Member since Jun '10

Working languages:
English to Italian
Italian to English

Claudia Cherici
25+ years experience in tech translation

Italy
Local time: 13:45 CET (GMT+1)

Native in: Italian Native in Italian
  • Send message through ProZ.com
Feedback from
clients and colleagues

on Willingness to Work Again info
16 positive reviews

 Your feedback
This person is a ProZ.com trainer
This person has won one or more ProZ.com translation contests
What Claudia Cherici is working on
info
Aug 9, 2016 (posted via ProZ.com):  I am translating a company profile and will translate a biology feature on dinosaurs later today ...more »
Total word count: 0

User message
Technical translation, my lifelong passion...feel free to contact me with any queries
Account type Freelancer and outsourcer, Identity Verified Verified member
Data security Created by Evelio Clavel-Rosales This person has a SecurePRO™ card. Because this person is not a ProZ.com Plus subscriber, to view his or her SecurePRO™ card you must be a ProZ.com Business member or Plus subscriber.
Affiliations This person is not affiliated with any business or Blue Board record at ProZ.com.
Services Translation, Editing/proofreading
Expertise
Specializes in:
Engineering: IndustrialLaw: Contract(s)
Medical: Health CareHuman Resources
Cooking / CulinaryEnvironment & Ecology
Construction / Civil EngineeringAutomotive / Cars & Trucks
Business/Commerce (general)

KudoZ activity (PRO) PRO-level points: 2287, Questions answered: 1069, Questions asked: 32
Portfolio Sample translations submitted: 4
English to Italian: DUCATI STREETFIGHTER MODEL YEAR 2010
General field: Tech/Engineering
Detailed field: Mechanics / Mech Engineering
Source text - English
DUCATISTREETFIGHTER

Soul of a Superbike – Attitude of a fighter
The Ducati Streetfighter scored a round one knock-out when it entered the ring for the first time at the EICMA Show in Milan back in November 2008. Its brutal elegance stole the ‘Most Beautiful Bike’ award and raised the bar for extreme nakeds. Now, production of the Streefighter and Streetfighter S starts and Ducati dealerships all over the world crave their imminent early model year 2010 arrivals from Bologna, Italy.

The Streetfighter’s Superbike soul combines fighter attitude and naked sophistication to create pure adrenaline. Stripped to the bare essentials, its combination of state-of-the-art race technology, exposed styling and cultured design takes Ducati’s big naked concept to the very top of the fighter food chain.

With 155hp of awesome Ducati L-Twin muscle harnessed in a stripped-down, super-light bike that packs more punch for its weight than any other contender,
this fighter is definitely gloves-off and ready for action.






Streetfighter made good
The Streetfighter culture was born on the backstreets of Northern Europe during the late 70s and 80s. If the Café racer movement had taken traditional bikes and transformed them to establish out-and-out sport bikes, then Streetfighters were definitely anti-establishment. They evolved by removing the fairings from sport bikes, fitting higher bars and customising to create high-performance, over-the-top nakeds. Now, Ducati have taken that concept and applied their own Italian sophistication to a stunning, factory-prepared Streetfighter.

The Ducati Streetfighter is equipped with everything that made the Superbike a legend: Awesome L-Twin muscle with brutal, big-bore torque, thoroughbred chassis technology, beautiful single-sided swingarm, planet-stopping Monobloc brakes and pure, sophisticated class.

While the tank and seat shapes leave no doubt as to the Streetfighter’s roots, it is the upright and commanding riding position that really starts to shape the character of this ultimate naked. New, minimalistic controls, instrumentation and headlight design leave the front looking clean and mean, while twin-stacked right-side mufflers at the rear leave the tail-end high and sharp. No other Ducati has ever achieved such an aggressive stance while providing a comfortable, empowering, controllable and enjoyable ride.

Ducati’s ‘S’ treatment of the Streetfighter takes its sophistication way off the scale. Superbike spec Öhlins suspension front and rear with lightweight forged Marchesini wheels add extra street credibility when in town and that all-important ‘feel’ when exploring the Streetfighter’s sports soul.

Add the awesome street-going Ducati Traction Control and Ducati Data Analysis as standard equipment and it’s clear that the Streetfighter S is not just muscle – it’s intelligent too.




Lifestyle
Ducati’s Streetfighter project was inevitable. The passion to build the most successful Superbikes ever, mixed with the desire to create iconic, naked motorcycles was a cocktail of adrenaline just waiting to happen. Who else would create a bike for out-and-out purists to celebrate naked power in all its forms? A bike with muscle-engine performance, aggressive chassis engineering and intelligent electronics all laid bare to appreciate, respect and enjoy? Ducati build bikes for connoisseurs – for bikers who appreciate the details that come together to make an awesome bike, for perfectionists who instantly recognise excellence when they see it.

Ducati motorcycles aren’t just a means of transport, they’re a lifestyle that set their rider apart from the rest of the world. They’re an extension of character and the ultimate personal statement. The Streetfighter is built with pure Ducati passion and it’s ready to impress, whatever the lifestyle. If you’re riding downtown, the Streetfighter is sure to make the coolest arrival. If you’re out of town carving a line through the curves there’ll be nothing more exciting than the Streetfighter – except maybe the crowd that gathers when you pull into the next diner.

Ducati have captured the essence of all motorcycle lifestyles with the Streetfighter and it now takes ownership of the naked category. It’ll be a tough act to follow so get ready for Desmo domination.





Take control
The Streetfighter riding position is empowering. The lightweight aluminium, tapered bars are higher than the Superbike, but still flat enough to ride hard, so machine control is enhanced and the relationship with the front-end in tact. Considerable study on seat, footpeg and handlebar position has maximised comfort without losing the feeling that you’re aboard an extreme naked Ducati.

Showing attention to detail typical of all new Ducatis, the handlebars are gripped by beautifully shaped clamps that flow sleekly into the bar-risers. Even the switchgear has been revised to represent minimalism at its best. The slim-line bodies house easy-to-use switches and buttons with new features like the unique weapons-like ‘trigger catch’ that slides down to cover the starter button when activating the kill-switch. Semi-rigid brake and clutch reservoirs are small, low and compact and feed slim, radial master-cylinders by Brembo to complete the clean and uncluttered controls arrangement.

The Streetfighter’s instrumentation continues that same clean look with a new compact shape that blends into the aggressive line of the headlight. Information additional to the default read-outs is managed from the left-hand handlebar-mounted switch gear, allowing the rider to scroll through and select from various menus. The display presents rpm and speed, with the former displayed across the screen in a progressive bar graph. Additionally, the instruments display lap times, DTC status and level selected (if activated on Streetfighter S) time, air temperature, coolant temperature, battery voltage, two trips and a trip that automatically starts as the fuel system goes onto reserve. Warning lights illuminate to signify neutral, turn signals, high beam, rev-limit, low oil pressure, fuel reserve, DTC intervention (if activated on Streetfighter S) and scheduled maintenance. The instrument display is also used as the control panels for the DDA and DTC systems as well as listing lap times recorded by using the high-beam flash button as a stopwatch.




A chassis born to fight
With the highest power-to-weight ratio in its class, the Streetfighter had to have rock-solid handling and a well-planted front-end to match. A purpose-built Trellis frame takes care of business at the front-end by using 25.6° of rake compared to the Superbike’s 24.5°, and a 35mm longer single-sided swingarm at the rear ensures the Streetfighter’s acceleration need never be compromised. The longer, beautifully created aluminium swingarm follows the same dual construction detail as the Superbike models and is anodised finished in black.

The lower triple-clamp also gets more muscle treatment. Formed in a strength-giving gull-wing shape for even more rigidity, it maintains a vice-like grip on the fork legs, giving a precise and solid feeling through the bars on fast direction changes.

The revised rake, longer wheelbase and cross-mounted steering damper ensure stability even under the extreme acceleration of Ducati’s incredible L-Twin torque.





Suspension
The Streetfighter is armed with fully adjustable 43mm Showa forks up front and a fully adjustable Showa monoshock at the rear, giving the bike high performance agility and the rider absolute ‘feel’ and confidence from sure-footed handling.

The forks feature a natural chrome slider finish and radial mounts for the brake calipers and are fully adjustable in spring preload as well as compression and rebound damping. On the rear, the single Showa unit operates through a progressive linkage and is also fully adjustable in spring preload and damping, both in compression and rebound.

The Streetfighter S pushes the spec way up with 43mm Superbike-spec Öhlins forks that have sliders treated in low-friction TiN. Fully adjustable in spring preload and precisely adjustable in compression and rebound damping, they ensure ‘S’ feeling and finesse when the fight gets rough.

Taking care of the rear of the ‘S’ is a single high-spec Öhlins unit fully adjustable in spring preload with full adjustment and highly engineered control of compression and rebound damping. The unit is also fitted with a ride enhancing top-out spring which helps maintain rear tyre contact under extreme conditions.

Important attention to performance detail is inherited from its Superbike bloodline with both the Streetfighter and Streetfighter S having rear ride-height adjusters that allow fine correction after setting personalised spring preload.





Wheels
New style 10-spoke wheels in lightweight aluminium keep the overall motorcycle weight down and maintain an all-important control on unsprung weight. This weight is made up of all the components between the suspension and the road and consists of wheels, tyres, brake discs and calipers etc, but when rotating at high speed, it is the wheels that store most of the kinetic energy and offer the most resistance when steering, accelerating or braking. Their weight saving, therefore, is a serious contribution to both the handling and the performance of the bike and the Streefighter pulls out all the stops to be the best.

The Streetfighter S reduces weight even further by using Y-shaped, 5-spoke wheels by Marchesini, forged and then machined in lightweight aluminium.
The Streetfighter wheels are finished in graphite grey and the ‘S’ in bronze with both models rolling out on Pirelli Diablo Corse III tyres.

Brakes
Both the Streetfighter and Streetfighter S use Brembo’s powerful Monobloc caliper race technology. Machined from a single piece of alloy, the calipers achieve higher rigidity and resistance to distortion during extreme braking. The result not only delivers planet-stopping brake power, but also gives an enhanced and precise ‘feel’ at the brake lever. The twin Monobloc calipers each have quadruple 34mm pistons that grip huge 330mm discs to achieve their spectacular performance. The weight of the discs has been kept to a minimum by using racing-style narrow braking surfaces.






Power house
The world-beating 1098 Testastretta Evoluzione needs little introduction. Debuting in 2007, it went on to form the basis of a motor that powered Ducati to Superstock and Superbike World titles that left the competition stunned. Now, its massive bore, short stroke and incredible torque powers Ducati’s most extreme naked and the results are equally as stunning.

Producing a ballistic 85lb-ft (11.7kgm) of torque and 155hp (114kW), the Streetfighter’s awesome 1098 power house fears nothing of the naked sports competition. The L-Twin, 4 valves per cylinder, Desmo, Testastretta Evoluzione engine gives both the best power-to-weight and the best torque-to-weight ratios in its class.

New features include enhanced detailing on the cam belt covers and the magnesium dry clutch cover as well as a new black finish for the main outer casings and carbon-grey finish for the crankcases, which employ the same weight-saving technology used for the 1198.

The vacuum die-cast process used to make the crankcases ensures consistent and precise wall thickness and increased strength from absolute material purity while reducing weight an incredible 3kg (6.5lb) compared to those of the 1098 Superbike engine.

Using the Testastretta narrow valve angle, super-straight intake ducts and specially shaped combustion chambers, the 1099cc motor continues to breathe through MotoGP-derived elliptical throttle bodies and large diameter valves to achieve its incredible spread of torque.

A high performance six-speed box and racing-style dry clutch makes sure the transmission package delivers 155hp as efficiently as possible.

The Streetfighter’s power house is protected by twin coolant radiators, carefully curved in pure naked style for optimum performance and stunning with visual effect. The upper radiator is assisted by lightweight, high flow electric fan assemblies while the lower sits in the front of the belly pan, which also houses a highly efficient oil heat exchanger.
Translation - Italian

DUCATISTREETFIGHTER

Spirito da Superbike – Carattere da fighter
Lo Streetfighter Ducati ha steso tutti al tappeto al primo round, alla sua prima apparizione sul ring all’EICMA di Milano, in novembre 2008. La sua eleganza brutale ha strappato il premio di ‘Moto Più Bella’ del salone, elevando lo standard per le naked estreme. La produzione dei modelli Streefighter e Streetfighter S comincia ora, e le concessionarie Ducati di tutto il mondo attendono con trepidazione le prime consegne del Model Year 2010 in arrivo da Bologna.

L’anima Superbike del modello Streetfighter combina perfettamente l’aggressività delle ‘fighter’ e la raffinatezza di una naked per creare un moto che è pura adrenalina. Spogliata fino all’essenziale, la sua combinazione di tecnologia racing avanzata, styling a vista e design raffinato proietta questa perfetta esecuzione del concetto naked secondo Ducati al vertice della categoria fighter.

Grazie ai 155CV di incredibile potenza sprigionata dal muscoloso Bicilindrico a L Ducati, montato su una moto essenziale e superleggera, questa fighter, che più di qualsiasi rivale è un peso piuma dal pugno potente, è pronta a battersi a mani nude.






Il concetto Streetfighter portato alla perfezione
La cultura Streetfighter nasce nelle periferie urbane del Nord Europa tra la fine degli anni ‘70 e gli anni ‘80. Se il movimento Café Racer, partendo da moto tradizionali, le trasformava in supersportive, le Streetfighter erano dichiaratamente in controtendenza. La loro evoluzione è passata dall’eliminare le carene da moto sportive, per poi equipaggiarle con manubri più alti, customizzarle e creare naked ‘esagerate’ dalle prestazioni elevate. Ducati oggi ha ripreso questo concetto, completandolo con uno stile tutto italiano per preparare direttamente in fabbrica il suo Streetfighter senza rivali.

Lo Streetfighter Ducati è dotato di tutto quanto ha reso la Superbike una leggenda: l’incredibile potenza del Bicilindrico a L ad alesaggio maggiorato, con la sua impressionante erogazione di coppia, la tecnologia più innovativa applicata alla ciclistica da fuoriclasse, il bellissimo forcellone monobraccio e le pinze Monoblocco dall’eccezionale potenza frenante. Oltre naturalmente a tanta, purissima classe.

Se le linee di sella e serbatoio non lasciano dubbi sulle origini dello Streetfighter Ducati, è la posizione di guida, seduta e dominante, a definire per prima il carattere di questa naked per eccellenza. Grazie ai comandi innovativi e minimalisti e al design della strumentazione e del gruppo ottico, l’anteriore è lineare e aggressivo al tempo stesso, mentre il doppio scarico sovrapposto a destra rende la linea del retrotreno alta e affilata. Nessun’altra Ducati prima d’ora ha potuto vantare un assetto tanto aggressivo offrendo nel contempo una guida confortevole, sicura, controllabile e divertente.

La versione S dello Streetfighter garantisce livelli di componentistica oltre ogni aspettativa. Le sospensioni Öhlins anteriori e posteriori settate con specifiche Superbike e i leggerissimi cerchi forgiati Marchesini incrementano ulteriormente la sensazione di controllo in città e il feeling con il veicolo, importantissimo quando si decide di esplorare il lato sportivo del carattere Streetfighter.

Se a tutto questo si aggiungono il Ducati Traction Control e il Ducati Data Analyser per uso stradale di serie, risulta evidente che lo Streetfighter S non è solo muscoli, ma anche cervello.




Lifestyle
Per Ducati è stato quasi inevitabile approdare al progetto Streetfighter. Dalla passione nel realizzare le Superbike più belle e più vincenti di sempre, unita al desiderio di creare moto icone nella categoria naked, è scaturito un cocktail di pura adrenalina. Chi meglio di Ducati avrebbe potuto creare una moto per puristi assoluti, destinata a celebrare la potenza naked in tutte le sue forme? Una moto caratterizzata da un motore tutto muscoli, una ciclistica aggressiva e un’elettronica avanzata, dove ogni singolo particolare è stato lasciato a vista per essere goduto e apprezzato al massimo? Ducati costruisce moto per intenditori, per motociclisti che sanno apprezzare ognuno dei dettagli che insieme, compongono una moto inimitabile, dedicata a perfezionisti in grado di riconoscere l’eccellenza a prima vista.

Le moto Ducati non sono semplici mezzi di trasporto, ma identificano un vero e proprio stile di vita, capace di distinguere chi le guida da chiunque altro. Sono un completamento del carattere, il massimo dell’affermazione personale.
Lo Streetfighter nasce dalla più pura passione Ducati ed è destinato a colpire, in qualunque situazione. Un giro in centro? Lo puoi fare con stile. Hai voglia di divertirti fuori città, ricercando traiettorie precise ad ogni curva? Nulla sarà più esaltante che farlo sullo Streetfighter… a parte forse attirare una folla ammiratori ogni volta che ti fermerai lungo la strada.

Con lo Streetfighter, Ducati ha catturato l’essenza degli stili di vita di tutti i motociclisti, e si è imposta con diritto nella categoria naked. Gli imitatori avranno vita dura: preparati allo strapotere Desmo.





Prendi il comando
La posizione di guida sullo Streetfighter comunica la massima sicurezza. Il manubrio in alluminio leggero a sezione variabile è rialzato rispetto alla Superbike, ma ancora abbastanza orizzontale da consentire al pilota di spingere al massimo, migliorando il controllo del mezzo e lasciando invariato il feeling con l’avantreno. Uno studio approfondito sulla posizione della sella, delle pedane e del manubrio ha portato al massimo comfort senza intaccare la sensazione di stare seduti su una naked estrema creata da Ducati.

Dimostrando una cura per i dettagli tipica di tutti i nuovi modelli Ducati, i blocchetti di fissaggio superiore del manubrio, dal design raffinato, si inseriscono con eleganza nei cavallotti di montaggio inferiori. Anche il blocchetto elettrico è stato rivisto in chiave minimalista, con involucri compatti che contengono pulsanti e comandi facili da usare, e con nuovi elementi esclusivi quali la ‘sicura’ che, come in un’arma, scende a nascondere l’interruttore di avviamento quando si preme il pulsante di spegnimento del motore. I serbatoi semirigidi del freno e della frizione, ribassati e compatti, alimentano le snelle pompe radiali Brembo, completando in maniera pulita e lineare la disposizione dei comandi.

Lo stesso look essenziale viene ripreso dalla strumentazione dello Streetfighter, la cui innovativa forma compatta sfuma con eleganza nella linea aggressiva del gruppo ottico. I dati aggiuntivi rispetto ai valori di default vengono gestiti da un blocchetto elettrico montato a sinistra sul manubrio, che permette al pilota di scorrere vari menu ed effettuare selezioni. Il display mostra i giri/min e la velocità (il primo valore sotto forma di un grafico a barre progressivo). La strumentazione visualizza inoltre tempi sul giro, stato e livello selezionato del DTC (se attivato sullo Streetfighter S), orario, temperatura dell’aria, temperatura dell’acqua, tensione della batteria, due indicazioni di percorrenza e un’altra indicazione di autonomia che si attiva automaticamente all’inizio della riserva. Sono previsti indicatori luminosi di folle, frecce, abbaglianti, limite giri, pressione olio insufficiente, riserva di carburante, intervento DTC (se attivato sullo Streetfighter S) e manutenzione programmata. Il cruscotto funge inoltre da quadro comandi per i sistemi DDA e DTC e mostra i tempi sul giro registrati utilizzando come cronometro il pulsante del ‘lampeggio proiettori’.




Un telaio nato per combattere
Grazie al miglior rapporto potenza/peso della sua categoria, lo Streetfighter è caratterizzato da grande maneggevolezza e da un avantreno incollato a terra. Il Telaio a Traliccio appositamente studiato lavora all’anteriore sfruttando un’inclinazione del cannotto di 25,6° rispetto ai 24,5° della Superbike, mentre al posteriore un forcellone monobraccio allungato di 35mm garantisce sempre un’accelerazione senza compromessi. Per il forcellone allungato in alluminio anodizzato rifinito in nero, splendidamente costruito, è stata utilizzata la stessa doppia tecnica costruttiva applicata ai modelli Superbike.

Tecnica costruttiva più ‘muscolosa’ anche per la base di sterzo a tre viti. Conformata ad ala di gabbiano per incrementare la robustezza e la rigidità, stringe in una morsa i piedini della forcella, trasmettendo grande sicurezza e solidità al manubrio nei cambi di direzione veloci.

Il nuovo angolo di inclinazione del cannotto, l’interasse allungato e l’ammortizzatore di sterzo trasversale offrono stabilità anche alle accelerazioni estreme, garantite dall’incredibile coppia del Bicilindrico a L Ducati.





Sospensioni
Lo Streetfighter è equipaggiato con forcelle Showa da 43mm interamente regolabili all’anteriore e con un monoammortizzatore Showa completamente regolabile al posteriore, che offrono grande agilità alle alte prestazioni per la moto e massimo feeling e sicurezza per il pilota, grazie a maneggevolezza e stabilità straordinarie.

La forcella è dotata di steli con rivestimento cromato naturale e attacchi radiali per le pinze dei freni, con precarico della molla e freno in compressione ed estensione completamente regolabili. Al retrotreno, il monoammortizzatore Showa sfrutta un cinematismo progressivo ed è anch’esso completamente regolabile nel precarico molla e freno in compressione ed estensione.

Ancora più estreme le caratteristiche tecniche dello Streetfighter S, con forcella Öhlins da 43mm settata su specifiche Superbike e dotata di steli con rivestimento TiN ad attrito ridotto. La forcella, con il precarico della molla completamente regolabile e la possibilità di regolazione fine del freno in compressione ed estensione, assicura, quando la lotta si inasprisce, feeling e precisione superiori per il modello ‘S’ .

Al retrotreno della versione ‘S’ è montato un monoammortizzatore Öhlins dalle specifiche elevatissime, con precarico della molla completamente regolabile e possibilità di piena regolazione altamente tecnica del freno in compressione ed estensione. Il mono è inoltre dotato di contromolla che migliora la guida aiutando a mantenere il pneumatico posteriore a contatto con l’asfalto anche in condizioni estreme.

I modelli Streetfighter e Streetfighter S hanno ereditato dalla famiglia Superbike la grande cura per ogni dettaglio in fatto di prestazioni: entrambi sono dotati di regolazione fine dell’altezza del retrotreno a seconda delle impostazioni personalizzate del precarico molla.





Cerchi
I nuovi cerchi a 10 razze in alluminio leggero contribuiscono a ridurre il peso globale del veicolo e a mantenere il controllo delle ‘masse non sospese’. Questo valore corrisponde al peso di tutti i componenti che si trovano tra le sospensioni e il manto stradale, ovvero ruote, pneumatici, dischi e pinze dei freni, ecc. In rotazione e ad alta velocità, però, sono le ruote ad accumulare gran parte dell’energia cinetica e ad offrire la massima resistenza in sterzata, in accelerazione o in frenata. Per questo motivo, la riduzione del loro peso contribuisce in maniera decisiva al miglioramento della maneggevolezza e delle prestazioni della moto. Lo Streefighter mette in campo ogni risorsa per offrire eccellenza.

La riduzione del peso è ancora più marcata sullo Streetfighter S, che monta cerchi Marchesini a 5 razze a Y in alluminio leggero forgiati e lavorati di macchina.
I cerchi sono in grigio grafite sullo Streetfighter e nella colorazione bronzo sul modello ‘S’. Entrambi i modelli montano pneumatici Pirelli Diablo Corse III.

Freni
Entrambi i modelli Streetfighter e Streetfighter S utilizzano la potente tecnologia frenante offerta dalle pinze Monoblocco Brembo. Queste pinze, lavorate da un singolo blocco in lega, garantiscono maggior rigidità e maggior resistenza alla deformazione nelle frenate più estreme. Il risultato è non soltanto una potenza frenante spettacolare, ma anche maggiore precisione e sensibilità alla leva del freno. Le doppie pinze Monoblocco hanno ciascuna 4 pistoncini da 34mm che lavorano su dischi sovradimensionati da 330mm, garantendo un’eccezionale efficienza frenante. Il peso dei dischi è stato contenuto al massimo grazie a superfici frenanti strette di tipo racing.




Potenza stupefacente
Il 1098 Testastretta Evoluzione campione del mondo non ha bisogno di presentazioni. Dopo il suo debutto nel 2007, è stato utilizzato come base per i motori che hanno consentito a Ducati di aggiudicarsi i titoli Mondiali Superstock e Superbike, disarmando la concorrenza. Oggi questo motore, con il suo alesaggio maggiorato, corsa corta e coppia incredibile, ‘spinge’ la naked Ducati più estrema con risultati altrettanto straordinari.

Con 85lb-ft (11.7kgm) di coppia e 155CV (114kW), la stupefacente potenza del 1098 dello Streetfighter non teme rivali tra le sportive naked. Il motore Desmodromico Testastretta Evoluzione Bicilindrico a L a 4 valvole per cilindro offre il miglior rapporto potenza/peso e il miglior rapporto coppia/peso della sua categoria.

Tra le novità, maggior dettaglio per le cartelle copricinghia e il coperchio della frizione a secco in magnesio e nuova colorazione nera per i coperchi esterni e grigia ‘carbon’ per i carter, che applicano la stessa tecnologia di risparmio del peso utilizzata per la 1198.

Il processo di pressofusione sotto vuoto utilizzato per il carter del motore assicura spessori delle pareti di perfetta realizzazione e una maggior resistenza grazie alla purezza assoluta dei materiali, mentre il peso risulta ridotto di ben 3kg rispetto al motore del modello 1098 Superbike.

Il motore da 1099cc, che utilizza l’angolo di inclinazione delle valvole tipico del Testastretta, condotti di aspirazione rettilinei e camere di combustione di speciale conformazione, ‘respira’ grazie a corpi farfallati ellittici derivati dalla MotoGP e valvole di diametro sovradimensionato, fornendo un’erogazione di coppia incredibile.

Il cambio a sei velocità ad alte prestazioni e la frizione a secco di ispirazione racing creano un ‘pacchetto’ trasmissione in grado di erogare 155CV con la massima efficienza.

Il propulsore dello Streetfighter è protetto dai doppi radiatori dell’acqua, incurvati nel più puro stile naked per ottenere massime prestazioni e un incredibile impatto estetico. Il radiatore superiore è assistito da ventole elettriche di peso ridotto e portata elevata, mentre quello inferiore è posizionato di fronte al puntale, che contiene anche uno scambiatore di calore ad alta efficienza.
English to Italian: High-profile Italian restaurant in NY (critic's review)
General field: Other
Detailed field: Cooking / Culinary
Source text - English
But the old authentic matters as well, and thus what the restaurant calls “panzanella” with arugula pesto and marinated anchovies is a disappointment. The quotation marks around the word on the menu evoke images of deconstruction, of a playful interpretation of Italian cooking. But even in the name of whimsy and even with terrific anchovies on top, panzanella is made best with old bread torn into shards. Here, constructed out of small bread dice, it falls apart in the dressing, tastes only of oily sawdust, a bad day at the shop.
Hiramasa cured in citrus on a mat of black squid-ink oil, with chervil and radish salad, was almost punishingly salty. “It’s a Pacific fish,” the waiter had said. “White-fleshed and very delicious.” Hiramasa is also known as yellowtail amberjack, a species that has been overfished by the Japanese for years; it’s now a farmed species, which may help explain the use of a cure to give it flavor. It was not a good dish. Nor was an octopus carpaccio with sun-dried tomatoes and fine herbs that, to the good, looked like a Chuck Close painting. (To the bad, it tasted like one.)
Baccalà was served three ways: as carpaccio, whipped and baked. The carpaccio version, translucent and interesting, almost worked. The whipped one, though, loaded into a tube and pushed onto the plate in the manner of a cannoli filling, did not: too dense, too acidic. The baked — served with olives in a tomato sauce — was merely bland. And halibut confit in olive oil with chickpeas and a clam ragù made a mockery of the confit process; it was just halibut poached in olive oil, chewy and flavorless.
Translation - Italian
Anche la vecchia genuinità, però, ha ancora importanza: ed è per questo che il piatto definito “panzanella” con pesto di rucola e acciughe marinate delude. Il nome, messo tra virgolette, suggerisce l’idea di un piatto decostruito, di un’interpretazione giocosa di un classico della cucina italiana. Ma nonostante le ambizioni fantasiose, e pur con ottime acciughe a rifinirla, a questa panzanella manca il pane raffermo spezzettato. Viene composta con dadini di pane, non tiene il condimento, e ha il sapore della segatura unta d’olio: un esperimento riuscito male.
L’Hiramasa marinato al limone su un letto di nero di seppia con insalata di cerfoglio e ravanelli risultava salato in maniera quasi punitiva. “E’ un pesce del Pacifico,” ha detto il cameriere. “A carne bianca, delizioso.” L’Hiramasa, noto anche come ricciola dalla coda gialla, è stato pescato massicciamente per anni dai giapponesi fino a depauperarne le riserve; ora è un pesce d’allevamento, cosa che può spiegare il ricorso alla marinatura per dargli sapore. Un piatto non riuscito. Lo stesso può dirsi del carpaccio di polpo con pomodori secchi e erbe aromatiche, che a voler esser buoni, sembrava un dipinto di Chuck Close (a voler esser cattivi, ne aveva anche il sapore).
Il baccalà veniva servito in tre diverse preparazioni: in carpaccio, montato alla frusta e al forno. La versione in carpaccio, traslucida e interessante, era quasi convincente. Lo stesso non può dirsi del baccalà montato alla frusta, messo in una bocchetta e impiattato come se fosse ripieno per cannoli: troppo denso, troppo acidulo. La versione al forno, servita con olive in salsa di pomodoro, era semplicemente insulsa. Il confit di halibut in olio d’oliva con ceci e ragù di vongole era una presa in giro del concetto di confit: era soltanto halibut cotto in olio d’oliva, stopposo e senza sapore.
English to Italian: Standard terms
General field: Law/Patents
Detailed field: Law: Contract(s)
Source text - English
Definition Child labor
“Child labor”: any work that:
is mentally, physically, socially or morally dangerous and harmful to children (infants below 15 years), and interferes with their schooling by (i) depriving them of the opportunity to attend school ; (ii) obliging them to leave school prematurely ; or (iii) requiring them to attempt to combine school attendance with excessively long and heavy work, and
is not targeted : activities such as helping their parents around the home, assisting in a family business or earning pocket money outside school hours and during school holidays

Child labor
It is hereby agreed between the parties that X will not engage any child labor (children below the age of 15 years) for whatever purpose, in fulfilling his obligations under this contract.
In case of breach by X, sanctions may be applied by YY including cancellation of this agreement with immediate effect. Under such circumstances, the entire legal liability will be borne by X only and also X will not have any lien over the Crop/Seed/Produce of the said land.
Translation - Italian
Definizione di Lavoro Minorile
Per “Lavoro minorile” si intende qualsiasi attività che:
sia mentalmente, fisicamente, socialmente o moralmente rischiosa e dannosa per i minori (bambini di età inferiore ai 15 anni), e interferisca con la loro scolarizzazione (i) privandoli della possibilità di frequentare la scuola; (ii) obbligandoli ad abbandonare prematuramente la scuola; oppure (iii) costringendoli a tentare di conciliare frequentazione scolastica e un’attività lavorativa pesante e prolungata; non si riferisce invece ad attività quali: l’aiuto dei genitori nei lavori di casa, l’assistenza prestata ad un’attività familiare o piccoli guadagni ottenuti al di fuori dell’orario scolastico o durante le vacanze.

Lavoro minorile
Con la presente le parti concordano che X non si avvarrà in alcun modo di manodopera minorile (bambini di età inferiore ai 15 anni) per qualsiasi scopo ai fini dell’esecuzione dei propri obblighi previsti dal presente contratto.
In caso di violazione della presente norma da parte di X, YY sarà autorizzata ad applicare sanzioni, che potranno comprendere la rescissione del presente contratto con effetto immediato. In tali circostanze, la responsabilità legale apparterrà integralmente a X e inoltre, X non potrà rivendicare alcun privilegio sulle Coltivazioni/Sementi/Prodotti dei terreni in questione.

English to Italian: Service Performance Agreement (Contratto di Prestazione di Servizi)
General field: Law/Patents
Detailed field: Law: Contract(s)
Source text - English
§ 1.
The Ordering Party orders the services preformed
on Ordering’s Party movable property defined in Appendix 1 hereto and the Contractor accepts them.

§ 2.
The Contractor shall provide the services referred to in the preceding section using its employees. The said employees are employed by the Contractor which is the only party to their employment contracts. The Contractor and the Ordering Party unanimously agree that ongoing orders related to the manner and methods of performing specific business duties by Contractor’s employees shall be made by the Contractor by means of a leading figure, referred to as “Former”. The Former will be appointed for this task by the Contractor. The Former will be for the duration of the appointment, the contact person for the Ordering Party in case of all daily matters concerning the servicing.


§ 3.
The Contractor hereby undertakes to perform through the work of its employees and with the application of all due diligence required in the performance of the aforesaid works
Potential assignment of the performance of a specified task in its entirety or part to another entrepreneur shall require a written consent of the Ordering Party or else shall be null and void.
Within the scope of realisation of a contract to perform a specified task, the Contractor shall employee solely its own employees, whom it shall insure in accordance with the applicable provisions of the Polish law in force. As the payer of the tax on salaries, the Contractor alone shall deduct and pay the due sums on account of such tax on salaries of its employees. This agreement shall not constitute a basis for subletting the Contractor’s employees to the Ordering Party or other entities. The parties hereby agree that neither the Contractor nor the Ordering Party shall send employees from the country of temporary employment to any third countries.

Translation - Italian
§ 1.
La parte Mandante ordina l’esecuzione dei servizi effettuabili su beni mobili del Mandante, definiti all’Appendice 1 del presente contratto ed accettati dal Fornitore.

§ 2.
Il Fornitore curerà l’esecuzione dei servizi di cui al precedente punto utilizzando i propri dipendenti. Detto personale è alle dipendenze del Fornitore che ne rappresenta l’esclusivo datore di lavoro. Il Fornitore e il Mandante concordano che le istruzioni operative relative alle modalità e metodiche di esecuzione di compiti specifici da parte dei dipendenti del Fornitore verranno attuate dal Fornitore tramite una figura di riferimento denominata “Caposquadra”. Il Caposquadra verrà selezionato per svolgere le suddette mansioni dal Fornitore. Per tutta la durata del mandato, il Caposquadra sarà il referente della parte Mandante per tutte le questioni quotidiane riguardante la prestazione dei servizi.


§ 3.
Il Fornitore con il presente si impegna ad effettuare le prestazioni utilizzando i propri dipendenti e applicando la debita diligenza richiesta per l’esecuzione dei lavori sopra menzionati.
La cessione dell’esecuzione di un compito specifico, in tutto o in parte, ad altro imprenditore sarà possibile esclusivamente con il consenso scritto della parte Mandante o sarà in caso contrario nulla e priva di validità.
Ai fini dell’esecuzione contrattuale di compiti specifici, il Fornitore potrà utilizzare esclusivamente propri dipendenti, che sarà tenuto ad assicurare conformemente alle disposizioni applicabili del diritto polacco attualmente in vigore. Per quanto attiene al versamento delle imposte sulle retribuzioni, il Fornitore, in qualità di contribuente, dovrà detrarre e versare quanto fiscalmente dovuto in base alle retribuzioni dei propri dipendenti. Il presente contratto non potrà essere interpretato in maniera tale da legittimare il subappalto dei dipendenti del Fornitore alla parte Mandante o ad altri soggetti. Le parti concordano che ne’ il Fornitore ne’ il Mandante trasferiranno dipendenti dal paese di svolgimento dell’impiego temporaneo ad altri paesi terzi.



Translation education Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori Bologna
Experience Years of experience: 32. Registered at ProZ.com: Sep 2008. Became a member: Jun 2010.
ProZ.com Certified PRO certificate(s)
Credentials English to Italian (Scuola Superiore per Mediatori Linguistici “Adriano Macagno” di Cuneo, verified)
Italian to English (Scuola Superiore per Mediatori Linguistici “Adriano Macagno” di Cuneo, verified)
Memberships N/A
Software Adobe Acrobat, Adobe Photoshop, Microsoft Excel, Microsoft Word, Passolo, Powerpoint, SDL TRADOS
Forum posts 105 forum posts
Events and training
Contests won Poetry with a tune: English to Italian
Professional practices Claudia Cherici endorses ProZ.com's Professional Guidelines.
Bio
Certified%20PROs.jpg



Titoli di Studio

Diploma di Liceo Linguistico conseguito presso il Liceo Linguistico S. Umiltà, Faenza, con la votazione: sessanta/sessantesimi (60/60)

Diploma Superiore di Interprete Traduttore conseguito presso la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori, sede di Bologna, con la votazione:
novantotto/centesimi (98/100) per la lingua Inglese
novantanove/centesimi (99/100) per la lingua Francese

Corsi di studio all’estero presso:
St. Peter’s School of English, Canterbury, Kent, UK.
Université Catholique de l’Ouest, Angers, Maine-et-Loire, France


Esperienze professionali

Dal 1988 svolgo la professione di Traduttrice/Interprete libera professionista per conto di ditte ed agenzie di traduzione, locali e non.
Presso la mia abitazione dispongo di un ufficio di traduzione completamente attrezzato.
Ho acquisito esperienza specifica nei seguenti settori:

- Traduzione tecnica e letteraria, in particolare, MANUALISTICA TECNICA (in particolare per l’industria MECCANICA, MACCHINE AUTOMATICHE E DI IMBALLAGGIO, MACCHINE AGRICOLE E MOVIMENTO TERRA, ELETTRONICA, CERAMICA), FOOD SERVICE, SELEZIONE E TRASFORMAZIONE PRODOTTI ALIMENTARI, INGEGNERIA MOTOCICLISTICA, DOCUMENTAZIONE LEGALE E CONTABILE, CONTRATTISTICA, MEDICINA, FARMACOLOGIA.

Esperienza pluriennale nella TRADUZIONE TECNICA BREVETTUALE e terminologia specifica

- Esperienza nel campo della traduzione editoriale: collaboro regolarmente con riviste tecniche dedicate e in particolare con una prestigiosa rivista di divulgazione scientifica (dettagli su richiesta)

- Regolare attività di traduzione per primari gruppi industriali leader mondiali nel settore engineering (in particolare automotive, impiantistica e progettazione di macchinari avanzati)

- Traduzione, writing ed elaborazione contenuti e selezione materiale fotografico per siti Web (www.ducati.com/racing, www.clinicamobile.com).

- Per diciassette anni (1992-2009) ho collaborato come INTERPRETE/ASSISTENTE del Dr. Claudio Costa (direttore della Clinica Mobile, IRTA Medical Division) a seguito dei Gran Premi del Campionato del Mondo MotoGP, Campionato del Mondo Superbike e Formula 1. Conseguentemente, ho acquisito esperienza specifica nei settori del MOTOCICLISMO, MOTORISMO SPORTIVO, MEDICINA D’URGENZA, TRAUMATOLOGIA

- Traduzioni commerciali

- Interpretariati commerciali (fiere ed esposizioni internazionali in numerosi settori merceologici)

- Trainer di traduzione tecnica e scientifica per proz.com. Corso somministrato: Traduzione tecnico-scientifica, tecniche e tips. http://www.proz.com/translator-training/course/9160-traduzione_tecnico_scientifica%3A_tecniche_e_tips

http://www.proz.com/videos/2945-traduzione-tecnico-scientifica-tecniche-e-tips

- Servizi di interprete di sala, hostess, responsabile accreditamento in vari congressi

Nota: per motivi personali trascorro regolarmente parte dell’anno in Gran Bretagna, ho una conoscenza approfondita della cultura e lifestyle inglese e parlo quotidianamente inglese nella vita privata e lavorativa.

------------------------------

Education

Liceo Linguistico, Liceo Linguistico S. Umiltà, Faenza, with final mark: Sixty out of Sixty (60/60)

Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori, Bologna, with final marks:
(98/100) for the English language
(99/100) for the French language

Education abroad:
St. Peter’s School of English, Canterbury, Kent, UK.
Université Catholique de l’Ouest, Angers, Maine-et-Loire, France

Professional experience

I have been working as a Freelance Technical Translator since 1988.
I work from my own office fully equipped with the latest hardware/software

I have acquired specific experience in the following technical fields:
TECHNICAL LITERATURE, MECHANICAL ENGINEERING, AUTOMATIC MACHINERY, PACKAGING MACHINERY, FARMING AND EARTH MOVING MACHINERY, ELECTRONICS, CERAMICS, MOTORCYCLE ENGINEERING. CONTRACTUAL AND LEGAL DOCUMENTATION, MEDICINE.

Extensive INTERNATIONAL PATENT TRANSLATION experience.

I am a published translator and translate technical/scientific features for technical publications and in particular for one prestigious popular science magazine (details on request).

I have delivered a course on technical and scientific translation as a trainer for proz.com. Course name: Traduzione tecnico-scientifica, tecniche e tips. http://www.proz.com/translator-training/course/9160-traduzione_tecnico_scientifica%3A_tecniche_e_tips

http://www.proz.com/videos/2945-traduzione-tecnico-scientifica-tecniche-e-tips

I regularly translate for world-leading industrial engineering groups (particularly in the automotive, plant engineering and advanced machine designing and construction sectors).

I have worked as a translator and web master for motorcycling websites (details provided on request).

For seventeen years (1992-2009) I have worked in the MotoGP environment (IRTA Medical Division) as an interpreter at MotoGP and SBK world championship events - acquiring specific experience in the fields of MOTORCYCLING, MOTOR SPORTS, EMERGENCY MEDICINE AND TRAUMATOLOGY.

Note: For personal reasons I regularly spend part of the year in Great Britain and I’ve become familiar with British culture and lifestyle.
This user has earned KudoZ points by helping other translators with PRO-level terms. Click point total(s) to see term translations provided.

Total pts earned: 2405
PRO-level pts: 2287


Top languages (PRO)
English to Italian1410
Italian to English877
Top general fields (PRO)
Tech/Engineering1079
Other480
Medical233
Law/Patents196
Bus/Financial147
Pts in 4 more flds >
Top specific fields (PRO)
Mechanics / Mech Engineering615
Automotive / Cars & Trucks317
Medical (general)201
Law: Contract(s)168
Engineering (general)139
Construction / Civil Engineering107
Cooking / Culinary84
Pts in 40 more flds >

See all points earned >
Keywords: english, translation, technical, motorcycling, automation, automotive, legal, contract, medical, engineering, packaging, culinary


Profile last updated
Aug 14, 2020



More translators and interpreters: English to Italian - Italian to English   More language pairs



Your current localization setting

English

Select a language

All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search