadas en términos de cuantos pips haya ganado o perdido. Sencillamente tiene que comparar el precio inicial y el precio al final de la operación. La diferencia entre estos dos precios es la cantidad de cuantos pips ha ganado o perdido.
Por ejemplo, si el tipo de cambio de EUR/USD al inicio era de 1,2823 y luego subió hasta 1,2841, entonces se ha movido 18 pips. Usted habrá ganado o perdido dependiendo de si usted poseía Dólares o Euros al inicio.


Translation - Italian
Come si può guadagnare operando sul Forex?

L’obiettivo primario di un Trader sul Forex è di guadagnare la maggior quantità possibile di “pips” (punti in percentuale). Maggiore il numero di pips che la valuta scelta guadagna, maggiore sarà la remunerazione. E’ quindi di primaria importanza comprendere che cosa è un pip e per quale ragione accumularne molti aiuterà a guadagnare denaro operando sul Forex.

L’obiettivo di base del trading sul Forex è scambiare una valuta con un’altra, ed aspettare che la valuta acquistata aumenti rapidamente di valore rispetto alla valuta venduta. Quando ciò si sia verificato, si venderà la valuta comprata per ricavarne una quantità di valuta maggiore di quella iniziale.

Come recita il detto preferito di tutti gli investitori, si tratta di “comprare a poco e vendere a molto”. Fortunatamente sul Forex ci sono molti modi per fare ciò. Per facilitarne la comprensione, esemplifichiamo le caratteristiche di base per imparare a guadagnare sul Forex.

Scegliere una coppia (di valute).

Prima di avvicinarsi ai modi di guadagnare di un investitore Forex, è importante comprendere come funziona la quotazione per coppie. Sicuramente conoscete o avete sentito parlare del Rapporto di cambio, in occasione di un viaggio all’estero oppure leggendo una rivista.

Che cosa è il Rapporto di cambio? E’ semplicemente il valore della valuta di una nazione in rapporto ad un’altra valuta. Può trattarsi della quantità di Euro che un Dollaro può comprare, oppure il totale di Dollari che un Euro può comprare.

Siccome il Rapporto di cambio confronta una valuta con un’altra, viene espresso in coppie di monete. Se si desidera sapere quanti Franchi (Svizzeri) sono necessari per comprare un Dollaro (USA) si dovrà conseguentemente guardare il rapporto di cambio USD/CHF.

La prima valuta della coppia è detta “valuta di base”, mentre la seconda è definita “valuta di conto” o “valuta quotata”. Il Rapporto di cambio rappresenta il numero di unità della valuta quotata necessarie ad acquistare una unità della valuta di base.


Valore delle valute.

Per fare un esempio, quando eravamo ragazzi scambiavamo le figurine del calcio con i nostri amici. Si prende una figurina di David Beckham e la si scambia con una di Ronaldinho. Se però, subito dopo averla scambiata, Ronaldinho mette a segno il gol che porta il Barcellona Calcio (BarCa) a vincere la Coppa dei Campioni, si potrà scambiare quella figurina di Ronaldinho con due di David Beckham.

Il trading sul Forex è molto simile allo scambio delle figurine del calcio, salvo che in questo caso si guadagna denaro. Possiamo prendere l’esempio delle figurine e sostituirle con le valute ed aumentare la quantità.

Al posto di una figurina di David Beckham abbiamo 1.000 Dollari (USD) e vogliamo comprare Euro (EUR), invece che la figurina di Ronaldinho, perché riteniamo che il valore dell’Euro aumenterà in rapporto al Dollaro, esattamente allo stesso modo delle figurine di Beckam e di Ronaldinho. Quindi, se il Rapporto di cambio EUR/USD è di 0,80 (cioè con 80 centesimi di Dollaro si compra un Euro) con i 1.000 Dollari iniziali si potranno comprare 1.250 Euro.

Se teniamo i 1.250 Euro per una settimana, ed in questo periodo il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti annuncia che il paese cadrà in recessione e che il Dollaro si svaluterà, il Rapporto di cambio EUR/USD si apprezzerà, in conseguenza, da 0,80 a 2,00. Con questo nuovo Rapporto di cambio, quei 1.250 Euro acquistati in precedenza potranno comprare 2.500 Dollari, con un guadagno di 1.500 Dollari, ossia il 150% in una sola settimana.

Questo esempio può risultare un po’ estremo, ma non si può mai sapere quali saranno le fluttuazioni delle valute. Comunque state cominciando ad imparare come si può guadagnare sul Forex.

Il lato Corto e il Lungo

Esistono varie e diverse possibilità di guadagnare con il Forex. Si può decidere di comprare o di vendere la valuta che si detiene al momento. Nell’esempio precedente abbiamo deciso di comprare Euro con i Dollari che avevamo. Nel mercato Forex si dice che siamo lunghi sul cambio EUR/USD.

Supponiamo però di cominciare con Euro invece che con Dollari, e di decidere di vendere gli Euro in cambio di Dollari per prevenire la svalutazione dell’Euro. La strategia ci permetterà di comprare maggiori quantità di Euro nel momento in cui il prezzo scende. Un’operazione di questo tipo è detta stare corti sul cambio EUR/USD.

Stare corti o lunghi sul Forex è la terminologia che si utilizza nel mondo della finanza per dire che vendiamo o compriamo una specifica valuta al fine di fare mosse strategiche per ottenerne un guadagno. E’ semplice, ma bisogna ricordare che stare lunghi equivale a comprare e stare corti a vendere la coppia scelta.

Tutto dietro il PIP!

Quando avete iniziato a leggere vi abbiamo detto che l’obiettivo di base era guadagnare pips. Dunque, che cosa è un pip? Nel caso ve lo steste chiedendo non è un personaggio dei fumetti di Marvel, e neppure un personaggio del romanzo Moby Dick.

In parole povere, un Pip è la frazione minima del prezzo in cui una valuta viene espressa. Per esempio, se la quotazione EUR/USD è 1,2801, un pip è 0,0001. La maggior parte delle coppie di valute quotano con quattro punti percentuali, per cui la minima variazione possibile del Rapporto di cambio di una valuta è l’uno per cento (1/100) di un centesimo.

I guadagni e le perdite si calcolano in termini di quanti pips si sono guadagnati o perduti, Bisogna semplicemente confrontare il prezzo iniziale e quello finale dell’operazione. La differenza fra questi due prezzi è data dalla quantità di pips guadagnati o perduti.

Per esempio, se il Rapporto di cambio EUR/USD era inizialmente di 1,2823 ed è poi salito fino a 1,2841, la posizione si è spostata di 18 pips. Avremo guadagnato o perduto a seconda del tipo di valuta che inizialmente si deteneva, Dollari o Euro.

Spanish to English: How can one gain money with Forex?
General field: Bus/Financial
Detailed field: Finance (general)
Source text - Spanish
Como puede ganar dinero operando en Forex?
La meta principal de un Trader de Forex es ganar la mayor cantidad de pips posible. Mientras más pips gane la moneda que haya elegido, mayor será su recompensa. Por lo tanto, lo principal es que comprenda qué es un pip y por qué acumular muchos de ellos lo ayudará a ganar dinero en Forex?
El objetivo básico de comerciar en Forex es intercambiar una moneda por otra, y luego esperar tener suerte que la moneda que Usted haya comprado aumente su valor en comparación con el valor de la que haya vendido. Una vez que esto haya sucedido Usted venderá la moneda que compró con el fin de recibir una cantidad mayor de la moneda que originalmente tenía.
Es como dice el cliché favorito de todos los inversionistas, “comprar barato y vender caro”. Por suerte, hay muchas formas de hacer esto con Forex. Para que lo entienda mejor, ejemplificamos las características básicas para que entienda como ganar dinero en Forex.
Elija un Par
Antes de introducirse en las maneras de ganar dinero de un inversor Forex, es importante que comprenda como funciona la cotización por pares. Seguramente usted conozca o haya escuchado hablar sobre el Tipo de Cambio alguna vez ,al momento de viajar al exterior o en los periódicos quizás.
Qué es el Tipo de Cambio? Es simplemente el valor de la moneda de un país en términos de otra moneda. Puede ser la cantidad de Euros que un Dólar puede comprar, o el monto de Dólares que un Euro puede comprar.
Como el Tipo de Cambio opone una moneda en contra de otra, éste cotiza en pares de monedas. Si desea conocer cuántos Francos necesita para comprar un Dólar, entonces tendrá que mirar el tipo de cambio USD/CHF.
La primer moneda del par es llamada moneda base y la segunda es conocida como moneda de cuenta o de cotización. El tipo de cambio le dirá cuantas unidades de la moneda de cuenta son necesarias para comprar una unidad de la moneda base. .(esto lo tacho por que la moneda base se puede comprar o vender)
Valor de las monedas
Por ejemplo cuando somos chicos intercambiábamos cartillasas de futbol con nuestros amigos. Si Usted tuviera una cartilla de David Beckham y la cambia por una cartilla de Ronaldinho. Pero luego de que la cambio Ronaldinho anota mete el gol que lleva al Barҫa a ganar la copa de campeones, entonces Usted podrá cambiar la carta que posee de Ronaldinho por dos de David Beckham. Y de esa manera, por el mayor valor de la tarjeta de Ronaldinho Usted ah obtenido mayor cantidad de Beckhams.

El comercio en Forex es bastante similar al intercambio de las cartillas de futbol, excepto por que aquí lo que gana es dinero. Podemos tomar el ejemplo las cartillas y sustituirlas por monedas e incrementando la cantidad.
En vez de tener la carta de David Beckham, usted tiene 1.000 dólares (USD) y desea comprar Euros (EUR) en vez de la carta de Ronaldinho, porque piensa que el valor del euro aumentará en relación al dólar, de la misma manera que con las cartas de Beckham y Ronaldinho. Entonces, si el tipo de cambio EUR/USD es 0,80, (significa que con 80 centavos de Dólar comprará 1 Euro). Por lo tanto comprará 1.250 Euros con los 1.000 USD originales.
Si mantenemos en nuestro poder los 1.250 EUR por 1 semana, y durante ese tiempo el ministro de finanzas de Estados Unidos anuncia que el país caerá en una recesión y el dólar se desplomará, por lo que el tipo de cambio EUR/USD aumentó de 0,80 a 2,00. Con este nuevo tipo de cambio usted podrá comprar 2.500 USD con los 1.250 EUR que había comprado anteriormente, obteniendo una ganancia de 1.500 USD, o sea 150% en solo una semana.
Este ejemplo puede resultar un poco extremo, pero nunca se sabe cuales pueden ser las fluctuaciones de las monedas. De todos modos, Usted está comenzando a aprender sobre cómo puede ganar dinero en Forex.
El lado Corto y el Largo
Existen distintas y variadas posibilidades de ganar dinero en Forex, Usted puede decidir comprar o vender la moneda que tiene en este momento en su poder. En el ejemplo anterior decidimos comprar EUR con los USD que teníamos en nuestro poder. En el mercado Forex se dice que estamos largos en EUR/USD.
Suponga que usted comience teniendo EUR en vez de USD, y decide vender sus EUR por USD para anticiparse a la devaluación del EUR. Su estrategia le permitirá comprar mayor cantidad de EUR una vez que su precio haya caído. Ejecutando su operación de esta manera es llamada estar corto en EUR/USD.
Estar corto o largo en Forex es la terminología que utilizamos en finanzas para decir que vendimos o compramos una moneda particular con el fin de hacer movidas estratégicas para obtener una ganancia. Es simple, solo tiene que recordar que estar largo equivale a comprar y estar corto corresponde a vender el par elegido.
Todos detrás del Pip!
Cuando comenzó a leer, le dijimos que el objetivo básico era ganar pips. Entonces, que es un pip? No es un personaje de los Comics de Marvel ni un personaje de la novela Moby-Dick, por si usted se lo estaba preguntando.
En pocas palabras, un Pip es la mínima fracción en la que se expresa el precio de una moneda. Por ejemplo, si para el par EUR/USD la cotización es 1,2801, un pip entonces es 0,0001. La mayoría de los pares de monedas cotizan con cuatro puntos fraccionales, por lo tanto el menor cambio posible del tipo de cambio de una moneda es el uno por ciento (1/100) de un centavo.
Sus ganancias y perdidas pueden ser calculadas en términos de cuantos pips haya ganado o perdido. Sencillamente tiene que comparar el precio inicial y el precio al final de la operación. La diferencia entre estos dos precios es la cantidad de cuantos pips ha ganado o perdido.
Por ejemplo, si el tipo de cambio de EUR/USD al inicio era de 1,2823 y luego subió hasta 1,2841, entonces se ha movido 18 pips. Usted habrá ganado o perdido dependiendo de si usted poseía Dólares o Euros al inicio.


Translation - English
How can one gain money with Forex?

The basic aim of a Forex Trader is to gain the most quantity of “pips” (points in percentage). The most pips the chosen currency gains, the most the reward. Therefore, it is definitely important to understand what a pip is, and why accumulating many of them will help to gain money when operating with Forex.

The basic target of Forex trading is to trade a currency against another, and wait for the acquired currency to quickly increase its value against the sold one. When this happens, you will sell the acquired currency in order to get more currency than the initial amount.

According to the favoured saying of all investors, you must “buy low and sell high”. Luckily, there are many ways with Forex of doing so. In order to ease the comprehension, we will exemplify the basic features required to understand how to gain with Forex.

Choosing a pair (of currencies).

Before approaching the Forex Trader’s ways of earning money, it is very important to understand how the pairs quotation works. You surely know, or heard when travelling abroad o reading newspapers, about the Exchange Rate.

What the Exchange Rate is? Put the simple way, it is the value of a country’s currency against another one. It can be the quantity of Euros you can buy with one Dollar, or the total amount of Dollars you can buy with one Euro.

Due to the fact that the Exchange Rate compares a value against another, it is quoted in pairs of currencies. If you want to know how many Swiss Francs are needed for buying one US Dollar you will have to llo at the exchange rate USD/CHF.

The first currency is called “base (or transaction) currency”, while the second is called “quote (or payment) currency. The echange rate is the number of units of the quote value needed in order to buy one unit of the base currency.

Currency values.

Let’s give an example: when you were kids you used to trade foot-ball players cards with your pals. You own one (of) David Beckam and trade it with Ronaldinho. If shorthly after this trade Ronaldinho scores the winning goal that will allow Barcelona F.C. to win the UEFA Cup you will probably be able to trade that Ronaldinho card with two Beckam cards.

Forex Trading is much like trading foot-ball cards, except that in this case you earn money. We can replace the cards of the previous example with currencies and increase the quantities.


In place of one Becakm card we have 1,000 dollars (USD) and we want to buy Euros (EUR), instead of a Ronaldinho card, because we expect that the value of the euro will rise against the dollar, exactly as Beckam and Ronaldinho cards did. If the EUR/USD exchange rate is 0.80 (that is, 0.80 $ buy 1.00 €), 1,000 USD will buy you 1,250 Euros.

If we own 1,250 Euros for one week, and within this timeframe the US Tresaure Secretary announces that his country will fall in recession and the dollar will be devalued, this will rise the EUR/USD exchange rate from 0.80 to 2.00. This new exchange rate will allow us to spend our previous 1,250 euros for buying 2,500 USD, so gaining 1,500 USD, i.e. 150%, in only one week.

Surely this is an extreme example but you never know what fluctuations currencies will have. Anyway you are beginning to learn how you can gain with Forex.

The Short and the Long side.

There are several and different chances of earning money with Forex. You can choose to buy or sell the currency you own at the moment. In the previous sample we decided to buy EUR with the USD we owned. In the Forex Trading this is called “to stay long” on EUR/USD positions.

Now imagine to start with EUR in place of USD and, in order to prevent/anticipate a devaluation of EUR, you decide to sell EUR against USD. This strategy will allow you to buy more EUR when its price turns down. This kind of operation is called “to stay short” on EUR/USD.

Staying long or short on Forex is the terminology used in the finance world meaning that you are selling or buying a specific currency in order to make strategic moves aimed to earn money. It is simple, but you must keep in mind that staying long means to buy and staying short means to sell the chosen pair.

Everything behind the PIP!

When you started reading we told you that the base target is to gain pips. So, what is a pip? In case you are wondering what a pip is, it’s not a feature of Marvel Comics, nor a feature from “Moby Dick”.

In a few words, a Pip is the minimum fraction of price of a currency. As an example, if the value of EUR/USD is 1.2801, a pip is 0.0001. The most part of the pairs is priced with four percentage digits, hence the minimum possible variation of its exchange rate is one percent (1/100) of one cent.

Earnings and losses are calculated in terms of how many pips are gained or lost. You simply must compare the initial price of the operation the final price. The gap between these two prices is given by the quantity of earned or lost pips.

As an example, if the initial EUR/USD exchange rate was 1.2823, and the rose upto 1.2841, the position moved up 18 pips. We will earn or lose money depending on the currency initially owned, Dollars or Euros.

Glossaries Company, Engineering, Medical, Sailing
Translation education Other - Liceo Classico
Experience Years of experience: 41. Registered at ProZ.com: Sep 2008. Became a member: Sep 2008.
ProZ.com Certified PRO certificate(s) N/A
Credentials English to Italian (Effedieffe.com)
Memberships N/A
Software Across, Adobe Acrobat, Frontpage, IBM CAT tool, Microsoft Excel, Microsoft Word, Adobe InDesign, IBM Translation Manager, Powerpoint, SDL TRADOS, SDLX
Training sessions attended Trainings
Professional practices AeC2009 endorses ProZ.com's Professional Guidelines (v1.0).
Bio
Actually, better say "About us": we are a team, the two of us, both in life and work since 32 years.

Cinthia, Foreign Languages High School Diploma (English, French and Arabic, this last long since forgotten); now studying Spanish. One year living in the U.S. and four years in Spain, plus several trips around Europe.
(She's an accurate and careful researcher, and a very hard worker. In our actual job she mainly looks after editing, reviewing and proofing, both from English into Italian and vice-versa. Very often she shares the total workload).

Arrigo, Classical High School Diploma. I studied French as a kid, then English plus, of course, Latin and Greek. I also now studying Spanish. Several long stays abroad in USA, UK and other European Countries. Moreover, one year on an English course provided by the Company then hiring me.
(I used do the most part of the translation job and join her in the proofing; now, we both translate and exchange roles on each other's translations).

Current work:

Freelance translators EN->IT->EN (don't be misled, it's now since 32 years that we earn our living thanks also to our knowledge of English).

Previous works:
Self-employed, running our own firm for HW, SW and IT Services to end users in Rome area.

Administration and Contracts, Marketing and Sales, Information systems and Training, with Digital Equipment Corporation USA (IT, HW, SW and networks, at that time the world’s #2 after IBM).

Arrigo only
Chief Buyer with a French-owned Italian mechanical company in the field of machining centres and electro-mechanical plants.

Assistant to the Purchasing Manager of a USA-owned Italian electronic company (music instruments.

Tech/commercial representative for Renault Italia.

Our translations:

Some of our first translations were about "terminal ballistics" and even something less "nice" than that. Then we started with the translation of "War is a racket", posted also in our ProZ profile.

From a professional point of view, the last 8 years have been “very good years”; here follows a partial list of customers and matters:

Automotive: over 2.000,000 words for Aston Martin (still the sole Italian translators since 8 years), Bentley, Rolls-Royce, Chrysler, Honda, GM, Mazda Lexus, Toyota, FIAT, IVECO, Maserati, Piaggio. Technical, operation and maintenance manuals for cars, trucks, armoured vehicles. Marketing documents, commercial ads, e-Learning and training courses, seminars, adverts.
Aviation: 50,000 words of aircraft de-icing/anti-icing procedures manual and dangerous goods load and control manual.
Boatbuilding: 75,000 words, two owner's manuals for two large Italian power yachts.20,000 words of new Italian documentation for Honda Marine outboards and inflatables and several other jobs related to naval engines.Several marketing communications about marine engines by Volvo Penta.
Chemical: about 200,000 words of MSDS for Rentokil-Initial and others in the same business.
Computers,HW&SW, IT: over 1.500,000 words of manuals and training courses, plus software localization. Several manuals for computer based applications and programs for mechanical plants and equipment.
Electronics: over 2,000,000 words of documentation, manuals and website of electronic DJ equipment, stage lighting and relevant accessories for Chauvet, American Audio, American DJ and Elation.In addition, manuals for Garmin navigation systems, Car Audio and Entertainment systems and several other devices for Motorola
Finance: several documents about stocks trading and Forex (direct expertise in field).
Legal: about 500,000 words of T&C's, for several international customers.Various kinds of partnership agreements for Symantec Antivirus.
Leisure: 120,000 words of leisure equipment manuals. A Pilates gym course on video.
Mechanical industry: about 1,000,000 words of manuals for several customers and different kinds of machinery, from Lucchini sawing mills to boring, turning, facing, drilling, tapping machinery and related activities, to Hyundai Kia Machine machining centres.About 1,500,000 words of manuals for GE/Nuovo Pignone power generation turbines and relevant software.The operation manual for a drug tableting machine; two manuals for food processing machines and gen-sets; several manuals for Lodestar electric hoists; several tens anti-fire certifications for Exova Warringtonfire.Twenty maintenance manuals (240,000 words) for Dematic conveyors (a project for Amazon).440,000 words Website for a large UK distributor/manufacturer of mechanical products of any kind (http://www.wdscomponents.it).Technical/commercial documentation for Tsurumi Pumps of Japan. About 100,000 words of manuals for AVIRE elevators.
Military: 50,000 words of manuals and procedures for electronic war-game devices.25,000 words for the maintenance and user's manual of a 4WD armoured vehicle.15,000 words of tech/operation manual for an ASM bazooka
Naval: 80,000 words of maintenance and operation manual for a LRR attack/defence radar.
Networking: 500,000 words of technical documentation for jacks, connectors, patch cables and related equipment for Excel Networking and Motorola.
SAP: about 50,000 words for a SAP eLearning course.
Thermo-mechanical: over 1,000,000 words for ABB/GE power generation plants and others in the field.
Water treatment: e-Learning courses for Cullinan.
Tourism: several articles for landscaping projects in Spain, both EN->IT and SP->IT.
Miscellanea: over 250 articles for on-line magazines, about, geo-politics, history, literature, finance etc.

Perhaps our funniest experience was subtitling a well-known mobsters movie from Neapolitan to English (sic!).

In addition, we have been selected and certified as EN->IT->EN translators by a major Italian outsourcer, currently hiring us very often.

Our tools: complete and redundant HW, plenty of SW, Windows7 + Office 2003/2007/2010. We definitely improved our skills with SDLX, Trados 2007, Studio 2011/14 and Across 6.3.

We can afford to be very fast, yet maintaining a high quality level and, last but not least, we are not scared by working overtime when schedules are to be met

We never leave a customer stranded, Saturdays and Sundays don't exist for us if a customer is in need: we were grown at a "Think Customer" school…, and it has always paid.
This user has earned KudoZ points by helping other translators with PRO-level terms. Click point total(s) to see term translations provided.

Total pts earned: 1833
PRO-level pts: 1753


Top languages (PRO)
English to Italian1195
Italian to English520
Spanish to English23
English to Spanish11
Spanish to Italian4
Top general fields (PRO)
Tech/Engineering775
Other379
Bus/Financial214
Law/Patents155
Medical91
Pts in 4 more flds >
Top specific fields (PRO)
Mechanics / Mech Engineering222
Finance (general)123
Other83
Automotive / Cars & Trucks79
Law: Contract(s)75
Electronics / Elect Eng74
Ships, Sailing, Maritime74
Pts in 70 more flds >

See all points earned >
Keywords: technical mechanical automotive aviation translators, historic books, literature, politics and military works, computer science translator, story teller, narrator, fast service, committed to dates, perfect italian, excellent english, very good spanish


Profile last updated
May 1, 2019



More translators and interpreters: English to Italian - Italian to English   More language pairs